Convenzioni di cotutela per dottorandi iscritti presso Atenei stranieri

Un'opportunità per dottorandi iscritti presso Atenei stranieri.

La cotutela di tesi di dottorato si realizza attraverso la stipula di una convenzione bilaterale, a favore di un singolo dottorando, che vincola due Atenei, di due Paesi differenti, al rilascio del doppio titolo di Dottore di Ricerca, a seguito di una discussione finale unica.

I dottorandi iscritti presso Atenei esteri, possono richiedere l'attivazione di una convenzione di cotutela, utilizzando l'apposito modulo [.pdf 106 KB].  

La procedura di attivazione della cotutela deve avere inizio preferibilmente entro la fine del primo anno d'iscrizione al dottorato.

Elementi principali della cotutela

  • Programma congiunto e co-supervisione: il dottorando svolge la propria attività di ricerca sotto la responsabilità congiunta dei due supervisori, assegnati dall'Università di provenienza (cioè l'Ateneo sede di prima iscrizione) e dall'Università ospitante.
  • Calendario: Il dottorando deve svolgere le proprie attività di formazione e ricerca in periodi approssimativamente equivalenti presso ciascuna sede, secondo un calendario stabilito congiuntamente dai due supervisori.
  • Discussione finale: l'esame finale si tiene solitamente presso la sede amministrativa, di fronte a una commissione giudicatrice paritetica composta da membri designati da entrambi gli Atenei.
  • Titolo doppio: ciascun Ateneo convenzionato rilascia il proprio titolo di Dottore di Ricerca, con l'esplicita menzione della collaborazione in cotutela con l'Ateneo partner.