Assistenza sanitaria per ospiti internazionali (per attività didattica, di ricerca e per formazione personale)

Informazioni utili per fruire dell'assistenza medica in Italia.

L’Italia ha un sistema sanitario pubblico chiamato Servizio Sanitario Nazionale (SSN), suddiviso in Aziende Unità Sanitarie Locali (AUSL).

Consulta le informazione sulle AUSL di Bologna e dei campus della Romagna.

 

Se vieni da un Paese dell’UE

Se vieni da un Paese dell’Unione Europea, dello Spazio Economico Europeo (Islanda, Liechtenstein, Norvegia) e della Svizzera, e puoi esibire una valida  Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM) o altro Attestato di diritto (es. Modello E 106, E 109, etc.), hai diritto ad accedere alle cure sanitarie necessarie in forma diretta presso le strutture pubbliche e private convenzionate del Servizio Sanitario Nazionale. Per ottenere le cure sanitarie ti sarà richiesto il pagamento di un ticket. Attenzione: con la tessera TEAM Card non puoi accedere alle cure "programmate all'estero", ossia prevedibili (es. cure dentarie non urgenti, cure termali, ecc.). 

Se non hai la TEAM, prima di partire, informati presso l’ente assicurativo nel tuo Paese di provenienza per sapere se e come puoi accedere all’assistenza sanitaria italiana.

Se paghi le tasse in Italia e resti in Italia per più di 3 mesi puoi iscriverti gratuitamente al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) (Vedi oltre).

Maggiori informazioni sull'assistenza sanitaria per i cittadini UE

 

Se vieni da un Paese non-UE

Informazioni generali

Come prima cosa verifica presso l’ente assicurativo nel tuo Paese di provenienza se esiste una Convenzione con l’Italia per l’assistenza sanitaria e le modalità per accedervi. In assenza di Convenzione hai diverse opzioni. 

Soggiorni brevi

Se il tuo soggiorno dura meno di 90 giorni puoi usufruire delle prestazioni sanitarie urgenti e di elezione dietro pagamento delle relative tariffe regionali. È opportuno acquistare un’assicurazione sanitaria privata valida in Italia per essere rimborsato. Per sapere se la prestazione è rimborsabile devi rivolgerti alla tua assicurazione.

Non è prevista l’iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale.

Soggiorni lunghi

Se rimani in Italia per più di 90 giorni puoi iscriverti al Servizio Sanitario Nazionale. L'iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) garantisce l’assistenza sanitaria alle stesse condizioni previste per i cittadini italiani. Consulta  l’elenco delle prestazioni offerte.

In alternativa, devi acquistare un’assicurazione sanitaria privata valida in Italia che copra l’intero periodo di soggiorno, a copertura di tutte le spese collegate al rischio di malattia, infortunio e maternità.

 

Informazioni sull’iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale per ospiti internazionali (per attività didattica, di ricerca e per formazione personale)

Se hai un visto per motivi di studio, consulta le pagine dedicate all’assistenza sanitaria per studenti.

Se hai un visto per lavoro autonomo, e resti in Italia per più di 3 mesi hai diritto all’iscrizione obbligatoria gratuita al Servizio Sanitario Nazionale (Vedi oltre);

Se hai un visto per ricerca:

  • se sei un ricercatore a tempo determinato RTD o hai un contratto soggetto a IRPEF, hai diritto all’iscrizione obbligatoria gratuita al Servizio Sanitario Nazionale;

  • negli altri casi (per es: assegno di ricerca) puoi fare l’iscrizione volontaria al Servizio Sanitario Nazionale pagando la relativa quota.
    Confrontati col Dipartimento di riferimento per informazioni sulla possibilità di ottenere il rimborso di questa spesa.

 

Come effettuare l’iscrizione obbligatoria al Servizio Sanitario Nazionale

Per iscriverti devi recarti a uno sportello dell’AUSL con servizio CUP-Anagrafe Sanitaria. Porta con te:

  • il passaporto con il visto;
  • il contratto di lavoro (e cedolino dei compensi, se disponibile);
  • la ricevuta dell'Ufficio Postale attestante l'avvenuta presentazione della richiesta di primo rilascio o di rinnovo del permesso di soggiorno, o il permesso di soggiorno in corso di validità;
  • l’autocertificazione di residenza oppure, se non sei residente, una dichiarazione di effettiva dimora, quale risulta sul permesso di soggiorno
  • il codice fiscale.

L’iscrizione obbligatoria viene garantita da subito; in attesa del rilascio del primo permesso di soggiorno l'iscrizione è temporanea e verrà convertita con la stessa durata del permesso al momento della presentazione di questo.

 

Come effettuare l’iscrizione volontaria al Servizio Sanitario Nazionale da ricercatore

Se sei un ricercatore, per iscriverti al Servizio Sanitario Nazionale dovrai versare un contributo, calcolato in base al reddito percepito l’anno precedente quello di iscrizione. La tabella per calcolare il contributo è disponibile sul sito del Ministero
della Salute
; in ogni caso l’importo, annuale e non frazionabile, non potrà essere inferiore a € 387,34.

Attenzione: l’iscrizione al SSN viene effettuata per anno solare, dal 1 gennaio al 31 dicembre, e non è possibile iscriversi in anticipo per l’anno successivo. Se ad esempio arrivi a settembre, devi valutare la convenienza, perché l’iscrizione è valida solo fino al 31 dicembre, ma devi comunque pagare l’intero contributo annuale.

Per effettuare l’iscrizione:

  1. contatta uno Sportello Unico dell’AUSL (o CUP), per verificare quale è l'importo corretto da pagare nel tuo caso. Porta con te i documenti che dimostrino il reddito maturato in Italia; il reddito conseguito all'estero può essere autocertificato. Chiedi anche informazioni su come compilare correttamente il bollettino postale.
    Consulta l’elenco degli Sportelli Unici del’AUSL (o CUP) di Bologna, e della Romagna (province di Cesena, Forlì, Ravenna e Rimini);
  2. chiedi a un ufficio postale un bollettino e compilalo. Se vivi in Emilia Romagna, il beneficiario è: AMMINISTRAZIONE PT.C.S.S.N. REGIONE EMILIA-ROMAGNA - numero: 569400; in “Causale” puoi scrivere: “Iscrizione volontaria SSN per l'anno solare…” (devi indicare l'anno di riferimento per l'iscrizione al SSN). Paga l'importo richiesto e conserva la ricevuta di pagamento;
  3. fai una copia della ricevuta e allegala alla domanda di permesso di soggiorno;
  4. recati di nuovo allo Sportello Unico dell’AUSL (o CUP) e porta con te:
    - la ricevuta di pagamento;
    - la ricevuta della domanda di permesso di soggiorno;
    - il passaporto con visto di ingresso per “ricerca” (oppure, se già possedevi un permesso di soggiorno italiano, il “Nulla Osta” per attività di ricerca e una copia della domanda di permesso di soggiorno, comprovante la richiesta del permesso Ricercatore).
    Al CUP ti verrà chiesto di scegliere un medico di medicina generale (detto anche “medico di base” o “medico di famiglia”). La tua copertura sanitaria verrà attivata; controlla sempre la data di fine della tua copertura.

Se sei domiciliato nelle province di Forlì-Cesena, Rimini e Ravenna puoi rivolgerti agli Uffici Relazioni Internazionali di Cesena, ForlìRavennaRimini per maggiori informazioni sui servizi di assistenza.