Dottorati di Ricerca in Alto Apprendistato

Un'iniziativa per rafforzare il rapporto tra Atenei e imprese.

L’offerta formativa della Regione Emilia-Romagna per il terzo ciclo di studi universitari

Il Dottorato in Alto Apprendistato rappresenta per enti e imprese, anche di piccole e medie dimensioni, un’opportunità per sviluppare ricerca e inserire giovane personale di elevata qualificazione, progettando un percorso formativo in linea con le proprie esigenze e usufruendo di benefici fiscali.

L’Università di Bologna ha sottoscritto il Protocollo d’intesa relativo ai contratti di alto apprendistato finalizzati al conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca con la Regione Emilia-Romagna, le altre Università aventi sede sul territorio regionale (Università degli Studi di Ferrara, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Università degli Studi di Parma) e le parti sociali.

L’iniziativa è rivolta a enti e imprese aventi almeno una sede operativa situata sul territorio della Regione-Emilia-Romagna che possono stipulare "contratti di apprendistato per l’acquisizione di un Dottorato di ricerca" con dottorandi di età inferiore a 30 anni già iscritti o risultati idonei alle ultime selezioni per l’ammissione al Dottorato.

Il contratto di apprendistato che l’ente o impresa stipulare con lo studente deve garantire l’alternanza studio-lavoro e il completamento del percorso formativo necessario per conseguire il titolo di Dottore di Ricerca.

Parte integrante del contratto è il piano formativo individuale costituito dal progetto di ricerca, definito di concerto dall’Università e dal datore di lavoro. Esso prevede un minimo di 120 ore annue di formazione: 48 ore di formazione presso il datore di lavoro e 72 ore di formazione in Università.

 

 Benefici per enti e imprese

  • collaborazione scientifica pluriennale per lo sviluppo di tematiche di ricerca di interesse comune
  • possibilità di partecipazione alla procedura di selezione
  • definizione congiunta del percorso formativo
  • benefici retributivi, contributivi e fiscali

Modalità e tempistiche

Per accedere a questa possibilità di collaborazione, enti e imprese devono:

  • individuare il corso di dottorato di interesse tra quelli attivati da questo Ateneo: elenco dottorati a.a. 2022/23
  •  richiedere all’ufficio Accreditamento, Accordi e Finanziamenti del Settore Dottorato il modello di lettera di intenti, che andrà compilato e restituito via pec. La lettera di intenti rappresenta un impegno formale per la successiva sottoscrizione del protocollo di intesa con l’Università e per la stipula del contratto di Alto Apprendistato con un candidato idoneo alla selezione di dottorato

In caso la lettera venga inviata in tempi utili rispetto alle tempistiche della selezione, un rappresentante dell’impresa può partecipare alle procedure di selezione, in qualità di membro esperto, al fine di esprimere un giudizio in merito all’idoneità dei candidati alla posizione di alto apprendistato.

A selezione ultimata, enti e imprese devono:

  • sottoscrivere il protocollo di intesa con l’Università al fine di individuare i compiti e le responsabilità dell’Ateneo e del datore di lavoro, attraverso la definizione della durata, dei contenuti e dell'organizzazione didattica dei percorsi, nonché la disciplina della proprietà intellettuale
  • procedere all’assunzione del candidato idoneo, una volta immatricolato. Il rapporto di lavoro dipendente deve essere garantito fino al termine della carriera del dottorando