Ambienti con rischio da radiazioni ionizzanti

Descrizione delle attività svolte dall'Ateneo e delle norme di sicurezza da seguire per la prevenzione e protezione del personale che opera in ambienti con rischio da radiazioni ionizzanti.
Radiazioni

 
I rischi, e di conseguenza le valutazioni, le indicazioni e le procedure di sicurezza, sono funzionali al tipo di sorgente che si intende detenere/utilizzare e quindi devono essere “personalizzati” ad ogni situazione contingente.

È tuttavia possibile grossolanamente raggruppare gli ambienti di lavoro con rischio da radiazioni ionizzanti in 2 grandi famiglie:
 

  • locali in cui sono presenti apparecchi radiogeni;
  • locali in cui sono presenti e si manipolano sorgenti radioattive.

Per ogni realtà di Unibo in cui sono presenti queste sorgenti, esiste:

  • una progettazione iniziale del sito, con indicate le barriere fisiche protettive e/o le norme costruttive particolari per il locale in cui si eseguirà la pratica;
  • una valutazione preventiva del rischio specifico, con indicazioni di protezione (Norme Operative di Radioprotezione e di emergenza) nonché degli eventuali dispositivi di protezione da utilizzare;
  • una comunicazione e/o autorizzazione agli organi competenti dell’attività specifica;
  • un Registro di Radioprotezione in cui sono riportate tutte le comunicazioni relative alla pratica;
  • una valutazione personalizzata per ogni operatore autorizzato all’utilizzo della sorgente;
  • un controllo periodico di radioprotezione.

Si rimanda al Quaderno Operativo di Radioprotezione  per tutte le procedure legali e di sicurezza che devono essere messe in atto da ogni Dipartimento prima di installare una nuova pratica radiologica o modificare una pratica in essere e si rammenta di contattare l’U.O. di Fisica Sanitaria prima di ogni intervento così da concordare l’iter della pratica.