00381 - FILOLOGIA ROMANZA (A-L)

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Istruzione di qualità Ridurre le disuguaglianze Città e comunità sostenibili La vita sulla terra

Anno Accademico 2022/2023

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso lo studente possiede le nozioni per lo studio delle letterature romanze (soprattutto nel periodo medievale) e delle lingue romanze (dalle origini a oggi) in una prospettiva comparatistica. Lo studente acquisisce inoltre nozioni essenziali riguardo alla posizione dell'italiano tra le lingue romanze e sull'espansione di queste in Europa e nel mondo, nonché su settori e problemi variamente connessi alla filologia testuale, tra i quali la comunicazione letteraria e la semiotica. Acquisisce la capacità di gestire gli strumenti propri della disciplina (dizionari, grammatiche, banche dati, ecc.), di interpretare le fonti (attraverso la lettura di manoscritti antichi ed edizioni critiche) e di applicarli nell’analisi di testi.

Contenuti

• Il corso è articolato in due moduli per complessive 60 ore corrispondenti a 12 CFU.

Inizio delle lezioni: 30 gennaio 2023

Modulo 1. (30 ore, 6 CFU): 30 gennaio 2023-10 marzo 2023

Modulo 2. (30 ore, 6 CFU): 20 marzo 2023-5 maggio 2023

Orario delle lezioni: lunedì, ore 15-17 in via Zamboni 38 aula V; martedì, ore 15-17 in via Zamboni 38 aula V; mercoledì, ore 13-15 in via Zamboni 38 aula V.

Gli studenti che hanno optato per l’esame da 6 CFU potranno frequentare la prima parte del corso, Modulo 1 (30 gennaio 2023-10 marzo 2023).

Al termine del corso lo studente, attraverso la lettura filologica di alcuni testi significativi, possiede una buona conoscenza dei principali metodi e delle tematiche della filologia delle lingue e letterature romanze, consegue l’approfondimento comparativo di almeno un genere letterario e di una varietà linguistica, oltre che un adeguato sviluppo del senso critico e degli strumenti della pratica editoriale dei testi letterari moderni.

• Organizzazione e temi del corso:

Il corso non richiede la preventiva conoscenza delle lingue romanze antiche. I testi analizzati a lezione saranno sempre letti anche in traduzione italiana; i testi originali saranno letti con la guida della docente e introdotti in maniera tale da garantire a tutti la massima comprensione. La frequenza è vivamente consigliata.

Modulo 1. I capolavori della letteratura romanza medievale

A1. Fondamenti di Filologia romanza.

Nella prima parte, di carattere generale, si daranno le nozioni di fondamento della disciplina (la filologia moderna, il latino volgare, la storia ed evoluzione dell’italiano e delle lingue romanze, lettura e commento di alcuni fra i testi più antichi, il metodo comparativo) insieme a rudimenti di linguistica, metrica e retorica.

B1. Le letterature dei secoli XII-XIII: testi, generi, autori

Nella seconda parte, fondata sulla lettura filologica di testi selezionati, si studieranno alcuni fra i capolavori delle letterature romanze dell’Europa moderna. Tali testi forniranno l’occasione per esplorare generi letterari diversi (epica, lirica, narrativa breve): i romanzi di materia classica, la lirica provenzale, i primi racconti in volgare.

Modulo 2. Eroi e tradizioni testuali

A2. Profili di moderni: Tristano, Lancillotto, Galvano, Perceval

In questa parte del corso si studierà in particolare il genere romanzesco, la sua origine e diffusione medievale dalla Francia all’Europa. Particolare rilievo sarà dato alla diffusione di tali tradizioni in Italia, nell’opera di Dante, Petrarca e Boccaccio, ma anche alle specifiche riprese o peculiari riscritture in testi letterari, teatrali e cinematografici moderni.

B2. L’opera letteraria nel tempo: esercizi di critica del testo.

Si studieranno metodi e problemi posti dall’edizione critica dei testi medievali, in particolare degli autografi.

È prevista (ma non è obbligatoria ai fini dell’esame) l’assegnazione di tesine scritte (anche per gruppi di studenti) sostitutive di una parte della prova d’esame. Alla fine del corso è usuale un’esercitazione, guidata dalla docente, sui manoscritti della Biblioteca Universitaria di Bologna.

Testi/Bibliografia

z

Modulo 1

Studenti frequentanti

A1. Per gli studenti frequentanti, base indispensabile della preparazione sarà costituita dagli appunti delle lezioni e dalle dispense a cura dei docenti, disponibili online, sin dall’inizio del corso, sulla piattaforma Virtuale di Ateneo. Gli studenti frequentanti studieranno inoltre L. Leonardi-L. Minervini-E. Burgio, Filologia romanza. Critica del testo, linguistica, analisi letteraria, Firenze, Le Monnier, 2022 (pagine selezionate che saranno indicate a lezione).

B1. Un saggio critico o un capitolo di libro a scelta fra quelli elencati nelle dispense.

Modulo 2

Studenti frequentanti

A2. Gli studenti prepareranno i testi commentati a lezione e riuniti in dispensa, letti col sussidio di A. Roncaglia, La lingua d’oïl. Profilo di grammatica storica del francese antico, Roma (una qualsiasi ristampa).

B2. Un saggio critico o un capitolo di libro a scelta, metodologicamente rilevante, tra quelli elencati nelle dispense.

Studenti non frequentanti

In aggiunta al programma per studenti frequentanti:

per il Modulo 1:

- L. Leonardi-L. Minervini-E. Burgio, Filologia romanza. Critica del testo, linguistica, analisi letteraria, Firenze, Le Monnier, 2022 (integrale);

per il Modulo 2:

- P. Gresti (a cura di), Antologia delle letterature romanze del Medioevo, Bologna, Pàtron, 2011 (lettura integrale)

Si invitano gli studenti che intendono sostenere l’esame da non frequentanti e gli studenti Erasmus a scrivere alla docente per ricevere informazioni supplementari.

Orario e sede delle lezioni

Inizio lezioni: 30 gennaio 2023

lunedì, ore 15-17 via Zamboni 38 aula V

martedì, ore 15-17 via Zamboni 38 aula V

mercoledì, ore 13-15 via Zamboni 38 aula V

Metodi didattici

- Lezioni frontali con approfondimenti a carattere seminariale;

- Lettura filologica e commento dei testi, indagati nella loro condizione storica di genesi e trasmissione;

- Discussione dei metodi, delle diverse ipotesi interpretative e delle principali e aggiornate linee critiche.

- Dagli studenti interessati possono essere richiesti alla docente particolari percorsi di approfondimento, con bibliografie specifiche e laboratori appositamente istituiti. Sono previsti tutorati individuali.

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

  • La verifica finale dell'apprendimento è affidata a un colloquio orale.
  • Lo studente deve dimostrare, con correttezza e proprietà di linguaggio, di aver studiato tutte le parti del programma.
  • Nel colloquio il docente valuterà i risultati di apprendimento e le capacità critiche dello studente che deve essere in grado di leggere, commentare filologicamente e interpretare i testi letterari in programma, con chiarezza e pertinenza. Saranno sottoposti allo studente almeno due campioni testuali fra quelli esaminati durante le lezioni.
  • Assieme alla comprensione storica del testo ed in particolare del genere letterario studiato, lo studente dovrà dimostrare competenza dei metodi e problemi della filologia romanza, capacità di argomentazione comparativa e buona padronanza del lessico specifico della pratica editoriale moderna.
  • Qualora lo studente abbia deciso di presentare una tesina scritta la valutazione comprenderà l’esposizione orale della stessa dinnanzi ai compagni, in aula e in un orario stabilito (il docente giudicherà la capacità di sintesi, la proprietà del linguaggio, la coerenza argomentativa, oltre che già contenuto e forma dell’elaborato scritto, consegnato obbligatoriamente almeno dieci giorni prima della data dell’esposizione).
  • Questa la scansione dell’esame orale: 1. Sviluppo di un argomento trattato nella parte I. Fondamenti di Filologia romanza; 2. Lettura e commento di parte di uno/due testi studiati a lezione; 3. Sviluppo di un argomento trattato nella parte III. Critica del testo con discussione delle letture a scelta.
  • La valutazione si atterrà alle seguenti indicazioni:
  • -voto insufficiente: assenza o forte carenza delle nozioni di base e nella capacità di lettura e analisi dei testi;
  • -voto sufficiente (18): possesso delle nozioni di base e sufficiente comprensione dei testi;
  • -voto positivo (dal 19 al 25): possesso di conoscenze di livello intermedio; lettura corretta, ma non approfondita dei testi, capacità sufficiente di connessione fra i diversi contenuti, espressione sostanzialmente corretta, ma con qualche imprecisione;
  • -voto più che positivo (dal 26 al 28): possesso di conoscenze buone e articolate; linguaggio corretto; capacità critiche discrete.
  • -voto eccellente (dal 29 al 30L): possesso di conoscenze di livello più che buono; precisione, maturità di espressione e approfondimento; ottima autonomia nella rielaborazione dei dati e nella capacità di connessione fra i contenuti; capacità critica e padronanza nella lettura, traduzione e commento filologico testi. La lode verrà assegnata solo agli studenti che dimostreranno una completa e solida conoscenza del programma, capacità critica, autonomia ed esposizione brillante ed organica dei saperi acquisiti.

Strumenti a supporto della didattica

Facsimili di manoscritti e loro forme digitali; Databases linguistici e testuali di settore; libri e materiali cartacei;cocabolar etimologici, lessici etc., biblioteche, powerpoint; documenti filmati.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Giuseppina Brunetti

Consulta il sito web di Niccolò Gensini