95669 - LOGICA (2) (LM)

Scheda insegnamento

Anno Accademico 2021/2022

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso lo studente acquisisce conoscenze fondamentali relative alla semantica e alla teoria della dimostrazione per la logica classica o sue estensioni quali le logiche modali o per sistemi formali alternativi quali ad esempio la logica intuizionista o altre logiche non classiche.

Contenuti

La Teoria dei Modelli è quel ramo della Logica che si occupa delle relazioni che intercorrono tra linguaggio logico e strutture matematiche, o, ancor meglio, che utilizza il linguaggio logico del primordine come vero e proprio strumento di indagine matematica. Il Logico infatti non usa la riga o il compasso “per fare matematica”, bensì il linguaggio stesso, tramite il quale descrive i modelli matematici che intende indagare. Quali relazioni intercorrono dunque tra teorie sintattiche e strutture matematiche descritte? In quale modo le proprietà delle prime si riflettono sulle proprietà delle seconde, e viceversa? Vediamo alcuni esempi. Quelle teorie al primordine la cui validità si preservi nel passaggio da modelli a sottostrutture possono essere assiomatizzate facendo ricorso unicamente a formule universali. Un altro esempio: teorie matematiche che soddisfino certe proprietà algebriche godono dell’eliminazione dei quantificatori (per ogni formula nel linguaggio della teoria esiste quindi una formula senza quantificatori ad essa equivalente all'interno della teoria); qualora esista una procedura meccanica per stabilire la verità delle formule chiuse senza quantificatori, avremo quindi che l'intera teoria è decidibile. La Teoria dei Modelli è pertanto un ramo della Logica i cui risultati possono avere delle ricadute dirette sulla nostra conoscenza delle strutture matematiche (sono ad esempio note sue rilevanti applicazioni nell’ambito della geometria algebrica in relazione alla soluzione di importanti congetture quali la congettura di Mordell-Lang).

Scopo del corso è quello di delineare le nozioni di base della Teoria dei Modelli secondo le seguenti linee: semantica tarskiana per il calcolo dei predicati; strutture algebriche fondamentali: nozioni di monoide, gruppo, anello e campo; Teorema di Compattezza e sue conseguenze; teorie assiomatizzabili universalmente; teorie categoriche: ordini lineari densi stretti senza estremi e gruppi abeliani senza torsione; eliminazione dei quantificatori: ordini lineari densi stretti senza estremi e campi algebrici chiusi; teorie matematiche decidibili: test di Vaught, ordini lineari densi stretti senza estremi, campi algebrici chiusi; ultrafiltri: rapporti col Teorema di Compattezza e basi di Analisi Non Standard.

 

Per i non frequentanti, si rimanda alle indicazioni riportate nella voce Testi/Bibliografia.

Testi/Bibliografia

Testo di base saranno le dispense fornite dal Docente.

Per gli studenti non frequentanti è previsto anche lo studio dei capitoli 1 e 2 del volume di A. Marcja, C. Toffalori: Introduzione alla teoria dei modelli, Pitagora, 1998.

Metodi didattici

Lezioni frontali con modalità mista presenza in aula/trasmissione on line. Utilizzo di lavagna elettronica.

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

L’esame consisterà in una prova orale nella quale si dovrà dimostrare la comprensione dei concetti trattati a lezione mediante esposizione orale ma anche mediante la trattazione per iscritto delle definizioni dei concetti di base e delle dimostrazioni dei risultati fondamentali.

L'esame consisterà nell'esposizione di un argomento a piacere e in una domanda posta dal Docente.

Strumenti a supporto della didattica

- Trasmissione delle lezioni su piattaforma on line

- Lavagna elettronica

- Dispense del Docente

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Guido Gherardi