90681 - INTERPRETAZIONE DIALOGICA TRA LO SPAGNOLO E L'ITALIANO I (PRIMA LINGUA)

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Istruzione di qualità Lavoro dignitoso e crescita economica Consumo e produzione responsabili La vita sulla terra

Anno Accademico 2021/2022

Conoscenze e abilità da conseguire

Lo/a studente/ssa - conosce i problemi della interpretazione dialogica ed è in grado di valutare in quel campo comportamenti deontologicamente corretti - è capace di utilizzare le strategie base della interpretazione dialogica in situazioni comunicative che simulano la reale pratica professionale

Contenuti

Interpretazione Dialogica I (Dott.ssa María Jesús González Rodríguez) è il primo modulo componente del corso integrato LINGUA E MEDIAZIONE SPAGNOLA II (PRIMA LINGUA) (C.I.)

Le lezioni si terranno nel primo semestre e si articoleranno in due blocchi settimanali. Per questo corso è previsto l'obbligo di frequenza da parte dello studente al 70%.

All'inizio del corso saranno presentati macro-temi in dettaglio, in aula (area tematica: Turismo, con fiere del settore, tipologie turismo del territorio, turismo del benessere ed enogastronomico).

Nel primo blocco settimanale verranno svolte attività mirate allo sviluppo delle abilità necessarie per l'interpretazione dialogica, nonché all'attivazione delle modalità comunicative e del lessico specifico riguardante i temi affrontati. Queste lezioni saranno dedicate a:

- indicazioni generali per il lavoro di documentazione previo all'incarico di interpretazione,

- esercizi di ascolto attivo e comprensione attiva,

- individuazione delle idee chiave,

- strutturazione e memorizzazione delle informazioni,

- sistematizzazione e sincronizzazione dei contenuti,

- sintesi di testi orali (a partire di materiali audio e video)

- riformulazioni (recall) intra- e interlinguistiche,

- attività di oralizzazione di testi scritti,

- pratica della traduzione a vista.

Il secondo blocco settimanale, in compresenza con la docente di madrelingua italiana, sarà dedicato alla pratica della traduzione a vista passiva e attiva (SPA>IT; IT>SPA) e alle esercitazioni di interpretazione dialogica. Con simulazioni (role play) di interazioni vere e proprie sulla base di una traccia-guida precedentemente elaborata dalla docente titolare del modulo, verranno sviluppati dialoghi naturali ed spontaneo in cui gli studenti saranno chiamati ad interpretare da e verso le due lingue. Le simulazioni verteranno sui macro-temi del corso, e l'argomento sarà comunicato agli studenti con un certo anticipo, in modo tale da consentire loro di prepararsi contenutisticamente e linguisticamente.

Le numerose attività proposte sono mirate al potenziamento delle capacità di ascolto, comprensione, gestione e produzione della comunicazione orale non solo nella lingua straniera, ma anche della madrelingua degli studenti

Per completare il percorso formativo, e ogni volta che se ne presenti l'occasione, verranno introdotte nozioni di deontologia professionale – con spunti e suggerimenti su come affrontare il mondo del lavoro.

 

 

Testi/Bibliografia

- BRIZ, A. (2008), Saber hablar. Madrid: Aguilar-Instituto Cervantes.

- CIRILLO, L., NIEMANTS, N. (eds.) (2017), Teaching Dialogue Interpreting. Research-based proposals for higher education. Amsterdam: John Benjamins.

- COLLADOS AÍS A. y M. M. FERNÁNDEZ SÁNCHEZ (Coords.) (2001), Manual de interpretación bilateral, Granada: Editorial Comares.

- GONZÁLEZ RODRÍGUEZ, M. J. (2006), “El ‘don de la ubicuidad' en la Interpretación Bilateral. Esbozo didáctico para emprender los primeros pasos”. Rivista Mediazioni. http://www.mediazionionline.articoli/02gonzalez.htm [http://www.mediazionionline.it/], DOI10.1473/media31

- GONZÁLEZ RODRÍGUEZ M.J. (2006), “De lo escrito a lo oral y viceversa: una forma de ordenar el desorden en mediación”, in Capanaga, P., Bazzocchi, G. (eds.). Mediación lingüística entre lenguas afines: español / italiano. Bologna: Gedit, pp. 245-272.

- GONZÁLEZ RODRÍGUEZ, M.J. (2014), “La interpretación bilateral como disciplina de especialización: formación y perspectivas en investigación”, en SKOPOS, Revista internacional de Traducción e Interpretación, vol. 5, pp. 59-76.

- RUSSO M. e G. MACK (a cura di) (2005), Interpretazione di trattativa. La mediazione linguistico-culturale nel contesto formativo e professionale, Milano: Hoepli.

- TROVATO, G. (2012). "El papel del intérprete en el ámbito ferial y de negocios: actividades y propuestas didácticas", Entreculturas 5, 75-91, http://www.entreculturas.uma.es/n5pdf/articulo04.pdf

- WADENSJO, C. (2002), “The double role of a dialogue interpreter”. In F. Pöchhacker & M. Shlesinger (eds.) The Interpreting Studies Reader. London: Routledge, pp. 355-370.

 

Ulteriori indicazioni bibliografiche saranno fornite durante il corso.

Metodi didattici

Avviamento delle tecniche di strutturazione dell'informazione, memorizzazione, rielaborazione interlinguistica, selezione terminologica, introduzione ai comportamenti comunicativi attivi con esercitazioni tali come:

- lettura attiva-oralizzazione testuale,

- strutturazione, memorizzazione e organizzazione delle informazioni e contenuti,

- esercitazioni di riformulazione intralinguistica (testo di partenza vel. media-alta),

- esercitazioni di riformulazione interlinguistica (testo di partenza vel. media),

- recupero delle informazioni e contenuti /ricostruzione/ riformulazione (recall),

- riassunti a vista: ascolto, comprensione, memorizzazione e sintesi di testi orali o audio/video, individuazione delle parole/idee chiave e dei nessi logici,

- costruzione testuale e tecniche di improvvisazione a partire da elementi chiave, e ricostruzione delle informazioni mancanti in un testo,

- sistematizzazioni di elementi para-verbali, della cinesica e di meccanismi comunicativi per la gestione dei turni e raggiungimento degli obbiettivi individuati,

- traduzione a vista attiva e passiva (IT>SPA; SPA>IT).

Parte centrale del insegnamento:

SIMULAZIONI di Interpretazione Dialogica

- dialoghi naturali fra le due docenti in cui gli studenti saranno chiamati ad interpretare da e verso le due lingue.

A conclusione di quest'ultimo esercizio, si daranno indicazioni e feedback per:

- autovalutazione

- valutazione di gruppo

- valutazione docente

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

Al fine di dimostrare l'avvenuto apprendimento da parte dello studente delle tecniche di memorizzazione, strutturazione, selezione terminologica, rielaborazione interlinguistica, con comportamento comunicativo attivo e produzione orale spontanea in ITA><SPA, ci sarà una prova d'esame consistente in una traduzione a vista passiva (dallo spagnolo in italiano, circa 240 parole) e una prova di interpretazione dialogica di circa 15/20 minuti sugli argomenti trattati a lezione. 

Scala di valutazione dell'esame in Interpretazione dialogica tra lo spagnolo e l'italiano I, Prima lingua:

30-30L: Prova eccellente, che dimostra completa acquisizione delle tecniche d’interpretazione e competenze linguistiche orali, attive e passive, ottima qualità della resa e ottima gestione della situazione comunicativa interlinguistica e interculturale.

27-29: Prova sopra la media, che dimostra una acquisizione molto buona delle tecniche d’interpretazione e competenze linguistiche orali, attive e passive, una pregevole qualità della resa, con imprecisioni di forma e contenuto marginali, e una gestione molto buona della situazione comunicativa interlinguistica e interculturale.

24-26: Prova discreta, con alcune difficoltà nell'utilizzo delle tecniche d'interpretazione e con alcuni problemi di forma e di contenuto riguardanti la resa linguistica orale, e che mostra una capacità complessivamente appropriata di gestione della situazione comunicativa interlinguistica e interculturale.

21-23: Prova sufficiente, ma con vistosi problemi di tecniche d'interpretazione e imprecisioni di forma e contenuto riguardanti la resa linguistica orale e una limitata capacità di gestione della situazione comunicativa interlinguistica e interculturale.

18-20: Prova appena sufficiente, con gravi carenze tecniche e imprecisioni di forma e di contenuto riguardanti la resa linguistica e una scarsa capacità di gestione della situazione comunicativa interlinguistica e interculturale.

Insufficiente: Prova che dimostra l’inadeguata acquisizione delle conoscenze, competenze e abilità attese nel campo dell'interpretazione dialogica spagnolo-italiano.

Il modulo di interpretazione Dialogica I (prima lingua) è parte integrante, insieme al modulo di Lingua e Cultura spagnola II (prima lingua), del corso di Lingua e Mediazione spagnola II (prima lingua).

Il voto complessivo del corso è costituito dalla media dei voti ottenuti nei due moduli componenti il corso.

Strumenti a supporto della didattica

Videoproiettore, piattaforma Teams, laboratori linguistici e amplificatori audio.

Lavoro con materiali in plattaforma Moodle: materiali in rete, testi scritti e materiale audiovisivo.

In aggiunta alla frequenza delle lezioni, si raccomanda agli studenti di fare costante esercitazioni individualmente o in gruppi di tre-quattro persone e registrare i risultati (audio/video), avvalendosi del materiale reso disponibile sulla piattaforma Moodle (e-learning) e materiale proprio.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Maria Jesus Gonzalez Rodriguez