74772 - TEORIA DEL DIRITTO E DELLA GIUSTIZIA

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Pace, giustizia e istituzioni forti

Anno Accademico 2021/2022

Conoscenze e abilità da conseguire

Lo studente verrà introdotto ai principali aspetti teorici del rapporto tra diritto e giustizia sia rispetto ai momenti nei quali esso si concretizza (definizione e identificazione del diritto e delle fonti, ruolo della giustizia nei processi interpretativi, pretese di giustizia/equità recepite negli ordinamenti), sia in relazione alle richieste che le diverse prospettive sviluppate dalle teorie delle giustizia (utilitariste, liberali, liberiste, comunitarie, di stampo aristotelico) pongono per la legittimità e l’evoluzione del diritto nazionale e sovranazionale.

Contenuti

Il corso si svolgerà in modalità mista (in presenza e online) o, nel caso di condizioni sanitarie non ottimali, in modalità online.

Il corso (articolato in due moduli: proff. Bongiovanni e Rotolo) è dedicato all’analisi delle principali teorie della giustizia con riferimento ai contenuti delle diverse proposte (tipo di diritti conferiti, problema della diseguaglianza, assegnazione dei benefici sociali, ruolo della lotteria naturale e del merito), al rapporto tra giustizia e potere, e al ruolo del diritto. Le lezioni affronteranno questi temi (giustizia, contenuti di giustizia, potere, diritto) nei due moduli del corso: il primo modulo (prof. Bongiovanni) li analizzerà in relazione al dibattito liberale contemporaneo, mentre il secondo (prof. Rotolo) lo esaminerà con riferimento al rapporto tra merito, bene collettivo e giustizia.

In particolare, il corso affronterà:

Modulo 1 (prof. Giorgio Bongiovanni): la teoria della giustizia nel dibattito liberale contemporaneo

- J. Rawls e la giustizia come equità

- R. Dworkin e l'eguaglianza di risorse

- Il libertarianism di R. Nozick

- l'approccio delle capacità di A. Sen e M. Nussbaum

- Liberalismo e neoliberalismo in M. Foucault: la nascita della biopolitica

Modulo 2 (prof. Antonino Rotolo): La funzione promozionale del diritto e i concetti di merito e meritocrazia. Saranno oggetto di studio i seguenti argomenti:

(a) i concetti filosofici di merito

(b) merito e giustizia

(c) merito, bene collettivo e società.

Testi/Bibliografia

Studenti frequentanti

Per l’esame lo studente dovrà portare i seguenti due testi:

M. Sandel, Giustizia. Il nostro bene comune, Feltrinelli, Milano, 2010

R. Brigati, Il giusto a chi va. Filosofia del merito e della meritocrazia, Il Mulino, Bologna, 2015 (brani indicati a lezione)

Studenti non frequentanti

Lo studente dovrà preparare [a) + b)]:

a) i volumi:

M. Sandel, Giustizia. Il nostro bene comune, Feltrinelli, Milano, 2010

R. Brigati, Il giusto a chi va. Filosofia del merito e della meritocrazia, Il Mulino, Bologna, 2015

b) un testo a scelta tra i seguenti volumi (tutto o le parti indicate) o un testo concordato con il docente:

Aristotele, Etica Nicomachea, Roma-Bari, Laterza, 1999 (o altra edizione), cap. 5

R. Dworkin, Giustizia per i ricci. Milano, Feltrinelli, 2013

C. Fabre, Justice in a Changing World, Cambridge, Polity Press, 2007

M. Foucault, Nascita della biopolitica, Feltrinelli, Milano, 2005

H. Kelsen, Il problema della giustizia, Torino, Einaudi, 2000

F. Nietzsche, Umano, troppo umano, I, Milano, Adelphi, 1979 (o altra edizione)

M. Nussbaum, Le nuove frontiere della giustizia, Bologna, Il Mulino, 2007

R. Nozick, Anarchia, Stato, Utopia, Milano, Il Saggiatore, 2008

Platone, La repubblica, Roma-Bari, Laterza, 1994 (o altra edizione)

T. Pogge, Povertà mondiale e diritti umani, Roma-Bari, Laterza, 2010

J. Rawls, Una teoria della giustizia, Milano, Feltrinelli, 1982 o edizioni successive (parte I e, a scelta, parte II o III)

J. Rawls, Liberalismo politico, Milano, Edizioni di Comunità, 1994 o edizioni successive (parte I e, a scelta, parte II o III)

J. Rawls, Il diritto dei popoli, Torino, Edizioni di Comunità, 2001

M. Risse, On Global Justice, Princeton, Princeton University Press, 2012

A. Sen, L'idea di giustizia, Milano, Mondadori, 2010

A. Sen, La diseguaglianza, Bologna, Il Mulino, 2010

S. Zuboff, Il capitalismo della sorveglianza, Luiss UP, Roma, 2019

Metodi didattici

Il corso prevede lezioni frontali, la lettura e il commento dei testi di riferimento e approfondimenti di sentenze giudiziarie.

Le lezioni saranno tenute nel II semestre.

Tutte le informazioni relative al corso e le eventuali comunicazioni saranno reperibili presso il sito http://www.unibo.it/sitoweb/giorgio.bongiovanni.

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

L'esame di profitto consiste in una prova orale volta a saggiare la conoscenza da parte dello studente degli argomenti previsti dal programma d'esame. Gli studenti frequentanti hanno altresì la possibilità di preparare una relazione scritta sui temi del corso concordata con il docente: in tal caso, la prova orale consisterà in una discussione critica dell'elaborato.

La prova d'esame sarà volta a valutare non soltanto l'effettiva conoscenza dei punti chiave della storia e dei temi legati al rapporto tra diritto e giustizia, ma anche la capacità dello studente di comprendere e argomentare le questioni discusse. La verifica, pertanto, tenderà a mettere alla prova il grado di familiarità dello studente con i principali concetti e concezioni di giustizia e con i problemi che, in relazione al diritto, essi sollevano.

Il voto finale è determinato da una valutazione complessiva delle risposte date alle diverse domande. In particolare, i criteri in base ai quali verrà graduato il giudizio finale sono i seguenti:

il raggiungimento da parte dello studente di una visione organica dei temi affrontati a lezione, congiunta alla loro utilizzazione critica e a una piena padronanza espressiva e di linguaggio specifico, saranno valutati con voti di eccellenza. Capacità di sintesi e di analisi non articolate e/o un linguaggio corretto ma non sempre appropriato porteranno a valutazioni discrete. Lacune formative e/o linguaggio inappropriato – seppur in un contesto di conoscenze minimali del materiale d'esame – condurranno a un esito pari alla sufficienza. Infine, lacune formative, linguaggio inappropriato, mancanza di orientamento all'interno dei materiali bibliografici offerti durante il corso non potranno che essere valutati non positivamente.

Non vi è obbligo di propedeuticità ai fini della validità dell'esame.

Strumenti a supporto della didattica

Slides riassuntive dei principali argomenti trattati; lettura e commento dei testi; verifica del grado di comprensione e preparazione durante il corso. I materiali didattici integrativi (slides, bibliografie, argomenti di discussione, ecc.) saranno disponibili sul sito https://www.unibo.it/sitoweb/giorgio.bongiovanni

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Giorgio Bongiovanni

Consulta il sito web di Antonino Rotolo