10516 - FILOLOGIA DELLA LETTERATURA ITALIANA

Scheda insegnamento

  • Docente Francesca Florimbii

  • Crediti formativi 12

  • SSD L-FIL-LET/13

  • Lingua di insegnamento Italiano

  • Campus di Bologna

  • Corso Laurea in Lettere (cod. 8850)

  • Orario delle lezioni dal 01/02/2022 al 06/05/2022

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Istruzione di qualità

Anno Accademico 2021/2022

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso lo studente ha acquisito la conoscenza dei fondamenti delle discipline filologiche generalmente intese e della filologia italiana in particolare. Possiede nozioni essenziali di storia della tradizione e di critica testuale e, quando sia possibile, sa come ricomporre il processo elaborativo; è in grado di fruire in modo corretto dell'edizione critica di un testo letterario antico e moderno.

Contenuti

Il corso si articolerà in due sezioni.

Le prime 30 ore (Seziona a) prevedono l'avviamento alla teoria, ai metodi e ai risultati della filologia italiana di copia e di autore, con esempi tratti dalla tradizione. 

Le successive 30 ore (Sezione b) saranno dedicate a Boccaccio e alla tradizione del Decameron, con l'esame analitico di alcuni manoscritti.

Testi/Bibliografia

Sezione a: Nozioni ed esempi di Filologia italiana di copia e d'autore.

Bruno Bentivogli, Francesca Florimbii, Paola Vecchi Galli, Filologia italiana. Seconda edizione, Milano, Pearson, 2021. 

Sezione b: Boccaccio e la stesura del Decameron.

Giovanni Boccaccio, Decameron, a cura di Amedeo Quondam, Maurizio Fiorilla, Giancarlo Alfano, Milano, Rizzoli-BUR, 2013.

 

Gli studenti non frequentanti dovranno integrare il programma di letture sopra indicato con lo studio integrale del volume di Teresa Nocita, L’ultima volontà. Giovanni Boccaccio, il Decameron e il codice Hamilton 90, Roma, L’Erma di Bretschneider, 2019.

 

Ai fondamenti della filologia d'autore sarà da aggiungere lo studio della recente edizione critica del romanzo Senilità di I
Ai fondamenti della filologia d'autore sarà da aggiungere lo studio della recente edizione critica del romanzo Senilità di I

Metodi didattici

Il corso si basa su 30 lezioni frontali di due ore ciascuna (60 ore) che si svolgeranno durante il secondo semestre dell'Anno Accademico 2021-2022. Nel corso delle lezioni la docente rivolgerà domande agli studenti per sollecitarli alla maturazione di un linguaggio critico, e svolgerà esercitazioni orali e scritte. Le lezioni si avvarranno di materiali di supporto (powerpoint, immagini digitali, banche dati, ebooks), fruibili online o disponibili sul sito personale della docente.

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

Esame orale alla fine del corso.

Si valuteranno abilità linguistica e capacità critica a elaborare un discorso filologico e interpretativo coerente. Verranno sottoposte allo studente domande sulle sezioni principali del corso: nozioni ed esempi di filologia di copia, la filologia d'autore e l'allestimento di un'edizione critica (con particolare riferimento al Decameron di Boccaccio).

Sono apprezzate e valutate positivamente:

a) correttezza della risposta
b) capacità di approfondimento e collegamento fra i punti del programma
c) proprietà linguistica.

Strumenti a supporto della didattica

Lezioni frontali, comprensive di esercitazioni orali e scritte.

Oltre alle lezioni frontali, verrà attivato un seminario, di frequenza non obbligatoria, per approfondire aspetti documentari e bibliografici del programma.

La docente è inoltre a disposizione, nell'orario di ricevimento e prima o dopo le lezioni, per fornire materiali integrativi o ulteriori delucidazioni su esame e programma.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Francesca Florimbii