73313 - SOCIOLOGIA DEL WELFARE E DELLA FORMAZIONE CONTINUA

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Sconfiggere la povertà Parità di genere Lavoro dignitoso e crescita economica Ridurre le disuguaglianze

Anno Accademico 2021/2022

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso lo studente: - conosce gli attori, i processi di apprendimento formali e non formali e i condizionamenti sociali e culturali dell'educazione permanente e della formazione continua; - conosce le normative di riferimento; - è in grado di comprendere e di analizzare normative e documenti relativi alle politiche di welfare e di formazione continua; - sa leggere e comprendere materiali di ricerca sociologica nel settore; - sa partecipare ad équipe interdisciplinari di ricerca nel settore; - sa collaborare con altri attori all'acquisizione di conoscenze e alla attivazione di rapporti e sinergie territoriali di rete nel settore degli interventi di educazione permanente e di formazione continua; - sa reperire, leggere e interpretare le fonti e i dati statistici relativi ai processi in atto nel settore; - è in grado di sviluppare autonomamente le proprie conoscenze-competenze professionali, individuando e utilizzando adeguati percorsi e metodi di aggiornamento tecnico-professionale.

Contenuti

La prima parte (modulo 1, prof. Tuorto) si sofferma sulle caratteristiche generali dei sistemi di welfare, con particolare attenzione al caso italiano. Viene fornita una ricostruzione della genesi dello stato sociale e della sua evoluzione nel corso del Novecento, sino alla crisi degli anni settanta e alle trasformazioni più recenti. Accanto all’analisi storica viene proposta una comparazione tra modelli di welfare capitalism e regolazione sociale vigenti nei diversi paesi. Alcune lezioni sono dedicate alle politiche di welfare orientate all’assistenza sociale, nello specifico agli interventi di contrasto alla povertà.

La seconda parte (modulo 2, prof.ssa Ghigi) si concentrerà invece su potenzialità e criticità della formazione continua in Italia. Una attenzione particolare sarà data ai temi della partecipazione femminile al mercato del lavoro, del sessismo in ambito lavorativo, della conciliazione lavoro-famiglia e della trappola delle basse competenze.

Testi/Bibliografia

Programma per tutti (frequentanti e non frequentanti):

Modulo 1 (Tuorto)

C. Ranci, E. Pavolini, Le politiche di welfare, 2015 (cap. I, II, III, IV)

Modulo 2 (Ghigi)

C. Ranci, E. Pavolini, Le politiche di welfare, 2015 (cap. VI, VII) e testi che saranno messi a disposizione sulla piattaforma del corso (Virtuale.unibo.it).

Gli studenti svolgeranno una prova scritta (la medesima, per frequentanti e non) al termine di ciascun modulo e/o negli appelli successivi.

Metodi didattici

Lezione frontale e interattiva; letture di testi in classe; e-learning.

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

Compito scritto con domande a risposta aperta per entrambi i moduli. Un facsimile di compito sarà messo a disposizione sul sito dell'insegnamento per ciascun modulo (Virtuale.unibo.it). Gli studenti sosterranno esami distinti alla fine di ciascun modulo o negli appelli successivi del docente di riferimento per ogni modulo. Il voto finale sarà composto dalla media dei due punteggi espressi in trentesimi e potrà essere verbalizzato dopo il completamento delle prove per entambi i moduli.

Per la prenotazione dell'esame sul modulo 1 (Tuorto) è necessario contattare il docente via email. Per la prenotazione dell'esame sul modulo 2 (Ghigi) e per la verbalizzazione finale è sufficiente iscriversi all'appello di Ghigi su Almaesami. 

Strumenti a supporto della didattica

Piattaforma e-learning; materiale multimediale; documenti e letture; slides.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Rossella Ghigi

Consulta il sito web di Dario Tuorto