37469 - ETICA APPLICATA: BIOETICA E ETICA DELLE PROFESSIONI

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Salute e benessere Istruzione di qualità Pace, giustizia e istituzioni forti

Anno Accademico 2021/2022

Conoscenze e abilità da conseguire

Il corso costituisce un'introduzione ai fondamenti dell'etica applicata, ossia agli orientamenti morali, ai principi ispiratori e ai criteri normativi per l'agire dinanzi a contesti specifici quali la bioetica, l'etica degli affari e l'etica delle professioni. Il corso si articola in due sezioni: nella prima parte, si intende approfondire i principali concetti etici e giuridici della bioetica nel dibattito contemporaneo. Lo studente verrà introdotto nel campo della riflessione bioetica sulla dimensione normativa e sui dilemmi morali di rilevanza pubblica posti dalla innovazione tecnologica in medicina. Particolare attenzione verrà dedicata ai profili etico-giuridici sollevati dai casi più emblematici nel dibattito bioetico contemporaneo in relazione a questioni di bioetica medica: inizio vita, relazione medico-paziente, genetica medica e tutela dei soggetti, fine vita. Nella seconda parte si propone di riflettere sulla attuale tematica del rapporto tra l'etica e il mondo del lavoro e delle professioni. L'accresciuta complessità del mondo e, conseguentemente, della conoscenza intorno ad esso, ha determinato una sempre maggiore “specializzazione funzionale del lavoro” tant'è che oggi si assiste ad una iperspecializzazione nei diversi settori della cultura da parte di un apparato di professionisti che si pone come tramite tra essa e i cittadini, accrescendo in modo esponenziale la loro “responsabilità” legata al ruolo che ricoprono. Il percorso partirà dal concetto di ruolo sociale per proseguire con l'analisi dell'essenza della responsabilità sociale di ruolo, con particolare attenzione alle professioni legali, in specifico magistratura e avvocatura.

Contenuti

Il corso si articola in due moduli.

Nel primo modulo (Etica delle professioni), tenuto dalla Prof.ssa Stefania Pellegrini, si intende riflettere sulla attuale tematica del rapporto tra l'etica e il mondo del lavoro e delle professioni. L'accresciuta complessità del mondo e, conseguentemente, della conoscenza intorno ad esso, ha determinato una sempre maggiore specializzazione funzionale del lavoro tant'è che oggi si assiste ad una iperspecializzazione nei diversi settori della cultura da parte di un apparato di professionisti che si pone come tramite tra essa e i cittadini, accrescendo in modo esponenziale la loro responsabilità legata al ruolo che ricoprono. Il percorso partirà dal concetto di ruolo sociale per proseguire con l'analisi dell'essenza della responsabilità sociale, con particolare attenzione alle professioni legali, in specifico magistratura e avvocatura.

Nel secondo modulo (Bioetica), tenuto dalla Prof.ssa Silvia Zullo, si intende approfondire la conoscenza delle nozioni etiche e giuridiche fondamentali relative alla bioetica e al diritto nel loro evolversi fino alla riflessione contemporanea. Lo studente verrà introdotto allo studio della dimensione normativa e dei dilemmi morali di rilevanza pubblica posti dalla innovazione tecnologica in biomedicina e in generale dalle scienze applicate alla vita. Particolare attenzione sarà dedicata ai profili etico-giuridici sollevati dai casi più emblematici nel dibattito bioetico-giuridico contemporaneo in relazione a questioni di inizio vita, relazione medico-paziente, genetica medica tra autonomia e responsabilità, fine vita. Al riguardo lo studente sarà in grado di conseguire: conoscenza critica dei principali concetti della bioetica sia sul piano storico sia su quello teoretico, nonché delle controversie giuridiche più rilevanti in tale ambito; capacità di formulare un giudizio ragionato sulle questioni eticamente sensibili; capacità di identificare principi etici e norme giuridiche che caratterizzano l'autonomia e la responsabilità nella vita professionale e sociale; capacità di applicare metodologie di lettura di testi.

 

I modulo_ Etica delle professioni

- Il concetto di ruolo

- La responsabilita' sociale

- Professionista e responsabilita' sociale

- I modelli storici della magistratura

- L'evoluzione dei principi etici nella magistratura

- Magistratura e mass-media

- Il ruolo dell'avvocato tra prospettiva funzionalista e prospettiva conflittualista

- Avvocatura e processo

- Avvocatura e "zona grigia". L'etica come strumento di argine

 

II modulo_Bioetica

- Fondamenti di etica applicata

- Etiche normative tra regole e principi

- Nascita e storia della Bioetica

- Bioetica e diritto

- Fonti del biodiritto

- Conflitti pratici: le ragioni della scienza, dell’etica e del diritto

- L'inizio della vita (interruzione volontaria di gravidanza, procreazione medicalmente assistita, gestazione per altri)

- La relazione medico-paziente (informazione e consenso, diritto alla salute e rifiuto di cure, la medicina predittiva tra diritto di sapere e diritto di non sapere)

- La fine della vita (eutanasia, suicidio assistito, stato vegetativo, cure palliative)

Testi/Bibliografia

Etica delle professioni

Lo studente può scegliere l'opzione (I) o in alternativa l'opzione (II):

Opzione (I)

- S. Pellegrini, Professione giustizia. Giuristi tra etica professionale e responsabilita' di ruolo, CEDAM, 2013, capp. 1, 2, 3 (capitoli obbligatori).

- In aggiunta il cap. 4 (avvocatura).

Opzione (II)

- S. Pellegrini, Professione giustizia. Giuristi tra etica professionale e responsabilita' di ruolo, CEDAM, 2013, capp. 1, 2, 3 (capitoli obbligatori).

- In aggiunta il cap. 5 (magistratura).

Bioetica

1) Parte manualistica

Lo studente può scegliere l'opzione (I) o in alternativa l'opzione (II) oppure l'opzione (III):

Opzione (I)

Inizio vita

- P. Borsellino, Bioetica tra "morali" e diritto, Raffaello Cortina, Nuova edizione aggiornata, Milano 2018, capitoli 1-2-7 (solo pp. 303-312)-8-9.

- C. Faralli, Bioetica e biodiritto. Problemi, casi e materiali, Seconda edizione, Giappichelli, Torino 2018 (disponibile in formato E-book PDF digitando il link https://www.giappichelli.it/bioetica-e-biodiritto-21818, pp. 6-97.

Opzione (II)

Rapporto medico-paziente

- . Borsellino, Bioetica tra "morali" e diritto, Raffaello Cortina, Nuova edizione aggiornata, Milano 2018, capitoli 1-2-3-4-5 (è possibile sostituire il cap. 3 o il cap. 4 o il cap. 5 con il cap. 7. pp. 263-303).

- C. Faralli, Bioetica e biodiritto. Problemi, casi e materiali, Seconda edizione, Giappichelli, Torino 2018 (disponibile in formato E-book PDF digitando il link http://www.giappichelli.it/bioetica-e-biodiritto,3484973 ), pp. 98-173.

Opzione (III)

Fine vita

- P. Borsellino, Bioetica tra "morali" e diritto, Raffaello Cortina, Nuova edizione aggiornata, Milano 2018, capitoli 1-2-10-11-12.

- C. Faralli, Bioetica e biodiritto. Problemi, casi e materiali, Seconda edizione, Giappichelli, Torino 2018 (disponibile in formato E-book PDF digitando il link http://www.giappichelli.it/bioetica-e-biodiritto,3484973 ), pp. 174-249.

2) Parte di approfondimento

Per approfondire le tematiche del corso si consiglia di consultare:

M. Reichlin, Fondamenti di bioetica, il Mulino, 2021.

M. Balistreri, G. Capranico, M. Galletti, S. Zullo (a cura di), Biotecnologie e modificazioni genetica. Scienze, etica, diritto, Mulino, Bologna, 2020.

D. Canale, Conflitti pratici. Quando il diritto diventa immorale, Laterza, 2017.

F. Poggi (a cura di), Diritto e Bioetica, Carocci, Roma 2013.

C. Casonato, Introduzione al biodiritto, Torino, Giappichelli, 2012.

E. Lecaldano, Dizionario di bioetica, Laterza 2007.

 

N.B. Il programma indicato vale anche per gli studenti Erasmus che tuttavia possono concordare con le docenti qualche variazione nella scelta dei testi.

L'insegnamento è mutuato dalla Scuola di Psicologia e Scienze della formazione,Corso di Laurea in Psicologia cognitiva applicata, per un totale di 6 crediti. Gli studenti di psicologia cognitiva applicata dovranno preparare solo i testi previsti per la sezione di bioetica attenendosi alle opzioni I,II,III (si veda la pagina web dedicata all'insegnamento di Etica applicata della Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione - Laurea Magistrale in Psicologia cognitiva applicata).

Metodi didattici

Il corso prevede lezioni frontali, ma la modalità di erogazione del corso sarà determinata dalle decisioni degli organi di Ateneo in merito all'emergenza COVID-19.

Le lezioni saranno tenute nel I semestre. Gli studenti sono invitati a consultare il sito www.giuri.unibo.it per gli orari e la sede delle lezioni.

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

L'esame di profitto si svolgerà in forma esclusivamente orale con l'obiettivo di verificare l'adeguata acquisizione delle conoscenze da parte dello studente secondo quanto previsto negli obiettivi del corso, con riferimento, per quel che riguarda il Modulo di Etica delle professioni, ai concetti di ruolo e responsabilità sociali delle professioni legali, in specifico magistratura e avvocatura, e, per quel che riguarda il Modulo di Bioetica, ad un tema scelto dallo studente in relazione alle principali questioni di bioetica medica nell'ambito del dibattito contemporaneo.

L'esame consta in un colloquio con il docente e i collaboratori della cattedra, diviso per moduli, sui temi oggetto del programma del corso.

Inoltre la valutazione della prova verrà effettuata tenendo in considerazione:

- la conoscenza dei profili istituzionali;

- la capacità di analizzare gli orientamenti giurisprudenziali e dottrinali;

- la capacità di effettuare collegamenti tra le diverse parti del programma;

- la capacità di sviluppare argomentazioni critiche;

- l’articolazione dell’esposizione;

- l’accuratezza dell’esposizione;

- precisione nell’utilizzo della terminologia specifica di contesto. 

Nello specifico, per assegnare il voto finale, espresso in trentesimi e risultato del bilanciamento del voto conseguito in ciascuno dei due moduli, si terrà conto dei seguenti criteri di valutazione:

- conoscenza e comprensione delle nozioni e dei principi della materia e degli istituti sui quali verte l’interrogazione e livello di approfondimento dello studio (50%);

- capacità di operare collegamenti tra le diverse parti del programma, capacità di analisi critica sui temi oggetto delle domande d’esame e capacità di applicarli a casi concreti (20%);

- uso appropriato del lessico specifico, capacità di esposizione del candidato, capacità di analisi e valutazione delle fonti pertinenti e acquisizione del metodo di studio (30%).

L’iscrizione alla prova finale dovrà essere effettuata mediante l’applicativo Almaesami (https://almaesami.unibo.it/almaesami/welcome.htm ).

 

 

TESI DI LAUREA

Si segnala che saranno assegnate tesi in questa materia solo a studenti che avranno inserito nel piano di studio tale insegnamento in modo da acquisire una preparazione di base necessaria per sviluppare l’elaborato secondo una prospettiva critica e adeguatamente approfondita.

Strumenti a supporto della didattica

Materiali giurisprudenziali e dispense di approfondimento con lettura e commento dei testi. Tutte le informazioni relative al corso e le eventuali comunicazioni dei docenti, nonché eventuali materiali didattici integrativi, saranno reperibili online nelle pagine web delle docenti.

Gli studenti che per ragioni dipendenti da disabilità o disturbi specifici dell’apprendimento (DSA) necessitino di strumenti compensativi potranno comunicare al Docente le loro esigenze in modo da essere indirizzati ai referenti e concordare l’adozione degli accorgimenti più opportuni.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Stefania Pellegrini

Consulta il sito web di Silvia Zullo