92938 - METODOLOGIA DELLA RICERCA FILOLOGICA (1) (LM)

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Istruzione di qualità

Anno Accademico 2020/2021

Conoscenze e abilità da conseguire

Attraverso lo studio comparativo di manuali di filologia italiana, il corso esaminerà e metterà in luce gli strumenti fondamentali dell’ecdotica applicata alla letteratura italiana. Si esamineranno in particolare cataloghi, rimari, indici, archivi, riviste filologiche, collane di testi, storie letterarie antiche e moderne, allo scopo di addestrare gli studenti a una prospettiva filologica non estemporanea ma sistematica e approfondita.

Contenuti

Il corso si articolerà in due sezioni.

Le prime 10 ore (Seziona a) prevedono l'approfondimento del metodo filologico.

Le successive 20 ore (Sezione b) saranno dedicate alla filologia di copia fra Quattro e Cinquecento. Le lezioni riguarderanno in particolare la produzione poetica di Giovanni Antonio Romanello, con l'esame analitico dei manoscritti apografi e delle stampe antiche che trasmettono le sue rime, per ripercorrere poi le fasi che hanno consentito di approdare all'edizione critica dei suoi versi.

Testi/Bibliografia

Sezione a: Le fasi del metodo.

Bruno Bentivogli, Francesca Florimbii, Paola Vecchi Galli, Filologia italiana, Milano, Pearson, 2020.

o, in alternativa:

Michelangelo Zaccarello, L'edizione critica del testo letterario. Primo corso di filologia italiana, Firenze, Le Monnier, 2017.

Sezione b: Nozioni ed esempi di Filologia italiana di copia.

Giovanni Antonio Romanello, Amorosi versi (Rhytmi vulgares), Edizione critica e commento a cura di Francesca Florimbii, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2019.

Gli studenti non frequentanti dovranno integrare il programma di letture sopra indicato con lo studio di Armando Balduino, Appunti sul petrarchismo metrico nella lirica del Quattrocento e primo Cinquecento, in Idem Periferie del petrarchismo, a cura di Beatrice Bartolomeo e Attilio Motta, Roma-Padova, Antenore, 2008, pp. 31-90.

Metodi didattici

Il corso si basa su 15 lezioni frontali di due ore ciascuna (30 ore) che si svolgeranno durante il secondo semestre dell'Anno Accademico 2020-2021. La prima parte del corso comporterà l'approfondimento di elementi teorici e metodologici riguardanti l'edizione critica di un testo letterario. Nella seconda parte, le conoscenze metodologiche saranno applicate allo studio degli Amorosi versi di Giovanni Antonio Romanello, con particolare attenzione alla filologia di copia fra Quattro e Cinquecento.

Modalità di verifica dell'apprendimento

Esame orale alla fine del corso.

L'esame comporta la verifica teorica del discorso filologico applicato alla Letteratura italiana, dalla filologia di copia alla filologia d'autore. È prevista l'analisi di campioni di testi per accertare la competenza riguardo agli aspetti formali e materiali dell'edizione critica. Lo studio del problema critico e testuale è poi accompagnato dall'analisi degli Amorosi versi di Giovanni Antonio Romanello: nel corso dell'esame si vaglierà quindi la capacità di elaborare un discorso metodologico e, nel contempo, interpretativo sulla tradizione lirica di copia fra Quattro e Cinquecento.

Strumenti a supporto della didattica

Lezioni frontali, comprensive di esercitazioni orali e scritte.

La docente è inoltre a disposizione, nell'orario di ricevimento e prima o dopo le lezioni, per fornire materiali integrativi o ulteriori delucidazioni su esame e programma.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Francesca Florimbii