74895 - ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE ROMANA (1)

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Istruzione di qualità Parità di genere Città e comunità sostenibili Pace, giustizia e istituzioni forti

Anno Accademico 2020/2021

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso, lo studente, attraverso la presentazione e la discussione delle componenti fondamentali e delle principali manifestazioni della civiltà artistica, architettonica e urbanistica romana, matura una buona capacità di orientamento nella disciplina, ponendo le basi anche per la definizione storica e culturale dei problemi in contesti di interazione storico-culturale. Inoltre, acquisisce le competenze di base per una fruizione anche autonoma degli strumenti e della bibliografia scientifica ed è in grado di ragionamento critico con capacità di analisi e interpretazione di dati. Sa ascoltare, comprendere e comunicare con rispetto di culture e punti di vista e diversi e individuare le relazioni con altre discipline.

Contenuti

Inizio: 24/03/2021

Mercoledì, giovedì, venerdì, ore 15-17

via Zamboni 38, Aula VI

Viaggio di studio, alla conclusione del corso.

Il corso affronterà i principali temi relativi alla disciplina, con particolare attenzione a forme, funzioni e significati delle tipologie monumentali e delle espressioni artistiche, e con cenni alla storia delle ricerche, agli approcci metodologici e a problemi di cronologia.

Le lezioni potranno essere integrate, per gli studenti interessati, da un seminario complementare (a frequenza facoltativa), che si terrà a cadenza settimanale, in luogo, date e orari da definire all'inizio del corso.

***

UN MONDO AL PLURALE.

Luoghi, forme e modi della Romanitas, dall’età arcaica al tardoantico.

1 - Introduzione al corso e patto formativo: finalità, metodi didattici, temi, modalità di verifica.

2 - Le origini: luoghi e forme del potere, del sacro, dell'abitare.

3 - L’arte del costruire: materiali, tecniche, tipologie

4 - L’evoluzione urbanistica e monumentale dell’Urbe, fra età repubblicana ed imperiale.

5 - La romanizzazione: diffusione ed assimilazione della romanitas, fra città e territori

6 - Il rapporto dell'arte romana con l’arte greca e con le altre culture.

7 - I linguaggi dell’arte: arte colta e arte plebea.

8 - Il mondo delle immagini: scultura, pittura, mosaico. Le statue achillee. Il rilievo storico. Il ritratto.

Testi/Bibliografia

Gli studenti frequentanti dovranno utilizzare, per la preparazione dell'esame, i seguenti testi:

1. R. Bianchi Bandinelli, Roma. L'arte romana nel centro del potere. Dalle origini alla fine del II sec.d.C., Milano, 1969 ed edizioni successive (integralmente)

2. R. Bianchi Bandinelli, Roma. La fine dell'arte antica, Milano 1970, ed edizioni successive (limitatamente al primo capitolo, obbligatorio, e a due altri capitoli, che lo studente selezionerà sulla base dei suoi interessi e d'intesa con la docente).

3. R. Bianchi Bandinelli, M. Torelli, L'arte dell'antichità classica. Etruria-Roma: (solo le schede della sezione romana), Torino 1976 ed edizioni successive.

Per gli studenti non frequentanti, i testi da utilizzare ai fini della preparazione dell'esame sono i seguenti:

1. R. Bianchi Bandinelli, Roma. L'arte romana nel centro del potere. Dalle origini alla fine del II sec.d.C., Milano, 1969 ed edizioni successive

2. R. Bianchi Bandinelli, Roma. La fine dell'arte antica, Milano 1970, ed edizioni successive

3. R. Bianchi Bandinelli, M. Torelli, L'arte dell'antichità classica. Etruria-Roma: (solo le schede della sezione romana), Torino 1976 ed edizioni successive.

4 - S. Settis, Un'arte al plurale. L'impero romano, i Greci e i posteri, in Storia di Roma, vol. 4, Caratteri e morfologie,a cura di E.Gabba e A. Schiavone, Torino 1989, pp. 827-868 .

5 - T. Hölscher, Il linguaggio dell'arte romana, Un sistema semantico, Torino, Piccola Biblioteca Einaudi Ns, 2002 (pp. 1-108).

Per gli studenti stranieri è consigliata la lettura di

M. Papini, Arte romana, Milano, Mondadori, 2016.

Metodi didattici

Lezioni frontali, con ampio uso di immagini, e approfondimenti seminariali.

Sarà possibile concordare con la docente ricerche individuali, che dovranno essere presentate in forma di breve elaborato scritto e che saranno adeguatamente valutate in sede d'esame.

E' prevista inoltre l'organizzazione di un viaggio di studio.

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

Per gli studenti frequentanti e non frequentanti l'esame, orale, consiste in un colloquio sui temi trattati nei testi indicati in bibliografia e sui monumenti in quelli presentati.

A domande di carattere generale si affiancherà la verifica della capacità dello studente di riconoscere i monumenti di cui sopra e di collocarli nel quadro della materia oggetto d'esame.

Nella valutazione  della prova si terrà conto, in particolare, della capacità dello studente di sapersi orientare nella materia, stabilendo nessi fra temi e problemi.

Si prenderanno in considerazione quindi:
- La padronanza dei contenuti
- La capacità di sintesi e di analisi dei temi e dei concetti
- La capacità di sapersi esprimere adeguatamente e con linguaggio appropriato alla materia trattata

Il raggiungimento da parte dello studente di una visione organica dei temi affrontati a lezione, congiuntamente alla loro utilizzazione critica, ad una buona padronanza espressiva e ad un linguaggio specifico saranno valutati con voti di eccellenza.

Una conoscenza mnemonica della materia, unitamente a capacità di sintesi e di analisi articolate in un linguaggio corretto, ma non sempre appropriato, porteranno a valutazioni discrete.

Lacune formative e/o linguaggio inappropriato – seppur in un contesto di conoscenze minimali del materiale d'esame – condurranno a voti che non supereranno la sufficienza.

Lacune formative, linguaggio inappropriato, mancanza di orientamento all'interno dei materiali bibliografici offerti durante il corso saranno valutati negativamente

L'esame, orale, ha lo scopo di accertare la conoscenza e comprensione critica dei contenuti, sia delle lezioni d'aula, sia delle letture indicate come obbligatorie nel programma.

Al candidato si chiederà di dar prova delle sue capacità di sintesi e di analisi, sulla base di un ricco corredo iconografico.

Nel corso del colloquio, sarà quindi compito del docente verificare la capacità di

- orientarsi nel quadro storico-geografico relativo alla civiltà romana tra l'epoca arcaica e l'epoca tardoantica;

- riconoscere e descrivere le caratteristiche e le tipologie architettoniche dei monumenti presentati a lezioni o trattati nelle letture obbligatori, analizzando i diversi influssi culturali, gli aspetti tecnici e funzionali, i sistemi ideologici di riferimento, l'evoluzione cronologica;

- utilizzare in modo corretto un linguaggio specialistico.

Verranno inoltre adeguatamente valutate eventuali ricerche individuali concordate con la docente e presentate in forma di breve relazione scritta.

Per gli studenti stranieri è possibile, su richiesta, svolgere la prova d'esame sul contenuto delle lezioni e delle letture in forma scritta , piuttosto che in forma orale.

In questo caso, la prova consisterà in risposte scritte a quattro quesiti (domande libere, su temi generali, e riconoscimento di opere).

Per gli elaborati è vivamente consigliato l'uso della lingua italiana, ma sono accettate anche risposte in inglese, francese, spagnolo.

La prova scritta verrà discussa con la docente, dopo la correzione, in lingua italiana.

Strumenti a supporto della didattica

Le videopresentazioni utilizzate durante il corso saranno rese disponibili agli studenti sin dall'inizio delle lezioni, nell'apposito strumento di Ateneo.

In alcuni casi, ai fini dell'arricchimento dell'offerta didattica, la docente potrebbe essere affiancata da colleghi invitati a presentare, a titolo di approfondimento, aspetti specifici del programma, già introdotti dalla docente.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Antonella Coralini