90110 - POLITICA E MEDIA NELL'ETÀ CONTEMPORANEA (1) (A-E)

Scheda insegnamento

Anno Accademico 2019/2020

Conoscenze e abilità da conseguire

L'obiettivo del corso è quello di ripercorrere l'interazione tra sfera politica e sfera comunicativa, analizzando in chiave comparata il ruolo svolto dai mass media ai fini di costruzione del consenso politico dalla fine dell'Ottocento a oggi. Al termine del corso lo studente: ha maturato un quadro critico della storia dei mass media e della comunicazione politica dalla fine del XIX secolo ad oggi; conosce gli strumenti analitici che gli consentono di valutare le ricadute che lo sviluppo del sistema mediatico ha prodotto sulle modalità di conquista del consenso politico.

Contenuti

Il corso sarà dedicato alle relazioni tra comunicazione e politica. Muovendosi attraverso diversi contesti storici, a partire dalla metà dell’Ottocento, sarà preso in esame il ruolo ricoperto dai mass media nei processi di costruzione del consenso e nella propaganda di stato. In particolare, sarà studiata l’evoluzione delle campagne elettorali nell’età contemporanea (approfondendo soprattutto il caso italiano) e le trasformazioni che esse hanno prodotto sui meccanismi di legittimazione politica.

Testi/Bibliografia

- L. Gorman, D. Mclean, Media e società nel mondo contemporaneo, Il Mulino, Bologna 2011 o edizioni successive (capitoli 5, 6, 7, 9, 11, Conclusioni)

- E. Novelli, Le campagne elettorali in Italia. Protagonisti, strumenti, teorie, Laterza, Roma-Bari 2018

Metodi didattici

Lezioni frontali con uso di Powerpoint e materiali audiovisivi

Modalità di verifica dell'apprendimento

L’esame consiste in una prova scritta,che si svolgerà in laboratorio informatico. Gli studenti avranno a disposizione 60 minuti per rispondere a 2 domande aperte, inerenti ai temi trattati a lezione e nei libri di testo

Strumenti a supporto della didattica

Saranno caricate nei “Materiali didattici” le presentazioni in Powerpoint utilizzate a lezione

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Alessio Gagliardi