86413 - DIRITTO DEL LAVORO 2 (PIANO ITALO-SPAGNOLO)

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Salute e benessere Parità di genere Lavoro dignitoso e crescita economica Ridurre le disuguaglianze

Anno Accademico 2019/2020

Contenuti

Ci si soffermerà in particolare sulle tematiche e gli istituti che seguono.

1. Introduzione al corso:

a. evoluzione storica della disciplina;

b. la regolamentazione costituzionale;

c. il sistema delle fonti normative;

d. il diritto del lavoro dell'Unione europea.

 

2. Diritto del mercato del lavoro:

a. il superamento del sistema del collocamento;

b. i servizi pubblici regionali del lavoro;

c. le agenzie del lavoro e gli ulteriori enti autorizzati ad operare come intermediari;

d. gli obblighi di informazione del datore al momento dell'assunzione, della cessazione ed in caso di modificazioni del rapporto;

e. la disciplina sull'inserimento al lavoro di persone disabili;

f. l'impiego di cittadini esterni alla Unione europea;

g. l'avviamento a selezione presso le pubbliche amministrazioni.

3. Diritto sindacale:

a. la libertà sindacale;

b. l'organizzazione e la natura giuridica del sindacato;

c. le forme di rappresentanza dei lavoratori in azienda: la R.s.a, la R.s.u. ed i diritti sindacali in azienda;

d. la repressione della condotta antisindacale;

e. il contratto e la contrattazione collettiva;

f. le tipologie di contratto collettivo;

g. il contratto collettivo di diritto comune: soggetti, struttura, efficacia soggettiva ed oggettiva;

h. l'evoluzione delle regole sulla contrattazione collettiva;

i. i rapporti tra livelli di contrattazione;

l. i rapporti tra legge e contratto collettivo: le nozioni di sindacato maggiormente rappresentativo nonchè comparativamente più rappresentativo;

m. la disciplina legale della contrattazione collettiva presso le pubbliche amministrazioni;

n. le forme di autotela di lavoratori e datori;

o. la disciplina dello sciopero nei servizi pubblici essenziali;

4. Diritto dei rapporti individuali di lavoro:

a. le forme di lavoro: il lavoro subordinato; autonomo; associato; le relazioni che "non costituiscono rapporto di lavoro";

b. il lavoro subordinato;

c. il lavoro coordinato;

d. la cerificazione dei rapporti di lavoro;

e. il contratto di lavoro subordinato: requisiti di forma; invalidità e prestazione di fatto;

f. la disciplina del lavoro subordinato;

g. la c.d. "contrattualizzazizone" dell'impiego pubblico;

h. i divieti di discriminazione;

i. il patto di prova;

l. il contratto a tempo determinato;

m. l'inquadramento professionale: mansioni, qualifiche, categorie;

n. gli obblighi del prestatore;

o. i poteri del datore di lavoro. Il potere direttivo, di controllo, lo Jus variandi, il potere di trasferire ed il distacco, il potere disciplinare;

p. la disciplina dell'orario di lavoro; le tipologie contrattuali con riduzione o modulazione dell'orario: il lavoro a tempo parziale, il lavoro intermittente, il lavoro ripartito;

q. la retribuzione ed il trattamento di fine rapporto;

r. l'obbligo di sicurezza del datore e la tutela della persona del prestatore;

s. le ipotesi di sospensione del rapporto di lavoro,

t. il contratto di apprendistato.

u. la risoluzione del rapporto di lavoro: le dimissioni, il licenziamento individuale, il licenziamento collettivo;

v. gli strumenti di sostegno del reddito del prestatore;

z. forme e strumenti di "esternalizzazione": il trasferimento d'azienda, la somministrazione di lavoro, l'appalto;

z-bis. la garanzia dei diritti dei lavoratori: le rinunce e transazioni.

Il Professore Franco Focareta, nell'ambito del corso, terrà un modulo dedicato al diritto sindacale.

Testi/Bibliografia

Sugli istituti oggetto del corso gli studenti sono invitati a consultare, a loro scelta, uno dei volumi di seguito indicati, nella loro edizione più recente.

Quanto alla disciplina del rapporto individuale, si consiglia uno dei testi di seguito indicati, scelto a propria discrezione:

F. Carinci, R. De Luca Tamajo, P. Tosi, T. Treu, Diritto del lavoro, II, Il rapporto di lavoro subordinato, Utet;

O. Mazzotta, Diritto del lavoro, Giuffrè.

Quanto alla disciplina del diritto sindacale, si consiglia uno dei testi di seguito indicati, scelto a propria discrezione:

M. V. Ballestrero, Diritto sindacale, Giappichelli;

F. Carinci, R. De Luca Tamajo, P. Tosi, T. Treu, Diritto del lavoro, I, Diritto sindacale, Utet;

G. Giugni, Diritto sindacale, Cacucci.

Gli studenti dovranno inoltre consultare:

M. Roccella, T. Treu, Diritto del lavoro dell'Unione europea, Cedam, Padova, 2016, limitatamente ai capitoli 1, 2, 3, 4 nonché ad ulteriori due capitoli a scelta tra i seguenti: 5, 7, 8, 9, 10.

ovvero

F. Carinci, A. Pizzoferrato, Diritto del lavoro dell'Unione europea, Giappichelli, Torino, 2015, limitatamente ai capitoli 1, 2, 3, 4 nonché ad ulteriori due capitoli a scelta tra i seguenti: 5, 6, 7, 8.

Si consiglia per tutti gli studenti un Codice del lavoro aggiornato.

Tutti gli studenti sono inoltre tenuti a procurarsi un contratto collettivo di lavoro, scelto tra quelli vigenti anche nel pubblico impiego, al fine di prenderne visione e comprendere quali contenuti abbia, come possa essere consultato ecc.

I contratti collettivi possono essere reperiti anche sul web, ad es. sul sito del Cnel o dell'Aran:

http://www.cnel.it/archivio/contratti-lavoro/BDCL.asp

http://www.aranagenzia.it/

Sono previste riduzioni, nelle parti di programma da portare agli esami, per i frequentanti, secondo quanto sarà precisato nel corso delle lezioni. 

Metodi didattici

Il corso è basato su lezioni frontali, anche con relazioni ed interventi degli studenti interessati.

Modalità di verifica dell'apprendimento

Le lezioni saranno tenute nel primo e secondo semestre: pertanto coloro che ottengono l'attestazione di frequenza nell'A.A. corrente potranno sostenere l'esame a partire dal mese di giugno.

Tuttavia agli studenti che avranno maturato un numero sufficiente di presenze sarà data la possibilità di sostenere una prova intermedia, nel corso dei mesi di gennaio e febbraio, che verterà sulla disciplina del diritto sindacale.

L'esame si svolgerà attraverso un colloquio, volto a verificare l'acquisizione delle conoscenze, che si articola su più domande, concernenti sia il diritto del lavoro che il diritto sindacale.

Ai fini del buon esito dell'esame si terrà anche conto:

- della comprensione delle principali problematiche concernenti il diritto sindacale (libertà sindacale; rappresentanza e rappresentatività; contratto collettivo; conflitto collettivo);

- della comprensione delle principali situazioni soggettive tipiche del rapporto di lavoro (poteri, diritti ed obblighi reciproci);

- della capacità di analizzare, anche nel confronto tra loro, le diverse tipologie contrattuali;

- più in generale, della capacità di esposizione e di analisi degli istituti e delle tematiche trattate.

E' possibile concordare specifici programmi ed anche particolari modalità d'esame, che ad es. prevedano la considerazione, nel colloquio, di temi trattati - previo accordo - in una tesina scritta presentata dallo studente.

Gli studenti potranno sostenere l'esame solo dopo aver superato gli esami di Diritto privato e Diritto costituzionale.

Nella situazione attuale la prova orale si svolgerà mediante un colloquio video sulla piattaforma Microsoft Teams. In occasione di ciascun appello, sarà creata un'aula virtuale per l'esame e, ove opportuno, una o più aule virtuali per le sottocommissioni, nelle quali gli studenti avranno la possibilità di sostenere il colloquio. Agli studenti che risulteranno iscritti all'esame alla chiusura delle liste verrà inviata specifica comunicazione sulla mail istituzionale, con indicazione del o dei link ai quali connettersi il giorno dell’esame. Per sostenere la prova orale è necessario avere un collegamento ad internet stabile, webcam e microfono funzionanti, nonché un documento di identità.

 

Studenti che hanno già sostenuto l'esame di diritto del lavoro e devono integrare i crediti.

Gli studenti che abbiano già sostenuto l'esame di Diritto del lavoro, nei corsi triennali di Giurisprudenza (GIPA e CLaRA) oppure in altra Scuola od Università, con attribuzione di 9 crediti, e si siano poi iscritti al corso di laurea magistrale, prepareranno l'esame su uno dei seguenti volumi (sull'intero volume):

M. Roccella, T. Treu, Diritto del lavoro dell'Unione europea, Cedam, Padova, 2016

ovvero

F. Carinci, A. Pizzoferrato, Diritto del lavoro dell'Unione europea, Giappichelli, Torino, 2015.

In caso i crediti da acquisire fossero inferiori a 6, saranno concordati specifici programmi d'esame.

Programmi diversi possono essere comunque individuati, in presenza di richiesta degli studenti.

Strumenti a supporto della didattica

Gli studenti con disabilità e con Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) potranno comunicare al Docente le loro esigenze in modo da poter essere indirizzati ai referenti e usufruire degli strumenti compensativi necessari.

Gli studenti Erasmus potranno rivolgersi al Docente al fine di individuare gli opportuni adattamenti del programma rispetto a quanto previsto dai loro learning agreement.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Andrea Lassandari