Laurea Magistrale in Scienze e gestione della natura

Scheda del corso

Tipo di laurea Laurea Magistrale
Anno Accademico 2018/2019
Codice 9257
Classe di corso LM-60 - SCIENZE DELLA NATURA
Anni Attivi I anno
Tipo di accesso Prova di verifica dell’adeguatezza della preparazione​
Curricula
The course provides an international curriculum in Global Change Ecology and Sustainable Development Goals (GCE&SDG)
Sede didattica Bologna
Coordinatore del corso Alessandro Chiarucci
Lingua Italiano,Inglese

Requisiti di accesso e verifica delle conoscenze/preparazione

Attending successfully the Second Cycle Degree Programme in Sciences and Management of Nature requires excellent knowledge of scientific and experimental methods, having acquired adequate knowledge of mathematics and statistics, physics and chemistry, bioecology and social and economic knowledge, in different proportions, depending on the Degree Programme of origin.

Students' level of English language skills (at least level B1) will be verified. Students whose English language skills are below level B2 may enrol in the Second Cycle Degree Programme only if they include additional language learning activities in their study plan – to make sure they reach level B2 before acquiring their degree – and will not be able to access the English language curriculum before reaching this level.

To access the Second Cycle Degree Programme, students must have a degree in one of the classes listed below in point 1, or a foreign degree recognised as suitable.

1. Degree in one of the following classes or another foreign degree recognised as suitable:


ex D.M. 270:
- Environmental sciences (L-32)
- Biology (L-13)
- Earth sciences (L-34)
- Agriculture and Forestry (L-25)

ex. D.M. 509/99:
- Environmental sciences (Class 27)
- Biology (Class 12)
- Earth sciences (Class 16)
- Agriculture, food industry and forestry (Class 20)

Previously effective four-year system:
- Environmental Sciences
- Biological Sciences
- Geological Sciences
- Natural Sciences
- Agricultural Sciences
- Forestry Sciences

or

2. Have acquired at least 36 CFUs distributed in the following discipline subject areas:
- MAT/01-09; INF/01, ING-INF/05, SECS-S/01-02, FIS/01-08, at least 12 CFU
- CHIM/01/02/03/06/12, at least 6 CFU
- BIO/01-19, GEO/01-12, at least 18 CFU

Assessment test
Admission to the degree programme requires candidates to pass an assessment test that will be held according to the methods defined in the Teaching Regulation of the degree programme.

See the degree programme regulations for further details

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

The Degree Programme aims at training professionals able to analyse, restore and conserve biotic and abiotic components of natural and artificial ecosystems, working for entities, institutions and companies, and operating as experts in educational centres, addressing ecological and environmental issues connected with global changes and the social and technical implications caused by these changes. Additionally, the Degree Programme provides the methodological and cultural foundations for a solid education and the basics of scientific research in natural science sectors. With specific reference to the programme, offered entirely in English, environmental sustainability is the model used to develop an integrated approach to the economic and social use, conservation and valorisation of natural resources in a context characterised by constant global changes.

This Degree Programme aims at providing graduates with adequate knowledge tools to help them address and solve complex issues such as those connected with global changes that affect different disciplinary fields and may have an impact on strictly natural and environmental areas, or carry additional social, economic and technological implications.

Therefore, Natural Environment Management and Conservation Experts do not focus strictly on protecting natural systems, but must also:
1) be able work on systems derived from anthropic activities (for example, agricultural areas), which are intrinsically unstable and, therefore, require constant controlling and monitoring. To meet the needs of this second aspect, the Italian learning path is based on laboratory work that provides up-to-date and immediately spendable knowledge together with activities that strengthen students' culture and allow them to develop an adequate critical attitude. The overall aim of this learning path is, in fact, centred around the combination of the two above-mentioned categories of activities.
2) be able to work on systems modified by phenomena connected with global changes. To this end, the learning programme, offered in English, uses a combination of competencies that blend the typical topics of natural and environment science with those pertinent to the economic and social impact produced by global change, as well as the political actions linked to their effects.

Learning path overview:
In brief, the degree programme aims at training professional figures able to bring together the solid culture of naturalistic studies – which in Italy have a great and successful tradition – with the need for monitoring, protecting and restoring natural and anthropic environments. This learning path also aims at setting the natural and/or anthropic environment in a context that includes the effects connected with global changes, and divides it into two curricula that analyse in depth the management and conservation of nature (in Italian) and the ecological dynamics and social and economic aspects linked to global change (in English).
For the above-mentioned purposes, the learning path is organized in blocks of disciplines with study programmes and laboratory work involving multiple fields: biogeography, bio agriculture and ecology, geoenvironmental studies, and social and economic management.


Curricula


The course provides an international curriculum in Global Change Ecology and Sustainable Development Goals (GCE&SDG)

Risultati di apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE (KNOWLEDGE AND UNDERSTANDING)

Il laureato magistrale ha ampia conoscenza e comprensione delle tematiche della gestione, protezione e conservazione della natura, nonché delle dinamiche ecologiche e sociali legate ai cambiamenti globali. Inoltre, ha un'approfondita conoscenza dei sustainable development goals dell'ONU e delle strategie necessarie al loro raggiungimento.

Le sopraelencate conoscenze e capacità di comprensione sono conseguite tramite la partecipazione alle lezioni frontali, esercitazioni e laboratori, attività di terreno e da un congruo numero di ore dedicato allo studio e all'approfondimento individuale. La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso esami orali e scritti oltre che, ove necessario, tramite relazioni sulle attività di laboratorio e di terreno. Il piano didattico riserva un ruolo importante al lavoro di preparazione della tesi, durante il quale si acquisiscono conoscenze e competenze ad alto livello soprattutto mediante lo studio individuale e la partecipazione a progetti presso gruppi di ricerca e/o laboratori anche esterni.


CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE (APPLYING KNOWLEDGE AND UNDERSTANDING)

Il Laureato magistrale è in grado di:
- applicare metodologie statistico-informatiche nell'analisi di dati ambientali e nella valutazione della biodiversità;
- utilizzare tecniche in campo biologico e naturalistico quali: georeferenziamento, cartografia numerica e GIS per le applicazioni a componenti fisiche e biologiche;
- valutare l'impatto ambientale e del global change attraverso l'utilizzo di bioindicatori;
- orientarsi nella legislazione ambientale in campo naturalistico;
- realizzare materiali didattici in ambito di educazione naturalistica e ambientale;
- individuare soluzioni integrate che permettano di mitigare gli effetti del Global Change e di sviluppare attività sostenibili;
- sviluppare appropriati percorsi metodologici per raggiungere goals specifici in relazione a questioni legate al Global Change.

Il raggiungimento delle sopraelencate capacità avviene in particolare:
1) tramite insegnamenti con un più elevato contenuto di attività pratiche, come esercitazioni e laboratori per i quali verrà richiesto un contributo autonomo da parte degli studenti;
2) con applicazioni sul campo durante le attività connesse con lo svolgimento della tesi di laurea sperimentale. Quest'ultima prevede un congruo ammontare di crediti e richiede per la sua realizzazione conoscenze specialistiche abbinate a capacità di applicazione.
Queste capacità sono verificabili nello svolgimento delle attività connesse con la tesi di laurea.


AUTONOMIA DI GIUDIZIO (MAKING JUDGEMENTS)

Il laureato magistrale:

- possiede una visione integrata dell'ambiente e del territorio;
- è capace di fare una valutazione in merito alla qualità ambientale;
- possiede una visione integrata di cause e conseguenze del Global Change;
- è in grado di dare un giudizio relativamente ad innovazioni scientifiche e tecnologiche;
- è in grado di dare valutazioni, anche etiche, basandosi su un'analisi complessiva di tanti aspetti, scientifici e non, legati al problema.
- è in grado di collegare ricerca scientifica ed educazione ambientale con approccio interdisciplinare e innovativo.

L'autonomia di giudizio viene sviluppata in particolare tramite attività di esercitazione e di laboratorio, oltre che durante le attività organizzate sul campo. Essa viene, in particolare, esercitata durante l'attività assegnata dal docente relatore per la preparazione della prova finale. La verifica dell'acquisizione dell'autonomia di giudizio avviene tramite la valutazione del piano di studio dello studente e durante l'attività assegnata per la preparazione della prova finale.


ABILITÀ COMUNICATIVE (COMMUNICATION SKILLS)

Il laureato magistrale:

- è capace di esporre e presentare il proprio sapere integrato attraverso elaborati scritti, grafici e multimediali;
- è capace di comunicare in lingua italiana e inglese scritta e orale;
- possiede capacità di problem solving;
- possiede propensione al lavoro di gruppo in generale, nonché buone capacità di gestire e coordinare progetti e gruppi di lavoro multidisciplinari;
- è capace di lavorare in ampia autonomia;
- è capace di trasmettere e divulgare ad alto livello informazioni, idee, problemi e soluzioni su tematiche naturalistiche/ambientali, in lingua italiana e inglese;
- è capace di adattarsi a nuove situazioni.

Tali abilità vengono conseguite e verificate attraverso il lavoro di gruppo e la preparazione della prova finale che offre allo studente una ulteriore opportunità di approfondimento e di verifica delle capacità di analisi, elaborazione e comunicazione del lavoro svolto.


CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO (LEARNING SKILLS)

Il laureato magistrale è in grado di:
- studiare, in modo autonomo, i nuovi risultati presenti nella letteratura scientifica;
- consultare materiale bibliografico, banche dati e altre informazioni in rete;
- intraprendere, con un alto grado di autonomia, attività lavorative e studi di livello superiore (Dottorato di Ricerca o Master Universitario di II livello).
Ciò sarà conseguibile e verificabile in sede di svolgimento dei singoli insegnamenti e dei relativi esami per preparare i quali i candidati sono stimolati a far uso di letteratura scientifica abbandonando, quindi, l'idea del "libro di testo".

Accesso a ulteriori studi

Dà accesso agli studi di terzo ciclo (Dottorato di ricerca e Scuola dispecializzazione) e master universitario di secondo livello.

Sbocchi occupazionali

Specialista di gestione e conservazione degli ambienti naturali


Funzione in un contesto di lavoro

Lo specialista di gestione e conservazione degli ambienti naturali è una figura professionale che si occupa di censire, analizzare ed elaborare piani di conservazione e tutela del patrimonio naturale agendo in un contesto caratterizzato dall'impatto antropico sui sistemi naturali e da fattori ecologici e sociali largamente influenzati dai cambiamenti globali in corso.

Le principali funzioni in un contesto di lavoro sono correlate alle attività:

- di ricerca naturalistica sia di base che applicata;
- di ricerca ambientale, sociale, tecnica e tecnologica;
- di analisi degli effetti dei cambiamenti globali e di sviluppo di percorsi di sostenibilità ambientale;
- di mitigazione degli effetti dei cambiamenti globali.

Queste attività potrebbero essere condotte attraverso:
- il censimento del patrimonio naturalistico;
- la progettazione di piani di monitoraggio;
- la valutazione d'impatto, recupero e di gestione dell'ambiente naturale;
- la progettazione ambientale in ambito naturale;
- la gestione faunistica e di conservazione della biodiversità;
- l'applicazione di quegli aspetti della legislazione ambientale che richiedono competenze naturalistiche, con particolare riferimento agli studi di impatto (comparto flora-fauna) e alla valutazione di incidenza;
- la redazione di carte tematiche (biologiche ed abiologiche) anche attraverso l'uso di GIS e database collegati;
- l'organizzazione e direzione di musei scientifici, acquari, giardini botanici e parchi naturalistici;
- l'educazione naturalistica e ambientale, come la realizzazione di materiali didattici anche a supporto multimediale per scuole, università, musei naturalistici, parchi, acquari e giardini botanici;
- la progettazione e gestione di itinerari naturalistici;
- la divulgazione dei temi ambientali e delle conoscenze naturalistiche.

Competenze associate alla funzione

Lo specialista di gestione e conservazione degli ambienti naturali possiede competenze correlate:

- all'analisi sistemica dell'ambiente naturale e delle loro interazioni, considerate anche in una visione storico-evolutiva;
- all'uso del metodo scientifico d'indagine e delle conoscenze necessarie alla sua applicazione;
- alla conoscenza dei moderni sistemi di rilevamento del territorio, delle tecniche statistiche ed informatiche di analisi e di archiviazione dei dati;
- alla capacità di affrontare problemi derivati dalla gestione e conservazione della qualità nell'ambiente naturale;
- alla capacità di comunicazione e gestione dell'informazione naturalistica e ambientale;
- alla gestione flori-faunistica e conservazione della biodiversità;
- alla capacità di operare con ampia autonomia, anche assumendo responsabilità di progetti e strutture.

Per le funzioni e competenze sopracitate lo specialista di conservazione degli ambienti naturali collabora con diverse altre figure professionali che operano nel campo delle libere professioni e della pubblica amministrazione.

Sbocchi occupazionali

Principali sbocchi occupazionali previsti in:

- enti, cooperative e altre organizzazioni operanti nell'educazione naturalistica-ambientale;
- agenzie per la protezione dell'ambiente;
- aziende operanti nei settori della protezione e riqualificazione ambientale;
- enti pubblici;
- agenzie di consulenza politica ed economica;
- enti locali e consorzi per la gestione di parchi e aree protette;
- musei scientifici e orti botanici;
- istituti di istruzione;
- enti e centri di ricerca focalizzati su diversi aspetti del Global Change;
- agenzie di valutazione e gestione di progetti europei;
- organizzazioni internazionali (es. ONU, EU, Banca Mondiale, FAO, associazioni non governative).