Laurea Magistrale in Offshore engineering

Scheda del corso

Tipo di laurea Laurea Magistrale
Anno Accademico 2018/2019
Ordinamento D.M. 270
Codice 9249
Classe di corso LM-22 - INGEGNERIA CHIMICA
LM-35 - INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO
Anni Attivi I
Modalità didattica Convenzionale (lezioni in presenza)
Tipo di accesso Prova di verifica dell’adeguatezza della preparazione​
Curricula Il corso è articolato nei seguenti curricula:

1) Offshore Energy Technologies
2) Environmental Offshore Engineering
3) Offshore Structures
Sede didattica Ravenna
Tipologia Corso interamente internazionale
Coordinatore del corso Valerio Cozzani
Docenti Elenco dei docenti
Lingua Inglese

Requisiti di accesso e verifica delle conoscenze/preparazione

Per essere ammessi al corso di laurea magistrale in Offshore Engineering occorre essere in possesso di una laurea o del diploma universitario di durata triennale, ovvero dialtro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo.Occorre, altresì, il possesso di requisiti curriculari e il superamento di una verifica dell'adeguatezza della personale preparazione.Requisiti curriculariSono richiesti entrambi i seguenti requisiti curriculari:1. Avere conseguito la Laurea in una delle seguenti classi:a) Classe 10 (ex D.M. 509/99) o classe L-9 (ex D.M. 270/04), "Ingegneria Industriale"b) Classe 8 (ex D.M. 509/99) o nella classe L-7 (ex D.M. 270/04) Classe delle Lauree "Ingegneria Civile e Ambientale".2. Avere conseguito almeno 36 CFU nei seguenti Settori Scientifico-Disciplinari: ICAR/01; ICAR/02; ICAR/06; ICAR/07; ICAR/08; ICAR/09; ING-IND/06; ING-IND/08;ING-IND/10; ING-IND/21; ING-IND/22; ING-IND/24; ING-IND/25; ING-IND/26; ING-IND/27; ING-IND/28; ING-IND/30.L'ammissione al corso di Laurea magistrale è subordinata al superamento di una verifica dell'adeguatezza della personale preparazione che avverrà secondo le modalitàdefinite nel Regolamento didattico del corso di studio. Per l'accesso al corso di studio è richiesta la conoscenza della lingua inglese assimilabile al livello B2. Maggiori dettagli nel Regolamento del Corso di Studio

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

Il Corso di Laurea Magistrale ha l'obiettivo di formare Ingegneri Offshore, figure professionali di alta specializzazione capaci di operare a livello internazionale nel contesto professionale indirizzato dal corso di studio. In particolare, il corso ha l'obiettivo di formare professionalità indirizzate verso i settori industriali impegnati nella valorizzazione delle risorse energetiche convenzionali e rinnovabili, e verso le attività relative alla gestione delle coste e dei litorali ed alla valorizzazione delle risorse biologiche in un contesto di sostenibilità ambientale.Le figure tecniche formate, portatrici di una elevata capacità di innovazione e progettazione, hanno le competenze per operare con successo nei settori della progettazione, della gestione operativa, del controllo, della sicurezza e della verifica della sostenibilità ambientale ed economica di impianti, sistemi e strutture offshore e costieri. L'obiettivo formativo del Corso è perseguito attraverso la strutturazione di aree di apprendimento coerenti con le competenze richieste dai profili professionali che si intendono formare e trasversali ai percorsi formativi specifici offerti. In particolare verranno fornite in primo luogo conoscenze propedeutiche alle competenze professionali, comprendenti l'applicazione della matematica alla risoluzione di problematiche numeriche di progettazione e simulazione, l'applicazione della fluidodinamica al contesto specifico dell'ambiente marino e degli impianti offshore, ed elementi di meccanica dei solidi e delle strutture. Conoscenze specifiche legate alla termodinamica, alla meccanica delle terre, e alla geomatica saranno fornite in relazione a percorsi tematici di approfondimento.Nell'ambito del corso di studio verranno inoltre fornite conoscenze professionalizzanti relative agli aspetti ambientali, di sicurezza e sostenibilità nell'ambito di insegnamenti specifici relativi alla gestione degli aspetti ambientali, di monitoraggio, di remediation e di sicurezza. Queste tematiche costituiranno inoltre embedded drivers nell'ambitodei corsi relativi alla progettazione e gestione di impianti, sistemi e strutture.Un'ulteriore area di apprendimento sarà finalizzata a fornire agli allievi conoscenze specifiche in relazione a tecnologie, sistemi e strutture offshore e costiere, con particolare riferimento alle tecnologie per la produzione di risorse petrolifere offshore ed alle tecnologie per la produzione di energie rinnovabili offshore, ed alla valorizzazione di risorse biotiche.Infine le aree di apprendimento relative alla progettazione impiantistica e strutturale completano il percorso di formazione, fornendo le competenze professionali specifiche per operare nella progettazione dei sistemi offshore, che richiede una specifica interrelazione dei due aspetti.La formazione delle figure professionali che costituiscono l'obiettivo del Corso di Laurea Magistrale è integrata da esperienze di laboratorio, attività progettuali autonome e/o da tirocini industriali ed è completata attraverso lo sviluppo e la maturazione di capacità di autonomia, di comunicazione e di apprendimento autonomo.Il raggiungimento degli obiettivi qualificanti sopra indicati è ottenuto attraverso un articolato percorso formativo nel quale lo studente acquisisce la padronanza degli aspetti metodologici specialistici dell'ingegneria offshore, relativi alla progettazione ed allo sviluppo di strutture ed impianti in un contesto di tutela ambientale, sicurezza e sostenibilità. Il percorso formativo progettato consente al laureato il corretto inquadramento in una visione di sistema dello spettro di competenze sopra indicate, al fine di garantire la capacità di rispondere ad esigenze specialistiche diverse collegabili alla analisi avanzata e alla progettazione sostenibile di processi e impianti offshore, alla valutazione degli aspetti di impatto ambientale e di sicurezza, e alla progettazione strutturale di opere industriali e civili offshore e costiere.La flessibilità del percorso formativo è garantita in primo luogo dalla presenza di tre diversi curriculum che, nell'ambito delle cinque aree di apprendimento evidenziate, permettono l'approfondimento delle conoscenze e l'acquisizione di ulteriori competenze specifiche su tre diversi aspetti, coerenti con i profili professionali formati: la progettazione sostenibile di processi ed impianti offshore; la gestione degli aspetti ambientali e di sicurezza nella progettazione e conduzione di opere offshore; e la progettazione sostenibile di infrastrutture ed opere strutturali offshore per la valorizzazione di risorse biotiche ed abiotiche.Il corso prevede inoltre la possibilità, in particolare durante il primo anno, di realizzare percorsi formativi individuali per permettere l'armonizzazione delle competenze in ingresso, anche attraverso corsi a scelta specifici messi a disposizione degli allievi in funzione del diverso background derivante dalla laurea triennale.

Risultati di apprendimento attesi

Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding) Il laureato magistrale, al termine del corso di studi, ha una approfondita conoscenza: - della matematica e delle scienze di base, con particolare riferimento alla fluidodinamica, alla termodinamica, alla meccanica delle terre e delle strutture; - degli aspetti di sicurezza delle strutture e degli impianti offshore, della progettazione sicura e sostenibile di strutture ed impianti e della gestione della sicurezza e della tutela dell'ambiente nel contesto operativo offshore; - delle diverse tipologie di strutture offshore e costiere, delle infrastrutture per la gestione delle operazioni e degli impianti offshore e delle tecnologie ed i processi per la valorizzazione di risorse energetiche offshore fossili e rinnovabili; - degli aspetti di progettazione e dimensionamento di apparecchiature ed impianti di processo nel contesto settore offshore, nonché delle procedure necessarie per la stima delle relative variabili di progetto; - degli aspetti di progettazione e dimensionamento di strutture civili ed industriali offshore, nonché delle procedure necessarie per la stima delle relative variabili di progetto. Le conoscenze sopra riportate sono acquisite e verificate durante le attività didattiche previste, quali le lezioni frontali, i laboratori e le attività di studio guidato ed autonomo, e sono verificate durante le prove d'esame scritte, orali e/o pratiche relative alle singole attività formative e nella prova finale. Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding) Il laureato magistrale: - è capace di applicare all'interpretazione, alla descrizione ed alla modellazione di problemi dell'ingegneria strumenti matematici, fisici ed in genere derivanti dalla approfondita conoscenza degli aspetti teorico-scientifici delle scienze di base; - è in grado di applicare le conoscenze relative a sicurezza e tutela per l'ambiente alla progettazione, alla gestione di operazioni ed alla conduzione di strutture ed impianti offshore; - è in grado di affrontare e risolvere problemi anche complessi relativi alla selezione, progettazione e posa in opera di strutture, ed impianti offshore e costieri, ed ha la capacità di gestire e/o condurre strutture ed impianti offshore, di infrastrutture offshore, con particolare riferimento al rilievo, alla manutenzione ed alla diagnostica; - è in grado di eseguire la progettazione e la modellazione funzionale di apparecchiature e impianti per applicazioni Offshore; - conosce e sa applicare i criteri per il calcolo e la progettazione di varie tipologie di strutture in ambito offshore e costiero, dalla concezione strutturale fino al dimensionamento, alle verifiche, al progetto dei particolari costruttivi. Le conoscenze sopra riportate sono acquisite e verificate durante le attività didattiche previste, quali le lezioni frontali, i laboratori e le attività di studio guidato ed autonomo, e sono verificate durante le prove d'esame scritte, orali e/o pratiche relative alle singole attività formative e nella prova finale. Autonomia di giudizio (making judgements) Il laureato magistrale: - è in grado di interpretare i risultati ed elaborare decisioni autonome in relazione ad esperimenti e collaudi per lo sviluppo di strutture, sistemi, processi e/o impianti anche complessi nel contesto offshore e marittimo; - è in grado di identificare, formulare e risolvere i problemi complessi e articolati legati alla progettazione funzionale, alla gestione e all'adeguamento di strutture, sistemi, processi e/o impianti in ambito offshore e marittimo, anche in presenza di dati limitati o incompleti; - è in grado di prendere decisioni in relazione alla selezione, utilizzo e grado di dettaglio di metodi, tecniche e strumenti specialistici nel campo dell'ingegneria offshore. Le abilità di autonomia di giudizio sopraelencate sono raggiunte attraverso la partecipazione ad attività formative organizzate negli ambiti caratterizzanti e ad ulteriori attività formative, che includono tirocini o laboratori specifici e la preparazione della prova finale. Le metodologie di insegnamento utilizzate comprendono la partecipazione a seminari ed esercitazioni, in aula o in laboratorio, lo svolgimento di progetti individuali o di gruppo, lo studio personale guidato e lo studio indipendente. La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso lo svolgimento di test, prove d'esame scritte o orali, esecuzione di progetti. Abilità comunicative (communication skills) Il laureato magistrale: - è in grado di comunicare in modo chiaro e privo di ambiguità le proprie conclusioni in relazione alle problematiche specifiche affrontate a interlocutori specialisti e non specialisti; - è in grado di formulare ed esporre in modo chiaro le soluzioni elaborate in relazione ai problemi complessi e articolati legati alla progettazione funzionale, alla gestione e all'adeguamento di strutture, sistemi, processi e/o impianti in attività offshore; - è capace di comunicare ed esporre in modo chiaro i risultati di attività di reperimento, consultazione ed interpretazione di fonti bibliografiche e normative in relazione a problematiche dell'Ingegneria offshore; - è capace di comunicare efficacemente in lingua inglese in forma scritta e orale. Le abilità di comunicazione sopraelencate sono raggiunte attraverso la partecipazione ad attività formative organizzate negli ambiti caratterizzanti e ad ulteriori attività formative che includono il tirocinio o laboratori specifici e la preparazione della prova finale. Le metodologie di insegnamento utilizzate comprendono la partecipazione ad esercitazioni in aula o in laboratorio, lo svolgimento di progetti di gruppo e lo studio personale guidato, anche attraverso supporti web. La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso lo svolgimento di prove d'esame scritte o orali e l'esecuzione di progetti. Capacità di apprendimento (learning skills) Il laureato magistrale: - possiede le capacità autonome di apprendimento necessarie per aggiornarsi su sistemi, metodi, tecniche e strumenti specialistici nel campo dell'Ingegneria offshore, relativi alla modellazione, all'analisi, alla progettazione ed alla gestione di strutture, sistemi, processi, e impianti inerenti ad attività offshore; - possiede la capacità autonoma di comprendere ed applicare in contesto industriale conoscenze innovative; - è in grado di condurre in modo auto-diretto ed autonomo studi di dettaglio o attività di ricerca sui temi dell'ingegneria offshore e del contesto più generale dell'ingegneria civile ed industriale. Al raggiungimento delle capacità di apprendere sopraelencate contribuiscono attività formative organizzate in tutti gli ambiti disciplinari individuati nell'ordinamento del Corso di Laurea Magistrale, ed in particolare quelle parzialmente svolte in autonomia. Le specifiche metodologie di insegnamento utilizzate comprendono, tra l'altro, l'attività di tutorato. La verifica del raggiungimento delle capacità di apprendimento è oggetto delle diverse prove d'esame previste nel percorso formativo.

Accesso a ulteriori studi

Il titolo dà accesso agli studi di terzo ciclo (Dottorato di ricerca e Scuola di specializzazione) e ai master universitari di I e II livello.

Sbocchi occupazionali

PROFILO PROFESSIONALE:
Ingegnere Offshore esperto nella progettazione di processi ed impianti

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
L'Ingegnere Offshore esperto nella progettazione di processi ed impianti è una figura professionale che opera nello sviluppo sostenibile, nella progettazione e nella gestione operativa di processi, impianti, sistemi, o servizi offshore o costieri, nell'ambito dei principali settori industriali di riferimento: energetico, petrolifero, e biotecnologico.Può anche operare nella ricerca e sviluppo industriale, in particolare in relazione allo sviluppo di nuovi processi e tecnologie per lavalorizzazione delle risorse marine biotiche ed abiotiche.Gli ambiti di riferimento sono sia quelli dell'Ingegneria Petrolifera, Chimica, che quelli dell'Ingegneria Ambientale ed Energetica. In particolare:- è esperto nella selezione e sviluppo di tecnologie e processi sostenibili per la valorizzazione di risorse energetiche offshore;- è esperto dell'ambiente fisico costiero e marino e sa valutare le condizioni ambientali di progetto in relazione a strutture, impianti ed infrastrutture offshore;- progetta processi ed impianti offshore per la valorizzazione di risorse biotiche ed abiotiche, anche valutandone gli aspetti di sicurezza, compatibilità ambientale e sostenibilità;- supervisiona la conduzione e la gestione di processi ed impianti industriali offshore per la valorizzazione di risorse biotiche ed abiotiche, anche in relazione alla valutazione della sicurezza operativa;- conduce analisi di rischio per processi e impianti offshore.Le opportunità di crescita professionale, di specializzazione, di ampliamento delle competenze e delle responsabilità professionali in specifici settori dell'industria offshore, caratterizzata da una forte componente innovativa, potranno essere potenziate integrando la formazione attraverso dottorati di ricerca o master professionalizzanti.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
All'Ingegnere Offshore esperto nella Progettazione di Processi ed Impianti nell'esercizio delle sue funzioni è richiesto di utilizzarecompetenze relative a:- applicazione di aspetti teorico-scientifici della matematica, della fluidodinamica e delle altre scienze di base all'interpretazione esoluzione dei problemi dell'ingegneria offshore;- identificazione, formulazione e risoluzione di problemi complessi o che richiedono un approccio interdisciplinare;- progettazione e dimensionamento di impianti ed apparecchiature offshore, ed integrazione con gli aspetti strutturali;- analisi delle problematiche ambientali, di sicurezza e sostenibilità relative alla progettazione e conduzione di processi e impiantioffshore;- tecnologie, processi e produzioni industriali nel settore offshore, con particolare riferimento alla valorizzazione e l'uso di risorseenergetiche oil&gas e rinnovabili;- organizzazione aziendale e gestione dei progetti;- pianificazione, progettazione e gestione anche innovativa di sistemi, processi e servizi complessi;- gestione degli aspetti comunicativo-relazionali ed organizzativo-gestionali relativi in ambito lavorativo;- auto-apprendimento e di aggiornamento continuo.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
Ingegnere dipendente di Enti ed Amministrazioni pubbliche:- Uffici Tecnici degli Enti Locali (Comuni, Province, Regione);- Uffici Tecnici degli Enti nazionali (Ministero delle Infrastrutture, Ministero dell'Ambiente);- enti preposti alla riduzione ed al controllo dei rischi connessi alle opere civili (Protezione Civile, Vigili del Fuoco, ecc.);- autorità portuali.Ingegnere presso imprese o aziende:- aziende energetiche;- aziende del settore oil&gas;- aziende petrolifere;- società di Ingegneria;- imprese per il controllo ed il monitoraggio del territorio;- imprese specializzate in analisi di sicurezza e protezione ambientale;- aziende dedite alla progettazione e realizzazione di impianti, strutture ed infrastrutture marine.Ingegnere libero professionista: previo superamento dell'Esame di stato secondo la vigente normativa, l'Ingegnere Offshore puòiscriversi all'albo professionale ed esercitare la libera professione. Egli potrà quindi firmare progetti di opere civili anche di elevatacomplessità, sia a livello individuale che in un team di progettazione.


PROFILO PROFESSIONALE:
Ingegnere Offshore esperto in Ambiente e Sicurezza

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
L'Ingegnere Offshore esperto in ambiente e sicurezza è una figura professionale che opera nella gestione degli aspetti ambientali, disicurezza e sostenibilità con riferimento alla progettazione e conduzione di opere industriali e civili offshore e costiere e nella gestionedelle aree costiere e marine.Può anche operare nella ricerca e sviluppo industriale, in particolare in relazione alla valutazione degli aspetti di sostenibilità, impattoambientale e sicurezza, nel contesto dello sviluppo di nuovi processi e tecnologie per la valorizzazione delle risorse marine biotiche edabiotiche.Gli ambiti di riferimento sono sia quelli dell'Ingegneria Idraulica ed Ambientale che quelli dell'Ingegneria Petrolifera e Chimica. Inparticolare:- è esperto nell'analisi e sviluppo di tecnologie sostenibili per la valorizzazione di risorse energetiche offshore;- è esperto dell'ambiente fisico costiero e marino e sa valutare le condizioni ambientali di progetto in relazione a strutture, opere edinfrastrutture offshore;- valuta gli aspetti di impatto ambientale, sicurezza e sostenibilità relativi alla progettazione e messa in opera di strutture, sistemi edimpianti offshore;- gestisce gli aspetti relativi all'impatto ambientale ed alla sicurezza nell'operazione di sistemi, impianti e strutture offshore;- progetta e gestisce le opere di sicurezza dei cantieri portuali o in piattaforme offshore;- progetta opere di difesa costiera, opere portuali e opere offshore e sa valutare il loro impatto sull'ambiente limitrofo.Le opportunità di crescita professionale, di specializzazione, di ampliamento delle competenze e delle responsabilità professionali inspecifici settori dell'industria offshore, caratterizzata da una forte componente innovativa, potranno essere potenziate integrando laformazione attraverso dottorati di ricerca o master professionalizzanti.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
All'Ingegnere Offshore esperto in Ambiente e Sicurezza nell'esercizio delle sue funzioni è richiesto di utilizzare competenze relative a:- applicazione di aspetti teorico-scientifici della matematica, della fluidodinamica e delle altre scienze di base all'interpretazione esoluzione dei problemi dell'ingegneria offshore;- identificazione, formulazione e risoluzione di problemi complessi o che richiedono un approccio interdisciplinare;- sicurezza e salute dei lavoratori in strutture, infrastrutture, impianti offshore e costieri;- valutazione dell'impatto e della compatibilità ambientale di strutture, infrastrutture, e impianti offshore, portuali e costieri;- progettazione e gestione di opere di difesa costiera, e valutazione del loro impatto sull'ambiente limitrofo;- gestione delle aree e delle opere offshore, costiere e portuali, con particolare riferimento agli aspetti di compatibilità ambientale esostenibilità;- criteri di scelta e di progettazione di sistemi di posizionamento per la realizzazione di infrastrutture offshore;- tecnologie per la produzione ed il trasporto delle principali fonti energetiche primarie offshore, con particolare riferimento agli aspettidi impatto ambientale e di sostenibilità;- pianificazione, progettazione e gestione anche innovativa di sistemi, processi e servizi complessi;- gestione degli aspetti comunicativo-relazionali ed organizzativo-gestionali relativi in ambito lavorativo;- auto-apprendimento e di aggiornamento continuo.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
Ingegnere dipendente di Enti ed Amministrazioni pubbliche:- Uffici Tecnici degli Enti Locali (Comuni, Province, Regione);- Uffici Tecnici degli Enti nazionali (Ministero delle Infrastrutture, Ministero dell'Ambiente);- Enti preposti alla riduzione ed al controllo dei rischi connessi alle opere civili (Protezione Civile, Vigili del Fuoco, ecc.);- Autorità portuali.Ingegnere presso imprese o aziende:- aziende energetiche;- aziende del settore oil & gas;- aziende petrolifere;- società di Ingegneria;- imprese per il controllo ed il monitoraggio del territorio;- imprese specializzate in protezione ambientale;- studi di progettazione di marine e porti;- aziende dedite alla progettazione e realizzazione di sistemi, strutture ed infrastrutture per la protezione delle coste e di infrastrutturemarine.Ingegnere libero professionista: previo superamento dell'Esame di stato secondo la vigente normativa, l'Ingegnere Offshore puòiscriversi all'albo professionale ed esercitare la libera professione. Egli potrà quindi firmare progetti di opere civili anche di elevatacomplessità, sia a livello individuale che in un team di progettazione.


PROFILO PROFESSIONALE:
Ingegnere Offshore esperto nella progettazione di strutture ed infrastrutture

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
L'Ingegnere Offshore esperto nella Progettazione di Strutture ed Infrastrutture Offshore è una figura professionale che opera nellaprogettazione e nella gestione di sistemi ed opere offshore sostenibili e compatibili con il contesto ambientale, funzionali ai principalisettori di riferimento: energetico, petrolifero, portuale, e della gestione delle aree costiere.Può anche operare nella ricerca e sviluppo industriale, in particolare in relazione alla valutazione di innovazioni nella progettazione oposa in opera di sistemi e strutture, nel contesto dello sviluppo di nuovi processi e tecnologie per la valorizzazione delle risorse marinebiotiche ed abiotiche.Gli ambiti di riferimento sono sia quelli dell'Ingegneria Idraulica ed Ambientale che quelli dell'Ingegneria Petrolifera e Chimica. Inparticolare:- è esperto nell'analisi e sviluppo di sistemi e tecnologie per la valorizzazione di risorse energetiche offshore;- è esperto dell'ambiente fisico costiero e marino e sa valutare le condizioni ambientali di progetto in relazione a strutture, opere edinfrastrutture offshore;- progetta, realizza e gestisce interventi ingegneristici finalizzati alla realizzazione e manutenzione di sistemi e strutture per lavalorizzazione di risorse offshore in un contesto sostenibile;- progetta strutture offshore con finalità di produzione sostenibile energetica ed estrattiva, valutandone le implicazioni ambientali;- conosce le implicazioni dei più recenti criteri in tema di sicurezza degli operatori in cantiere, e predispone la documentazionenecessaria per la sicurezza nell'ambiente di lavoro in cantiere e la tutela della salute nell'ambiente circostante.Le opportunità di crescita professionale, di specializzazione, di ampliamento delle competenze e delle responsabilità professionali inspecifici settori dell'industria offshore, caratterizzata da una forte componente innovativa, potranno essere potenziate integrando laformazione attraverso dottorati di ricerca o masterm professionalizzanti.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
All'Ingegnere Offshore esperto nella Progettazione di Strutture e Infrastrutture Offshore nell'esercizio delle sue funzioni è richiesto diutilizzare competenze relative a:- applicazione di aspetti teorico-scientifici della matematica, della fluidodinamica e delle altre scienze di base all'interpretazione edescrizione dei problemi dell'ingegneria offshore;- identificazione, formulazione e risoluzione di problemi complessi o che richiedono un approccio interdisciplinare;- caratteristiche strutturali e criteri di scelta nella progettazione di opere offshore e costiere ed integrazione con gli aspettiimpiantistici;- progettazione di fondazioni per strutture offshore e costiere;- progettazione strutturale di opere offshore, portuali e costiere, in un contesto di sostenibilità;- reperimento e analisi di dati per la gestione di opere in mare;- gestione e manutenzione di opere strutturali offshore e costiere;- tecnologie per la valorizzazione delle principali fonti energetiche primarie offshore;- pianificazione, progettazione e gestione anche innovativa di sistemi, processi e servizi complessi;- gestione degli aspetti comunicativo-relazionali ed organizzativo-gestionali relativi in ambito lavorativo;- auto-apprendimento e di aggiornamento continuo.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
Ingegnere dipendente di Enti ed Amministrazioni pubbliche:- Uffici Tecnici degli Enti Locali (Comuni, Province, Regione);- Uffici Tecnici degli Enti nazionali (Ministero delle Infrastrutture, Ministero dell'Ambiente);- Enti preposti alla riduzione ed al controllo dei rischi connessi alle opere civili (Protezione Civile, Vigili del Fuoco, ecc. );- autorità portuali.Ingegnere presso imprese o aziende:- imprese di costruzioni;- aziende energetiche;- aziende del settore oil&gas;- aziende petrolifere;- società di Ingegneria;- imprese per il controllo ed il monitoraggio del territorio;- aziende dedite alla progettazione e realizzazione di sistemi, strutture ed infrastrutture Offshore e marine.Ingegnere libero professionista: previo superamento dell'Esame di stato secondo la vigente normativa, l'Ingegnere offshore puòiscriversi all'albo professionale ed esercitare la libera professione. Egli potrà quindi firmare progetti di opere civili anche di elevatacomplessità, sia a livello individuale che in un team di progettazione.