Laurea Magistrale in Storia e conservazione delle opere d’arte

Scheda del corso

Tipo di laurea Laurea Magistrale
Anno Accademico 2012/2013
Ordinamento D.M. 270
Codice 0890
Classe di corso LM-89 - STORIA DELL'ARTE
Anni Attivi I e II anno
Modalità didattica Convenzionale (lezioni in presenza)
Tipo di accesso Libero con verifica dell’adeguatezza della preparazione
Sede didattica Ravenna
Coordinatore del corso Anna Chiara Fariselli
Lingua Italiano

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo


Il corso di studio proposto è il naturale adattamento alla riforma della precedente laurea specialistica 95/S, Storia, Conservazione e Tutela delle Opere d'Arte, attivata nei due trascorsi anni accademici 2005/2006 e 2006/2007. La necessità di attivare presso l'Ateneo di Bologna, ed in particolare presso la Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali in virtù della propria specificità curriculare e didattica, una laurea magistrale espressamente riservata alle vicende storiche artistiche del restauro e della conservazione delle opere d'arte viene incontro alla precisa richiesta del mondo del lavoro sempre più orientato alla collaborazione interdisciplinare di storici d'arte / conservatori, scienziati e restauratori al fine di garantire una corretta metodologia di intervento nell'azione di protezione e preservazione del patrimonio culturale. Questa necessità si coniuga anche al dettato ministeriale per la direzione dei cantieri di restauro, regolata dal decreto ministeriale n.294 del 3 agosto 2000 e successiva modifica con decreto ministeriale n.420.

Risultati di apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:
Il laureato magistrale

- ha una competenza specialistica in museologia e nelle discipline attinenti alla specificità del museo e dell'istituzione culturale;
- ha una conoscenza amplia della storia dell'arte e specifica dei problemi relativi alla conservazione, al restauro, alla tutela delle opere d'arte;
- possiede conoscenze approfondite in campo storico per un corretto inquadramento delle opere d'arte oggetto di studio e/o di conservazione.

Le conoscenze e capacità di comprensione sopraelencate sono conseguite tramite la partecipazione alle lezioni frontali e ai seminari specializzati, lo studio personale guidato anche da un'ampia attività di tutorato, previsti dalle attività formative attivate in particolare nell'ambito dei settori disciplinari caratterizzanti di tipo storico-artistico, metodologico, storico e letterario.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso esami e esposizioni orali o eventualmente scritte.

CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:
Il laureato magistrale

- possiede la capacità di svolgere specifiche ricerche di storia dell'arte con riferimento anche a ricerche bibliografiche, archivistiche e documentarie,
- possiede la capacità di organizzare e gestire attività culturali quali mostre, esposizioni temporanee e permanenti, percorsi educativi;
- possiede competenze informatiche ed editoriali per la realizzazione di cataloghi, siti web, prodotti multimediali;
- possiede competenze applicate in campo legislativo, economico e tecnico per i beni culturali.

Il raggiungimento delle capacità di applicare conoscenza e comprensione sopraelencate avviene tramite la riflessione critica sui testi proposti per lo studio individuale sollecitata dalle attività in aula, lo studio di casi di ricerca mostrati dai docenti, lo svolgimento di esercitazioni di laboratorio e informatiche, la ricerca bibliografica e sul campo, previsti in particolare nell'ambito degli insegnamenti comuni e degli insegnamenti opzionali inseriti nei piani di studio, in particolare nell'ambito delle discipline storico-artistiche, museologiche e museotecniche, tecnico-scientifiche giuridico-economiche applicate alle opere d'arte, oltre che in occasione di eventuali attività di tirocinio e della preparazione della prova finale.
Le verifiche, sottoforma di esami orali, relazioni, esercitazioni, prevedono lo svolgimento di specifici compiti in cui lo studente dimostra la padronanza di strumenti, metodologie e autonomia critica. Nelle attività di tirocinio la verifica avviene tramite la presentazione di una relazione da parte dello studente e del tutor aziendale.

AUTONOMIA DI GIUDIZIO:
Il laureato magistrale

- è in grado di elaborare analisi complesse, basate anche su informazioni incomplete, e di sviluppare autonome riflessioni su tematiche relative a specifici ambiti di approfondimento.

L'autonomia di giudizio viene sviluppata attraverso esercitazioni, seminari organizzati, preparazione di elaborati soprattutto nell'ambito degli insegnamenti di carattere storico e storico-artistico e nell'ambito delle discipline scientifiche e informatiche, in cui viene data rilevanza al ruolo delle discipline in oggetto nella società e alla loro evoluzione in funzione di mutamenti culturali, tecnologici e metodologici. In alcune attività formative e nella preparazione della prova finale viene dato spazio a forme didattiche di lavoro a progetto e seminariale in cui gli studenti sono chiamati a valutare reciprocamente in modo costruttivo il lavoro svolto. Le forme di verifica consistono nell'elaborazione di relazioni scritte, la realizzazione di presentazioni orali e la verifica della capacità di intervenire in modo costruttivo in contesti seminariali e in occasione dell'eventuale attività di stage e tirocinio e tramite l'attività assegnata dal docente relatore per la preparazione della prova finale.
La verifica dell'acquisizione dell'autonomia di giudizio avviene inoltre tramite la valutazione degli insegnamenti del piano di studio individuale dello studente e la valutazione del grado di autonomia e capacità di lavorare, durante l'attività assegnata in preparazione della prova finale, e in occasione del tirocinio.

ABILITÀ COMUNICATIVE:
Il laureato magistrale

- conosce una o più lingue straniere;
- possiede abilità comunicative volte alla promozione ed alla valorizzazione delle collezioni attraverso le attività culturali, educative e di divulgazione scientifica, nonché al reperimento di fondi (fund raising).

Le abilità comunicative scritte ed orali sono particolarmente sviluppate in occasione di seminari, esercitazioni, attività formative che prevedono anche la preparazione di relazioni e documenti scritti e l'esposizione orale dei medesimi. L'acquisizione e la verifica del conseguimento delle abilità comunicative sopraelencate sono previste inoltre in occasione dello svolgimento dell'eventuale attività di tirocinio-stage e della relazione conclusiva, tramite la redazione della prova finale e la discussione della medesima.
La lingua straniera viene appresa e verificata tramite seminari e attività formative nell'ambito delle Ulteriori attività formative.

CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO:
Il laureato magistrale

- è in grado di utilizzare gli strumenti di analisi e di applicare i metodi di apprendimento sviluppati per approfondire e aggiornare in autonomia le proprie conoscenze;

- è in grado di individuare gli strumenti e i percorsi di formazione adeguati per lo sviluppo delle proprie conoscenze culturali e specialistiche e delle proprie competenze professionali.

Le capacità di apprendimento sono conseguite nel percorso di studio nel suo complesso, con riguardo in particolare allo studio individuale previsto, alla preparazione di progetti individuali, all'attività svolta per la preparazione della prova finale.

La capacità di apprendimento viene valutata attraverso forme di verifica continua durante le attività formative, indicando un peso specifico per il rispetto delle scadenze, richiedendo la presentazione di dati reperiti autonomamente, mediante l'attività di tutorato nello svolgimento di progetti e mediante la valutazione della capacità di auto-apprendimento maturata durante lo svolgimento dell'attività relativa alla prova finale.

Insegnamenti

Consulta gli insegnamenti all'interno del piano didattico Insegnamenti: piano didattico

Attività tirocinio

Gli studenti del 2° anno potranno partecipare ad un tirocinio presso aziende convenzionate con l'Università di Bologna.

Ufficio tirocini
http://www.cbc.unibo.it/Beni+Culturali/Didattica/Attivita+formative/default.htm


Mobilità internazionale

Sono disponibili possibilità di scambio tramite accordi con diverse Università nell'ambito del programma Erasmus e altre convenzioni.

Delegato di Facoltà alle Relazioni Internazionali
prof.ssa Carla Comellini
carla.comellini@unibo.it

Delegato Erasmus di Facoltà
dott.ssa Maria Paola Funaioli
mariapaola.funaioli@unibo.it

Delegato di Facoltà per la mobilità extraeuropea/Overseas
Prof. Gustavo Gozzi
gustavo.gozzi@unibo.it

Delegato di Facoltà Programma Leonardo
dott. Alessandro Iannucci
alessandro.iannucci@unibo.it

Delegato di Facoltà Erasmus Mundus External Cooperation Windows
Prof. Gustavo Gozzi
gustavo.gozzi@unibo.it

Ufficio Relazioni Internazionali
http://www.poloravenna.unibo.it/Polo+Ravenna/Relazioni+internazionali/UfficioRelazioniInternazionali.htm


Prova finale


La prova finale consisterà nella redazione di una tesi concordata con un docente. Tale elaborato dovrà dimostrare capacità di indagine e di approfondimento sul tema prescelto con .particolare attenzione al dato critico ed interpretativo. Ciò al fine di preparare lo studente ad affrontare in termini di originalità e di autonomia argomenti significativi per la storia, conservazione e restauro del patrimonio artistico, da far valere nel mondo del lavoro

Accesso a ulteriori studi

Dà accesso agli studi di terzo ciclo (Dottorato di ricerca e Scuola di specializzazione) e master universitario di secondo livello.

Sbocchi occupazionali


Il laureato magistrale può svolgere i seguenti ruoli professionali e relative funzioni negli ambiti occupazionali indicati:

- CONSERVATORE
Funzioni:
• Coordina l'attività del museo e dell'istituzione (centro culturale, soprintendenza, scuola, ecc.) con le risorse e le esigenze di sviluppo del territorio,
• coordina i rapporti tra l'istituto di appartenenza, gli organi preposti alla tutela dei beni culturali e ambientali del territorio, gli uffici regionali e le associazioni di settore, anche per la realizzazione di attività di monitoraggio
• raccoglie e rappresenta le esigenze culturali della comunità e promuovendo la partecipazione dei cittadini alla vita culturale dell'istituzione
• predispone la documentazione, il monitoraggio, la verifica e la valutazione delle azioni intraprese,
• programma e coordina le attività di inventariazione e catalogazione delle collezioni secondo gli standard nazionali e regionali e ne garantisce la pubblica fruizione,
• realizza le schede di inventario e di catalogo, secondo quanto previsto dalle normative nazionali e regionali, e ne esegue l'aggiornamento
• contribuisce all'aggiornamento della metodologia, degli standard e degli strumenti di catalogazione adottati dal museo attraverso l'utilizzo di tecnologie informatiche e telematiche
• predispone i piani di manutenzione ordinaria, di conservazione e di restauro,
• definisce i programmi di manutenzione delle opere e verificarne l'attuazione, in ordine anche alle condizioni ambientali e microclimatiche,
• attua il monitoraggio delle condizioni ambientali e climatiche delle sale espositive e dei depositi, individuando le eventuali misure da attuare per la miglior conservazione delle collezioni,
• progetta gli interventi di restauro,
• raccoglie e cura, in collaborazione con il registrar, la documentazione degli interventi di restauro,
• esegue o assiste all'esecuzione di analisi diagnostiche a fini di ricerca o di pianificazione della conservazione e del restauro
• analizza e interpretare i dati relativi ai materiali costitutivi, alla tecnica di esecuzione e allo stato di conservazione dei beni
• definisce e partecipa ai programmi per l'incremento delle collezioni,
• contribuisce a elaborare i criteri e i progetti di esposizione delle raccolte,
• conduce e coordina attività di studio sulla storia dell'arte,
• collabora alla valorizzazione delle collezioni attraverso le attività culturali, educative e di divulgazione scientifica e sostiene le attività di studio per lo sviluppo del sistema conoscitivo e informativo
• progetta e coordina attività relative alle esposizioni temporanee e di editoria del museo o dell'istituzione che ne fa richiesta,
• svolge un'azione di vigilanza e segnalazione sui beni culturali del territorio che rientrano nelle responsabilità assegnate nei confronti degli uffici tecnici territoriali e dei competenti uffici pubblici,

Sbocchi occupazionali:
In qualità di funzionario e dirigente presso:
- Pubblica Amministrazione (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Soprintendenze, Enti locali);
- Pinacoteche, Musei, gallerie d'arte pubbliche e private, istituti culturali
- Cantieri impegnati nel restauro di opere d'arte
- Fondazioni bancarie, fondazioni onlus e private

- REDATTORE SPECIALIZZATO
Funzioni:
• progetta e coordina attività di divulgazione e di editoria relative ai beni culturali.
• Svolge funzioni di curatore d'area
• Redige articoli e cura rubriche specializzate

Sbocchi occupazionali:
- editoria, tradizionale e web specializzata
- Fondazioni pubbliche e private
- Musei, gallerie d'arte pubbliche e private, case d'asta, gallerie d'antiquariato

Parere delle parti sociali


La Facoltà ha preso atto in data 31.10.07 degli esisti dei questionari somministrati dal Preside tramite posta elettronica nel corso del mese di ottobre a: Fondazione Flaminia di Ravenna e Museo d’Arte della Città di Ravenna (MAR).I principali elementi emersi da tutte le consultazioni fatte per il cdl magistrale si possono sintetizzare come segue: i laureati risultano possedere una preparazione complessivamente adeguata rispetto ai ruoli in cui sono inseriti. In particolare emerge che: la formazione generale della storia dell’arte e quella specifica della conservazione, restauro, tutela delle opere d’arte, appaiono solide ed approfondite; hanno il giusto peso sia la formazione storica per un corretto inquadramento delle opere d’arte, sia quella specialistica nelle discipline attinenti alla specificità del museo e dell’istituzione culturale; la formazione va completata con discipline che conducano all’acquisizione di competenze informatiche ed editoriali per la realizzazione di cataloghi e prodotti multimediali e all’acquisizione di capacità di organizzare e gestire attività culturali e percorsi educativi.
Di tali suggerimenti si è tenuto conto nel formulare il progetto per il nuovo corso.
Agli enti consultati è stata restituita il 6.11.07 una sintesi degli esiti della consultazione stessa e una tabella con il progetto definitivo del corso con le indicazioni di figure e ruoli professionali, funzioni e obiettivi formativi, settori scientifico-disciplinari e la prova finale per eventuali ulteriori osservazioni.

Contatti e recapiti utili

Gli studenti possono contattare il Presidente del corso di laurea:
prof. Luigi Canetti luigi.canetti@unibo.it

oppure

il tutor del corso di laurea per i cui recapiti ed orari di ricevimento si rimanda al link:

http://corsi.unibo.it/Magistrale/StoriaConservazioneOpereArte/Pagine/tutor-del-corso-di-laurea.aspx?scope=Studiare


Segreteria Didattica
Palazzo Corradini - via Mariani, 5 - 48100 Ravenna (piano ammezzato)
tel. 0544-936911 telefax: 0544-936942

Segreteria Studenti

http://www.poloravenna.unibo.it/Polo+Ravenna/Studenti/Segreteria+Studenti/default.htm