Campus Forlì

La storia del Campus di Forlì

Lo sviluppo del primo esempio di decentramento universitario e di Multicampus in Romagna.

La nostra storia

Il Campus di Forlì nasce il 1° Ottobre 2001 ed è il punto d'arrivo di un percorso avviato per creare un nuovo modello di sviluppo universitario basato sulla ramificazione degli Atenei ed il decongestionamento delle loro sedi centrali. L'Università di Bologna, infatti, ha deciso di adottare una struttura Multicampus per permettere la diffusione dell'offerta formativa e l'attivazione di una stabile attività di ricerca sul territorio emiliano-romagnolo, nell'intento di migliorare il funzionamento e la qualità della vita della comunità universitaria.

Il Campus di Forlì muove i primi passi nel 1989 con l'insediamento nella città del Corso di Laurea in Scienze Politiche ad indirizzo Politico-Internazionale, emanazione della ex Facoltà di Scienze Politiche di Bologna, e con la fondazione della ex Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori (SSLMIT).

Lo sviluppo dell'offerta formativa a Forlì è proseguito con l'arrivo di alcuni corsi decentrati delle ex Facoltà di Economia (dal 1991) e di Ingegneria (dal 1992) di Bologna, mentre la ex Facoltà di Scienze Politiche ampliava progressivamente il ventaglio di scelte a disposizione degli studenti.

Nel 2000 si è costituito anche il primo dipartimento nel Polo forlivese: il Dipartimento di Studi Interdisciplinari su Traduzione, Lingue e Culture (SITLeC), che sviluppa e promuove ricerche nell'ambito dei processi di mediazione interlinguistica e interculturale. Tale ambito coinvolge discipline molto diverse, dalla linguistica all'antropologia, dagli studi sulla testualità e sulla letteratura a quelli sulle abilità linguistiche complesse e la loro acquisizione.

Infine, nel Maggio 2003, nasce il Centro Linguistico dei Poli Scientifico-Didattici della Romagna (CLIRO). Il Centro offre servizi per l'apprendimento delle lingue straniere agli studenti e al personale universitario delle ex Facoltà di Cesena, Forlì, Ravenna e Rimini. La finalità primaria della struttura è favorire lo studio linguistico a sostegno dei diversi corsi di studio esistenti presso le sedi dei Poli Scientifico-Didattici della Romagna.

L'offerta formativa

L'offerta didattica forlivese si è caratterizzata fin dall'inizio con corsi fortemente professionalizzanti ed un occhio di riguardo verso un mondo del lavoro sempre più integrato ed aperto nei confronti di un'economia innovatrice e globalizzata. Su questo sfondo trovano adeguata collocazione i corsi internazionalistici della Scuola di Scienze Politiche e le specializzazioni linguistiche della SSLMIT; gli indirizzi non-profit e di management della Scuola Economai Management e Statistica e la specializzazione aerospaziale della Scuola di Ingegneria e Architettura; il corso sociologico-criminologico della Scuola di Scienze Politiche.

Ai corsi di laurea si devono aggiungere Master qualificati e numerosi Corsi di Alta Formazione.

I nostri punti di forza

Una buona università si caratterizza innanzitutto per la qualità dei suoi docenti, che si misura sulla base della loro capacità didattica e del livello scientifico della loro ricerca. Il fatto che il Polo di Forlì sia parte dell'Università di Bologna è una garanzia, in campo nazionale e internazionale, che tale requisito sia soddisfatto.

Una buona università si caratterizza inoltre anche per il livello qualitativo e per la completezza dei servizi che è in grado di offrire. E' per questo che il Polo universitario di Forlì ha curato e cura  in modo particolare l'organizzazione complessiva dei servizi offerti e la formazione del personale che di tali servizi è responsabile.

Al Campus di Forlì lo studente incontrerà personale disponibile, servizi utili e completi e, in generale, soddisfazione per tutte le sue esigenze di studio. I servizi offerti agli studenti del Polo coprono i momenti fondamentali nella vita universitaria dello studente: l'ingresso (Ufficio Relazioni con il Pubblico, Segreteria Studenti), la vita universitaria vera e propria (Ufficio Relazioni Internazionali, Biblioteca universitaria, Centro informatico, Centro linguistico, Sap – Servizio Assistenza Psicologica) e l'uscita verso il mondo del lavoro (Career Service, Punto Europa).