Visiting scholars - studiosi invitati dall’estero

Sono visiting scholars gli studiosi, stranieri o italiani, di adeguata qualificazione scientifica, appartenenti ad università o enti di ricerca stranieri, che sono invitati presso strutture dell’Ateneo per svolgere attività di ricerca, di collaborazione o scambio scientifico. Non è prevista alcuna forma di remunerazione.

La mobilità può essere svolta anche nell’ambito di accordi di cooperazione internazionale o di progetti di cui l’Università di Bologna è parte.

Supporto per l'ingresso in Italia

Per avere supporto nelle procedure di ingresso puoi contattare l’International Desk diri.visiting@unibo.it se la sede di destinazione è Bologna, altrimenti contatta l’ufficio Relazioni Internazionali del campus di riferimento: Cesena, Forlì, Ravenna, Rimini.

Le procedure di rilascio del visto possono richiedere molto tempo ed è quindi necessario attivarsi con congruo anticipo (almeno 3 mesi).

Le attività sotto descritte, riferite all’International Desk, sono svolte nei campus dagli Uffici Relazioni Internazionali.

 

Prima dell'arrivo in Italia

Ospiti provenienti da Paesi dell’Unione Europea

È necessario:

  • verificare che il documento d’identità sia valido per tutto il periodo di permanenza in Italia;
  • possedere un’adeguata copertura sanitaria valida anche per l’Italia (Tessera TEAM e/o assicurazione privata).

 

Ospiti provenienti da Paesi non appartenenti all’Unione Europea

È necessario richiedere un visto per invito o per studio (ad esclusione di studiosi provenienti da Paesi senza obbligo di visto per permanenze inferiori a 90 giorni) presentando di norma:

  • una lettera di invito della struttura dell’Università di Bologna o la documentazione relativa all’attività di studio da svolgere;
  • la dimostrazione di possedere adeguati mezzi economici di sostentamento;
  • la disponibilità di un alloggio (prenotazione alberghiera o dichiarazione di ospitalità, prestata da un cittadino dell’UE o straniero regolarmente residente in Italia);
  • (per il visto per motivi di studio) polizza assicurativa per cure mediche e ricoveri ospedalieri, laddove lo straniero non abbia diritto all’assistenza sanitaria in Italia in virtù di accordi e convenzioni in vigore con il suo Paese. Quando richiedi il Visto, fai timbrare dall’Ambasciata la tua assicurazione sanitaria, altrimenti non potrai utilizzarla per richiedere il Permesso di Soggiorno. Consulta le informazioni sull'assistenza sanitaria per gli studenti internazionali

E’ fondamentale contattare l’Ambasciata d’Italia competente con largo anticipo e verificare la documentazione specificatamente richiesta.
Per maggiori informazioni consulta il sito della Farnesina

Attenzione: il visto per invito non consente di richiedere il permesso di soggiorno o di ricevere alcuna forma di compenso. Possono essere previsti dei rimborsi spese.

Il visto per studio consente di richiedere il permesso di soggiorno. Il permesso di soggiorno per motivi di studio o formazione consente, per il periodo di validità dello stesso, l'esercizio di attività lavorative per un tempo non superiore a 20 ore settimanali, anche cumulabili per cinquantadue settimane, fermo restando il limite annuale di 1.040 ore

 

Codice fiscale

Per eventuali rimborsi spese, la stipula di contratti di affitto o altre finalità, devi avere un codice fiscale italiano. Puoi già richiederlo all’Ambasciata prima della tua partenza per l’Italia o attendere di essere arrivato in Italia e rivolgerti al servizio rilascio del codice fiscale presso l’Università di Bologna o alle Agenzie delle Entrate.

Per maggiori informazioni consulta le informazioni sul rilascio del Codice Fiscale

 

Quando sei arrivato in Italia

Ospiti provenienti da Paesi dell’Unione Europea. 
Se resti in Italia per più di 3 mesi, devi iscriverti all’anagrafe del comune di residenza.
Verifica come effettuare l’iscrizione anagrafica nel Comune di Bologna.

Ospiti provenienti da Paesi non appartenenti all’Unione Europea.

Permesso di soggiorno

Se sei in possesso di un visto per motivi di studio e intendi restare in Italia per più di 90 giorni, entro 8 giorni lavorativi dal tuo arrivo in Italia devi richiedere il permesso di soggiorno.