30367 - GRAMMATICA GRECA (1) (LM)

Anno Accademico 2023/2024

  • Docente: Valentina Garulli
  • Crediti formativi:: 6
  • SSD: L-FIL-LET/02
  • Lingua di insegnamento: Italiano
  • Modalità didattica: Convenzionale - Lezioni in presenza
  • Campus: Bologna
  • Corso: Laurea Magistrale in Filologia, letteratura e tradizione classica (cod. 9070)

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso, lo/a studente/ssa conosce in modo approfondito la grammatica storica della lingua greca, di cui sa analizzare i principali fenomeni anche in relazione al sistema linguistico indoeuropeo. È in grado di valutare adeguatamente fatti di stile e peculiarità letterarie dei testi analizzati. Conosce i princìpi della filologia formale e della storia della tradizione, che gli consentono di collocare storicamente e di valutare criticamente i documenti letterari analizzati, in relazione ai contesti comunicativi originali e ai successivi canali di trasmissione. Attraverso la lettura di testi antichi appartenenti al dominio grammaticale e poetologico, conosce le linee guida della riflessione linguistica e critico-letteraria della grecità ed è in grado di valutarne la lunga durata in relazione alla riflessione moderna e contemporanea.

Contenuti

a) Corso monografico: fondamenti di fonetica e di sintassi storiche.

b) Parte istituzionale: fondamenti di morfologia storica.

Orario delle lezioni: lunedì ore 17-19 (Aula I, Via Zamboni 38), martedì ore 15-17 (Aula II, Via Zamboni 32, terzo piano), giovedì ore 15-17 (Aula I, Via Zamboni 38).

Data di inizio del corso: 9 NOVEMBRE 2023 (I semestre, II periodo).

Testi/Bibliografia

a) Appunti delle lezioni. Per la fonetica: M. Lejeune, Phonétique historique du mycénien et du grec ancien, Paris 1972; A.C. Cassio (ed.), Storia delle lingue letterarie greche, Milano 2016, 32-72 (seconda edizione). Per la sintassi: N. Basile, Sintassi storica del greco antico, Bari 2001 (seconda edizione). Si segnalano inoltre: O. Szemerényi, Introduzione alla linguistica indoeuropea, Milano, Unicopli, 1985; E. Campanile-B. Comrie-C. Watkins, Introduzione alla lingua e alla cultura degli Indoeuropei, Bologna, Il Mulino, 2010; F. Fanciullo, Introduzione alla linguistica storica, Bologna, Il Mulino, 2011. Ulteriore bibliografia per l’approfondimento di argomenti specifici sarà fornita a lezione.

b) Per chi non abbia mai affrontato lo studio di un manuale di morfologia storica, si consiglia un volume a scelta tra L. Heilmann, Grammatica storica della lingua greca, Torino 1963; P. Chantraine, Morphologie historique du grec, Paris 1947; D. Pieraccioni, Morfologia storica della lingua greca, Messina-Firenze 1975. Per gli altri, si consiglia un approfondimento della morfologia nominale: P. Chantraine, La formation des noms en grec ancien, Paris 1933.

La frequenza delle lezioni è cruciale per la preparazione, dal momento che tali lezioni sono dedicate interamente all’illustrazione di un metodo di riflessione storica sulla lingua greca. Agli studenti impossibilitati a frequentare non viene richiesto un programma alternativo. Su richiesta degli studenti, sarà possibile registrare le lezioni su Panopto.

Metodi didattici

Le lezioni punteranno a delineare un'essenziale fonetica e sintassi storica della lingua greca, attraverso la lettura di testi originali, tradotti e commentati dal docente con il coinvolgimento attivo degli studenti.

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

Una prima verifica dell’apprendimento avverrà già durante il corso, nelle occasioni di lavoro seminariale, in cui gli studenti avranno modo di auto-valutare il proprio apprendimento.

La prova d’esame è orale e consiste in un colloquio in cui il docente, attraverso una serie di domande, accerterà le conoscenze teoriche e le metodologie teorico-pratiche presentate a lezione. In particolare, gli studenti saranno invitati a leggere un testo e ad individuare e commentare i fenomeni grammaticali rappresentati in quel testo.

Allo studente si potrà quindi chiedere di analizzare da un punto di vista grammaticale qualsiasi parola greca incontrata nel testo letto. L’esame si riterrà superato qualora il candidato dia prova di una comprensione sicura del testo, di una salda conoscenza delle strutture grammaticali della lingua greca, e della capacità di esaminarle in prospettiva storica. In questo caso, la valutazione potrà variare da 18 a 30 e lode in base al grado di sicurezza, di solidità, di precisione e di rigore dimostrati nel possesso delle competenze e nell’applicazione delle metodologie di cui sopra.

Il massimo dei voti prevede risposte precise e complete a tutte le domande poste nel corso dell'esame orale, che si riterrà superato (con valutazione variabile a seconda della qualità delle risposte) qualora il candidato abbia risposto in modo preciso e completo alla maggior parte delle domande. La metrica è la seguente: conoscenze teoriche e capacità di traduzione ed esegesi dei testi eccellenti: 30L; ottime: 28-30; buone: 25-27; discrete: 22-24; sufficienti: 18-21.

Gli studenti possono prenotarsi per la prova orale di esame utilizzando le modalità previste dal sistema online Alma Esami. Per informazioni sulle modalità di prenotazione, collegarsi al sito: https://almaesami.unibo.it/almaesami/welcome.htm

Strumenti a supporto della didattica

Testi scaricabili da Virtuale.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Valentina Garulli

SDGs

Istruzione di qualità

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.