Soluzione per rimuovere oli minerali da carta/cartone riciclati

La tecnologia applicata alla produzione di carta/cartone ad uso alimentare rimuove gli oli minerali, la cui frazione aromatica è potenzialmente cancerogena. Il colore della carta non viene modificato dal trattamento con la silice.

Titolo brevetto Uso di silice mesoporosa
Area Chimica e biotecnologie
Titolarità Alma Mater Studiorum – University of Bologna e Università del Piemonte Orientale
Inventori Ilaria Braschi, Enrico Buscaroli, Chiara Bisio, Daniele Bussini, Graziano Elegir, Leonardo Marchese
Ambito territoriale di tutela Europa, USA, Cina
Stato Disponibile per accordi di licenza
Keywords silici porose modificate riciclabili, oli minerali (MOSH & MOAH), carta/cartone riciclato per alimenti
Depositato il 12/07/2016

Nell’ambito degli imballaggi alimentari a base cellulosica, le tecnologie attualmente disponibili per ridurre la
migrazione di contaminanti organici al cibo sono basate sull’addizione di barriere/multilayer in plastica, alluminio
o carbone attivo. In tutti i casi citati, i contaminanti non vengono rimossi dall’imballaggio e le tecnologie prevedono
linee produttive ad hoc. L’invenzione proposta è in grado di adsorbire e rimuovere i contaminanti tossici (MOSH) e possibili cancerogeni (MOAH) da carta/cartone senza modifiche alle linee produttive di cartiera, mantenendo il
colore neutro della cellulosa. In particolare, la domanda di brevetto rivendica l’uso di silici mesoporose opportunatamente modificate ad elevata affinità per gli oli minerali. Le silici sono rigenerabili termicamente e
riutilizzabili più volte in cartiera.

Applicazioni:

  • stampa e packaging alimentare;
  • cartiere e industria cartaria.

 

Vantaggi:

  • riduzione del contenuto di oli minerali (MOSH & MOAH) negli imballaggi alimentari a base cellulosica;
  • riduzione della deforestazione tramite impiego di fibra di cellulosa proveniente da riciclo;
  • basso impatto economico sulle linee di produzione di carta;
  • produzione carta/cartone di colore neutro.