Metodo per l’identificazione dei suini di razza Cinta Senese

L’invenzione riguarda un marcatore del DNA utilizzabile per l’identificazione, l’autenticazione e la tracciabilità dei suini di razza Cinta Senese e dei prodotti derivati.

Titolo brevetto Marcatore del DNA per l’identificazione dei suini di razza Cinta Senese e relativi metodi e kit di identificazione
Area Agroalimentare
Titolarità Alma Mater Studiorum – Università di Bologna e Associazione Nazionale Allevatori Suini
Inventori Luca Fontanesi, Stefania Dall’Olio, Emilio Scotti
Ambito territoriale di tutela Italia
Stato Disponibile per accordi di licenza
Keywords Marcatore del DNA, gene KIT, polimorfismo, mutazione, SNP, genoma, razze suine, tracciabilità, Cinta Senese, colore del mantello
Depositato il 08/04/2015

Le frodi alimentari costituiscono un grosso problema nel panorama agroalimentare italiano in cui spiccano importanti realtà produttive e un elevato numero di prodotti di alta qualità. Tra questi, di grande interesse sono i prodotti di origine animale, in particolare suini.

Alcuni di questi sono stati valorizzati tramite una politica di marketing incentrata sulla tutela dei prodotti e delle carni di alcune particolari razze che rappresentano sistemi produttivi locali e tradizionali di alto valore e di alta qualità. Questi prodotti monorazza (cioè ottenuti utilizzando unicamente carne da animali di una specifica razza) rappresentano indirettamente un incentivo per l’allevamento di animali di razze autoctone che in genere sono meno produttive delle razze cosmopolite e consente di evitare la perdita di una diversità genetica che deve essere conservata.

Questo maggior valore attribuito ai prodotti monorazza rappresenta tuttavia un incentivo per le frodi, le quali potrebbero spacciare prodotti indifferenziati per prodotti ottenuti da particolari razze.

Ecco quindi che, oltre ad una politica di valorizzazione dei marchi monorazza, è necessario sviluppare anche sistemi tecnologici che permettano di difendere questi marchi, verificando con certezza la razza  suina di provenienza dei prodotti.

L’invenzione riguarda un metodo che consente di identificare, mediante analisi del DNA, la razza di provenienza della carne o dei prodotti trasformati per poter stabilire se effettivamente quanto dichiarato in etichetta corrisponde al vero. In particolare, l’invenzione permette di discriminare la carne o i prodotti derivati dalla razza Cinta Senese, una razza locale di importanza strategica nel contesto agro-turistico della Toscana, da tutte le altre razze, in modo da evitare frodi e proteggere sia i produttori che i consumatori.

Inoltre, l’invenzione permette di mantenere la purezza della razza Cinta Senese escludendo i riproduttori che non hanno le caratteristiche genetiche tipiche della razza.

L’invenzione permette di verificare in modo semplice, sicuro ed economico se la carne che viene dichiarata come derivata da maiale di razza Cinta Senese corrisponde al vero.