Cemento endodontico ad elevata bioattività

Innovativo cemento endodontico, composto di polvere minerale calcio-silicato e resina fotopolimerizzabile, caratterizzato da elevate bioattività e biocompatibilità.

Titolo brevetto Cemento endodontico ad elevata bioattività
Area Chimica e biotecnologie
Titolarità Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Inventori Carlo Prati, Maria Giovanna Gandolfi
Ambito territoriale di tutela Italia
Stato Disponibile per accordi di licenza
Keywords Cemento endodontico, calcio-silicato, fotopolimerizzabile, otturazione retrograda, apatite, cemento portland, indurimento portland
Depositato il 29/12/2009

In ambito odontoiatrico è fortemente sentita l’esigenza di biomateriali in grado di assicurare la riparazione e la riabilitazione funzionale dell’elemento dentario danneggiato dal processo degenerativo, che favoriscano la formazione di nuovo osso e al contempo interagiscano con il tessuto stesso presente all’esterno della otturazione. Non sono disponibili sul mercato biomateriali per uso endodontico che siano applicabili sia al tessuto osseo esterno che a quello interno, contiguo al tessuto dentario. Esistono inoltre evidenze che portano a ritenere che lo studio della rigenerazione ossea tissutale in ambito odontoiatrico sia un valido modello sperimentale per lo studio di altri tipi di patologie ossee. In particolare, l’attenzione si concentra sullo sviluppo e la sperimentazione di nuovi materiali dotati di bioattività, con attività osteoconduttiva ed osteoinduttiva.

Un innovativo cemento endodontico, composto di polvere minerale calcio-silicato e resina fotopolimerizzabile, è stato sviluppato per ottenere un nuovo materiale per uso clinico nella pratica endodontica caratterizzato da ottime caratteristiche di bioattività e biocompatibilità.

I principali vantaggi consistono in:

- facilità di utilizzo;

- indurimento istantaneo;

- fotopolimerizzabile;

- ridotto dilavamento dal sito chirurgico;

- ridotta solubilità;

- bioattività, ossia elevata capacità di produrre apatite in presenza dei fluidi corporei;

- proprietà osteoconduttive, ossia capacità di consentire la crescita cellulare;

- idrofilia;

- abilità di sigillo;

- ridotta porosità/permeabilità.