B0303 - DIRITTO INTERCULTURALE E DELLA SOSTENIBILITA'

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Lotta contro il cambiamento climatico Pace, giustizia e istituzioni forti

Anno Accademico 2022/2023

Conoscenze e abilità da conseguire

Il laboratorio ha l'obiettivo di introdurre gli studenti a una lettura in chiave giuridica delle più attuali problematiche legate alle sfide ambientali e socio-culturali (gestione della diversità e del pluralismo), direttamente conseguenti ai fenomeni di globalizzazione. Al termine del Laboratorio lo studente è in grado di: - conoscere i fondamenti filosofico-giuridici del Welfare State e del Caring State; - tradurre i conflitti ambientali e culturali in fattispecie giuridiche; - preparare e argomentare la difesa di una delle parti in conflitto in dibattiti o processi simulati.

Contenuti

Il laboratorio consisterà nella simulazione del processo di redazione di una Dichiarazione dei diritti del Mediterraneo. 

Agli studenti e alle studentesse verranno forniti gli strumenti teorici e pratici per affrontare la simulazione di drafting normativo finalizzato all'elaborazione della Dichiarazione. A tale scopo, verranno inizialmente affrontati i seguenti temi:

- ripasso sulle fonti normative nazionali, internazionali e sovranazionali

- come svolgere una ricerca bibliografica giuridica

- visione di un documentario sul tema degli effetti del cambiamento climatico

- approfondimento sul concetto di "diritti della natura"

- le fasi e i metodi del drafting normativo

Successivamente, le lezioni saranno organizzate in forma di assemblea costituente, attraverso l'individuazione degli stakeholders (divisione degli studenti e delle studentesse in gruppi); approvazione del regolamento di aula; 3 commissioni tematiche; una assemblea plenaria con dichiarazioni di voto e votazione finale sul testo della Dichiarazione

Testi/Bibliografia

Il laboratorio non prevede l'adozione di un testo o manuale didattico. E' prevista la lettura di documenti o articoli che verranno indicati dal docente durante il corso e forniti in formato elettronico agli studenti e alle studentesse su Virtuale.

Metodi didattici

Il laboratorio è idealmente diviso in due moduli didattici. I primi cinque incontri consistono in lezioni frontali preparatorie al lavoro seminariale del secondo modulo, al fine di dotare i/le partecipanti degli strumenti necessari per affrontare la simulazione del processo di redazione della Dichiarazione dei diritti del Mediterraneo.

Gli ultimi cinque incontri simulano il processo di redazione della Dichiarazione. E' previsto un lavoro preparatorio a casa da parte di ciascun gruppo di studenti e studentesse, che consiste nella redazione e presentazione degli articoli e degli emendamenti che verranno discussi e votati nella lezione successiva, fino ad arrivare, nell'ultima lezione, alla discussione e votazione dell'intero testo della Dichiarazione in plenaria.

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

L'idoneità è conseguita sulla base delle proposte di articolato che ciascun gruppo presenterà in classe e sulla base della dichiarazione finale di voto sull'intero testo della dichiarazione. Ciascun gruppo dovrà inviare al docente, al termine del laboratorio, un file word con il lavoro svolto.

Gli studenti saranno considerati frequentanti se risulteranno presenti ad almeno il 70% delle lezioni.

Strumenti a supporto della didattica

Visione di un documentario. Incontro con le bibliotecarie per illustrare come svolgere ricerca bibliografica giuridica. Documenti e materiale di approfondimento caricato su Virtuale.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Silvia Bagni