75909 - ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Scheda insegnamento

  • Docente Stefano Cenni

  • Crediti formativi 8

  • SSD SECS-P/11

  • Modalità didattica Convenzionale - Lezioni in presenza

  • Lingua di insegnamento Italiano

  • Campus di Bologna

  • Corso Laurea in Economia, mercati e istituzioni (cod. 8038)

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Istruzione di qualità Lavoro dignitoso e crescita economica

Anno Accademico 2022/2023

Conoscenze e abilità da conseguire

Il corso si propone di fornire gli strumenti necessari per studiare le caratteristiche, il ruolo e il funzionamento dei sistemi finanziari con l'obiettivo di capirne gli sviluppi di lungo periodo e quelli più recenti come la globalizzazione dei mercati finanziari, l'integrazione europea e l'unione monetaria, lo sviluppo dei mercati finanziari e le crisi finanziarie. Al termine del corso ci si attende che lo studente: - conosca i principali riferimenti teorici per lo studio dei tassi di interesse e di valutazione delle attività finanziarie, - sappia analizzare le funzioni del sistema finanziario, - abbia approfondito lo studio delle decisioni finanziarie di famiglie ed imprese, le caratteristiche degli intermediari finanziari e degli investitori istituzionali e la struttura dei mercati finanziari, - conosca la regolamentazione del sistema finanziario, gli elementi teorici che ne motivano la ragion d'essere e i criteri generali che ne ispirano l'articolazione nei diversi contesti istituzionali.

Contenuti

Il corso approfondisce le caratteristiche del sistema finanziario e ne analizza le principali funzioni. Saranno sviluppati: i) i riferimenti teorici per lo studio dei tassi di interesse; ii) il ruolo delle banche centrali e gli obiettivi e strumenti della politica monetaria (accenni); iii) le caratteristiche e il funzionamenti dei mercati finanziari (monetario, obbligazionario, azionario); iv) il ruolo e le ragioni dell'esistenza degli intermediari finanziari; v) le caratteristiche e il funzionamento delle principali istituzioni finanziarie (banche commerciali, imprese di investimento, OICR, fondi pensione); vi) la regolamentazione del sistema finanziario.

Testi/Bibliografia

Frederic S. Mishkin, Stanley G. Eakins, Elena Beccalli, Istituzioni e mercati finanziari, nona ed., Milano, Pearson Ed., 2019, capp. 1, 2, 3, 5, 6, 7 (solo par. 7.7), 8 (eccetto par. 8.4), 9 (eccetto par. 9.6), 10 (solo par. 10.6, 10.7 e 10.8), 11 (eccetto par. 11.5), 12, 14, 16 (eccetto par. 16.3), 18, 20, 21, 22.

Metodi didattici

Lezioni frontali.

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

La prova d'esame, per la quale è necessario disporre di una calcolatrice finanziaria, mira a verificare il raggiungimento dei seguenti obiettivi didattici:

  • conoscere le caratteristiche degli strumenti finanziari;

  • conoscere le caratteristiche e le funzioni dei diversi intermediari finanziari;

  • conoscere le modalità di determinazione e calcolo del prezzo ovvero del rendimento di obbligazioni e azioni;

  • conoscere le caratteristiche dei mercati finanziari.

La preparazione viene valutata attraverso un esame finale scritto della durata massima di 90 minuti che si svolge su Esami On Line (EOL): la partecipazione è consentita unicamente agli studenti i) che si sono iscritti alla prova su Almaesami e ii) in regola con il pagamento delle tasse universitarie.

La prova d'esame è divisa in tre parti:

  1. 4 esercizi;
  2. 15 domande chiuse a risposta multipla (multiple choice) di cui solo una esatta: la risposta corretta vale un punto, la risposta mancata o errata zero punti
  3. 4 domande aperte che richiedono brevi risposte.

Il punteggio massimo conseguibile (33) corrisponde a trenta e lode. In particolare con riferimento al livello di preparazione dimostrato nella prova d'esame:

<18: insufficiente
18-23: sufficiente
24-27: buono
28-30: ottimo
30 e lode: eccellente

Un fac-simile della prova d'esame è disponibile su EOL.

Inoltre, come previsto dalle norme deliberate dalla Scuola, gli studenti in corso possono sostenere l'esame mediante due prove parziali aventi la medesima struttura sopra descritta. E' consentita la partecipazione alla seconda prova parziale, una e una sola volta, anche se nella prima prova si è conseguita una votazione inferiore a 18. La valutazione finale è costituita dalla media aritmetica delle valutazioni conseguite nelle due prove parziali: gli studenti che non avranno superato l'esame mediante le prove parziali dovranno sostenerlo nuovamente, su tutto il programma, al primo appello ufficiale utile.

E' possibile prendere visione delle prove d'esame corrette su EOL e chiedere chiarimenti anche per posta elettronica.

La verbalizzazione dei voti avviene automaticamente (in assenza dello studente) per via telematica non prima del quinto giorno successivo alla pubblicazione dei risultati su Almaesami: il voto può essere rifiutato una volta (art. 16, co. 5 Regolamento didattico di Ateneo). Gli studenti laureandi che necessitano di verbalizzare il voto in anticipo sono invitati a comunicarlo al docente mediante un messaggio di posta.

Strumenti a supporto della didattica

Materiale didattico in forma di diapositive, dispense e articoli tratti da quotidiani finanziari, reso disponibile in formato elettronico.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Stefano Cenni