95329 - VITTIME, DISCRIMINAZIONE E DIRITTO (CLINICA LEGALE)

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Istruzione di qualità Parità di genere Ridurre le disuguaglianze Pace, giustizia e istituzioni forti

Anno Accademico 2021/2022

Contenuti

La Clinical legal education è un metodo di insegnamento basato sul dialogo tra teoria e pratica del diritto ed orientato ad una missione di “giustizia sociale”.

Il percorso della Clinica Legale mira a sviluppare abilità professionali specifiche, capacità di analisi e competenze teoriche approfondite, nonché una profonda consapevolezza deontologica. In particolare, si individuano i seguenti obiettivi di apprendimento:

- promuovere lo sviluppo di abilità professionali specifiche (problem solving; valutazione strategica; argomentazione; capacità relazionali con i diversi attori coinvolti);

- facilitare lo sviluppo di capacità di analisi e di competenze teoriche approfondite, anche attraverso ricerche normative e giurisprudenziali;

- implementare lo sviluppo di capacità trasversali attraverso il learning by doing ed il cooperative learning;

Il percorso annuale si articola in due parti:

1) la prima parte di didattica (modulo propedeutico) in cui verranno affrontate le diverse tematiche afferenti le discriminazioni e la tutela delle vittime, nonchè le nozioni fondamentali per la trattazione dei casi pratici; 

2) la fase laboratoriale, in cui svolgere in équipe la trattazione del caso pratico. Gli studenti e le studentesse saranno coadiuvati da due docenti di area ratione materia e da un avvocato clinico nella trattazione di un caso reale.

Nel modulo propedeutico verranno affrontate le seguenti tematiche, anche attraverso incontri seminariali con docenti e professionisti:

- il comportamento discriminatorio: riflessioni sociologico-giuridiche ed antropologiche;

- nominare e trattare il conflitto;

- chi è la vittima? riflessioni antropologiche e processuali finalizzate alla tutela;

- il diritto, tra teoria e prassi;

- le ambiguità del diritto: tra discriminazioni e lacune normative;

- i principi del diritto antidiscriminatorio a livello europeo;

- il principio di non discriminazione nella CEDU;

- definire e identificare le discriminazioni: le sfide attuali delle categorie giuridiche;

- la direttiva vittime e le sfide del suo recepimento;

- aspetti pragmatici delle procedure penali e civili;

- il diritto alla residenza come diritto fondamentale;

- Diritti fondamentali e persone migranti: sfide e criticità;

- Discriminazioni basate sul genere e sull'orientamento sessuale;

- Il sistema penitenziario e la tutela dei diritti

 

INSERIMENTO IN PIANO DI STUDI: 

Dall’a.a. 2021/22 la Clinica legale potrà essere inserita nel piano di studi nella prima finestra disponibile, come corso opzionale annuale da 8 C.F.U. 

Gli studenti potranno iscriversi autonomamente scegliendo l’attività nel piano di studi. Ai fini di una più efficiente organizzazione delle attività, si richiede, contestualmente all’inserimento in piano di studi del corso, di inviare una mail informativa a s.spada@unibo.it [mailto:s.spada@unibo.it] .

 

Il programma dettagliato del percorso annuale sarà fornito in concomitanza con l'inizio degli incontri. 

 

 

Testi/Bibliografia

Durante lo svolgimento del corso verranno forniti riferimenti bibliografici di supporto e di approfondimento alle tematiche trattate.

Si consiglia - in concomitanza con l'inizio del percorso - la lettura integrale del Manuale di diritto europeo della non discriminazione, reperibile al seguente link: https://fra.europa.eu/sites/default/files/fra_uploads/1510-fra-case-law-handbook_it.pdf

Le lezioni saranno solitamente accompagnate da presentazioni in power point che saranno accessibili agli studenti del corso. Ulteriore materiale didattico verrà reso disponibile tramite lista di distribuzione.


Metodi didattici

Il percorso, attraverso la metodologia del “ learning by doing”, è finalizzato a trasmettere agli studenti e alle studentesse determinate competenze professionali caratterizzanti l’attività forense, permettendo di diminuire la distanza tra teoria e pratica del diritto per mezzo di cosiddetti “ real client programs”.

La didattica sarà articolata in lezioni frontali e incontri laboratoriali (on line per il percorso propedeutico e in modalità mista/presenza per la trattazione del caso). Durante tutto il percorso formativo sarà condotta l'esposizione sistematica degli argomenti oggetto del corso. Oltre a fornire le coordinate teoriche fondamentali per affrontare la trattazione di un caso pratico, il percorso sarà orientato da un approccio riflessivo e partecipato.

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

Al termine del percorso è previsto un colloquio orale in cui verificare l'adeguata acquisizione delle conoscenze e delle abilità da parte dello studente. Parte della valutazione deriverà dall’output previsto per la trattazione del caso pratico.

Complessivamente la valutazione terrà conto di diversi aspetti:

- l’individuazione delle criticità nella traduzione tra law in book e law in practice specifiche del caso trattato;

- la conoscenza dei diversi orientamenti teorici e giurisprudenziali;

- la capacità di effettuare collegamenti tra le diverse parti del percorso, considerando le specificità del caso trattato;

- l’articolazione e l'accuratezza dell’esposizione (orale e scritta); 

- la capacità di sviluppare argomentazioni critiche. 

Nello specifico, per assegnare il voto finale, espresso in trentesimi, si terrà conto dei seguenti criteri di valutazione:

- conoscenza e comprensione delle nozioni, dei principi e degli aspetti tecnico-pragmatici sollecitati dalla trattazione del caso (50%);

- capacità di analisi critica sui temi oggetto del percorso clinico e capacità di applicarli al caso concreto trattato (20%);

- uso appropriato del lessico tecnico e giuridico, capacità di esposizione (orale e scritta) del candidato, capacità di analisi e valutazione delle fonti pertinenti e acquisizione del metodo di studio e della prassi professionale (30%).

Strumenti a supporto della didattica

A supporto dell'attività didattica verranno utilizzati documenti originali e slides in Power Point.

Si farà uso delle liste di distribuzione per comunicazioni e la diffusione del materiale utilizzato. All'inizio del corso verrà fornita agli studenti la denominazione della lista e la password di accesso.

Gli studenti che per ragioni dipendenti da disabilità o disturbi specifici dell’apprendimento (DSA) necessitino di strumenti compensativi potranno comunicare al Docente le loro esigenze in modo da essere indirizzati ai referenti e concordare l’adozione degli accorgimenti più opportuni.


Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Stefania Pellegrini

Consulta il sito web di Stefania Spada

Consulta il sito web di Elena Ferioli

Consulta il sito web di Elena Valentini

Consulta il sito web di Giulio Centamore