76285 - ECOLOGIA PER I BENI CULTURALI

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Energia pulita e accessibile Lotta contro il cambiamento climatico La vita sott'acqua La vita sulla terra

Anno Accademico 2021/2022

Conoscenze e abilità da conseguire

Il corso fornisce le conoscenze di base di ecologia, cicli biogeochimici, processi ecosistemici, beni e servizi forniti dagli ecosistemi all’uomo. Viene sottolineato lo stretto legame fra beni naturali e culturali. Le relazioni tra struttura e processi ecologici sono analizzate individuando gli elementi utili in un contesto di conservazione e ripristino del patrimonio culturale e naturale anche con approfondimenti su casi di studio in cui si analizzano le problematiche ecologiche legate ai fattori di degrado dei beni culturali e naturali nel contesto dei cambiamenti ambientali globali. Al termine del corso lo studente avrà acquisito le competenze per valutare i principi di sostenibilità nella fruizione dei beni culturali e naturali.

Contenuti

Il corso affronta in chiave ecologica varie tematiche che mirano a sottolineare lo stretto legame tra beni naturali e culturali. Per ogni macro tematica sarà proposto uno o più casi di studio.

Il corso è articolato come segue:

1) Introduzione: le radici culturali dell'ecologia, scopo dell'ecologia, livelli di organizzazione ecologica, scale di tempo e spazio, obiettivi e metodi dell'ecologia

2) L’ecosistema, struttura e processi: concetto di ecosistema, struttura e funzionamento di un ecosistema, le componenti abiotiche dell’ecosistema, biodiversità e funzionamento, beni e servizi ecosistemici. Casi studio: bioerosione e biocostruzione nel Parco Archeologico Sommerso di Baia (Napoli), studio dei processi di biocostruzione ed erosione utilizzando la tomografia computerizzata

3) Introduzione alla biologia della conservazione: concetto di bene naturale e culturale, importanza della conservazione, identificazione e stima del valore dei servizi ecosistemici. Caso studio: approfondimento sui servizi culturali

4) Il ciclo della materia negli ecosistemi: cicli biogeochimici (definizione e caratteristiche generali), il ciclo dell’acqua, il ciclo del carbonio, il ciclo dell’azoto, il ciclo del fosforo, il ciclo dello zolfo. Casi di studio: l’eutrofizzazione e impatto sui beni culturali

5) L’interazione tra organismi e ambiente: la nicchia ecologica, il disturbo tipologie e teoria. Caso studio: vulnerabilità dei beni ambientali e culturali all’erosione

6) Le interazioni biologiche: mutualismo e simbiosi, commensalismo, competizione e predazione. Caso studio: la competizione per lo spazio

7) Minacce e strumenti di conservazione del patrimonio naturale e culturale: degradazione e conservazione degli habitat, impatti chimici e fisici delle attività umane, impatto dei cambiamenti climatici globali sui beni naturali e culturali.

8) La sostenibilità: definizione e tipologie, gli obiettivi dello sviluppo sostenibile, World Heritage List. Caso studio: turismo sostenibile di beni culturali e ambientali terrestri e marini

Testi/Bibliografia

Testo di riferimento:

Pusceddu A., Sarà G. e Viaroli P. (2020), Ecologia, ed. UTET Università, Italia, p. 362

Altre segnalazioni bibliografiche rilevanti saranno fornite nel corso delle lezioni unitamente a copia delle presentazioni.

Il programma del corso è il medesimo sia per gli studenti frequentanti sia per i non frequentanti. La frequenza delle lezioni è consigliata, tuttavia, gli studenti che non possono frequentare sono invitati a rivolgersi al docente per il suggerimento di testi integrativi.

Metodi didattici

Il corso si compone di lezioni frontali e gruppi di discussione inerenti agli argomenti del programma. Durante il corso è previsto l’impiego di presentazioni da computer.

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

La verifica dell’apprendimento consiste in una prova orale sugli argomenti indicati nel programma del corso

Ai fini del superamento dell’esame lo studente dovrà dare prova di aver acquisito adeguate conoscenze sui vari argomenti in programma e di essersi impadronito degli strumenti scientifici e metodologici propri della disciplina. Ai fini del voto finale della prova saranno valutati:

  • il grado di approfondimento scientifico e metodologico degli argomenti trattati
  • la capacità di sostenere una analisi critica e ragionata sugli argomenti in programma
  • la capacità effettuare collegamenti interdisciplinari
  • la proprietà di linguaggio e la qualità espositiva

In dettaglio, la valutazione finale si atterrà alle seguenti indicazioni:

- voto insufficiente: carenza delle conoscenze di base e incapacità di produrre un'interpretazione corretta dei concetti ecologici.
- voto sufficiente: possesso delle conoscenze di base; interpretazione prevalentemente corretta, ma condotta con imprecisione e scarsa autonomia.
- voto buono: possesso di conoscenze di livello intermedio; interpretazione pienamente corretta, ma non sempre precisa e autonoma.
- voto eccellente: possesso di conoscenze di livello elevato; interpretazione dei problemi non solo corretta ma condotta con autonomia e precisione. Ottima capacità di espressione orale.

 

Gli studenti potranno, inoltre, discutere in sede di esame uno degli articoli scientifici relativi ai casi studio forniti come materiale didattico.

Le date degli appelli saranno pubblicate sul sito Almaesami. Gli studenti possono prenotarsi per le prove d'esame esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema online Alma Esami (https://almaesami.unibo.it/almaesami/welcome.htm)

Strumenti a supporto della didattica

Presentazioni powerpoint o PDF, articoli scientifici, capitoli del libro di testo di riferimento indicato.

Materiale didattico disponibile sulla piattaforma di e-learning di ateneo.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Eva Turicchia