90850 - STORIA DEGLI ARCHIVI E DELL'HERITAGE PER LA MODA

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Istruzione di qualità Parità di genere Ridurre le disuguaglianze Partnership per gli obiettivi

Anno Accademico 2021/2022

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso lo studente acquisisce conoscenze critiche e competenze pratiche relative agli archivi per la moda. In particolare, possiede la capacità di applicare metodi di catalogazione e archiviazione degli oggetti della moda, analizzati nel loro contesto storico, economico e culturale.

Contenuti

Gli archivi svolgono sempre di più un ruolo fondamentale come strumento strategico sia nella comunicazione e costruzione di valore per i brand del sistema moda sia nei processi di analisi, studio e narrazione dei fenomeni culturali ad esso legati. Per questo, l’obiettivo del corso è di esaminare le diverse forme di conservazione del patrimonio della moda tra settore pubblico e privato.

Partendo dall’evoluzione delle politiche culturali in ambito nazionale e internazionale e in particolare dalle definizioni di archivio e di documentazione storica, verranno indagati gli strumenti tecnici e teorici, essenziali per la gestione e organizzazione del patrimonio archivistico.

In particolare durante il corso saranno presi in esame diversi casi di studio d’istituzioni pubbliche e private italiane e francesi con l’obiettivo di analizzare le differenti pratiche e forme di conservazione, fruizione e promozione del patrimonio della moda.

Durante le lezioni è prevista, infine, una fase laboratoriale volta allo sviluppo di un progetto di ricerca web-based, finalizzato alla catalogazione e all’utilizzo delle fonti digitali storico archivistiche della moda. 

Testi/Bibliografia

1) F. Valacchi, Diventare Archivisti, Editrice Bibliografica, Milano 2015 (capitoli 4/5/6/7)

2) E. Merlo, M.N. Trivisano, Lo stile italiano nelle carte. Inventario dell’archivio storico della Camera nazionale della moda italiana (1958-1989), Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale Archivi, 2018 (N.B. ai fini dell’esame è richiesto lo studio dell’Introduzione pp.1-52)

Per gli studenti non frequentanti è richiesto inoltre lo studio di uno dei seguenti testi a scelta:

- R. Baglioni e F. Del Giudice (a cura di), L’impresa dell'archivio: organizzazione, gestione e conservazione dell'archivio d'impresa, Firenze, Polistampa, 2012.

- M. Montemaggi, F. Severino., Heritage marketing, Milano, Franco Angeli, 2007.

- S. Vitali, Passato digitale. Le fonti dello storico nell’era del computer, Milano, Bruno Mondadori, 2004.

- G. Zagra (a cura di), Conservare il Novecento: le carte della moda: Convegno, Ferrara, salone internazionale dell'arte del restauro e della conservazione dei beni culturali e ambientali 3 aprile 2008 : atti, Roma, Associazione italiana biblioteche, 2009.

- I. Zanni Rosiello, Gli archivi nella società contemporanea, Bologna, Il Mulino, 2009.

Ulteriori indicazioni bibliografiche verranno consigliate durante il corso.

Metodi didattici

Lezioni frontali e attività laboratoriale

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

Esame orale

Strumenti a supporto della didattica

Strumenti multimediali

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Gianluigi Di Giangirolamo