30352 - FILOLOGIA E LETTERATURA GRECA (LM)

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Istruzione di qualità Parità di genere Ridurre le disuguaglianze Pace, giustizia e istituzioni forti

Anno Accademico 2021/2022

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso lo/la studente/ssa conosce in modo approfondito la letteratura greca dalle origini all'età tardoantica. Possiede un metodo filologico per la lettura critica dei testi classici, e per la conoscenza storica dei modi e delle forme della loro trasmissione. Sa individuare gli elementi della cultura greca che sono indispensabili per lo studio di qualsiasi letteratura moderna europea.

Contenuti

A – Parte istituzionale (30 ore).

1. Filologia e storia della filologia greca: storia della tradizione, critica del testo, tecnica editoriale, esempi (Sofocle, Trachinie: prologo) (10 ore).

2. Lingua e storia della lingua greca: grammatica storica, dall’indoeuropeo ai dialetti, esempi (Archiloco e Ipponatte, frammenti) (10 ore).

3. Letteratura e storia della letteratura greca: performances orali, al teatro, alla prosa, alla ‘letteratura’, all’apertura al mondo ebraico e romano, all’età tardo-antica e bizantina, esempi (lirici greci, Aristotele, Poetica, Teocrito, Talisie) (10 ore).

B – Corso monografico (30 ore).

I frammenti di Alceo.

C – Approfondimenti critici (personali).

Testi/Bibliografia

A.1. Appunti delle lezioni. Per Sofocle, Trachinie (solo i versi trattati a lezione): H. Lloyd-Jones–N.G. Wilson, Sophoclis fabulae, Oxford 1990, pp. 239-292 (con il commento di M. Davies, Sophocles. Trachiniae, Oxford 1991; vd. anche R.D. Dawe, Sophocles. Trachiniae, Stuttgart-Leipzig 19963); A. Rodighiero, Sofocle. La morte di Eracle (Trachinie), Venezia 2004. Un testo a scelta tra P. Maas, La critica del testo, trad. it. Roma 2017(4) (19511; ed. or. Leipzig 19271, 19502, 19573); G. Pasquali, Storia della tradizione e critica del testo, Firenze 19522 (19341); R. Pfeiffer, Storia della filologia classica, I. Dalle origini alla fine dell'età ellenistica, trad. it. Napoli 1973 (ed. or. Oxford 1968); L.D. Reynolds-N.G. Wilson, Copisti e filologi. La tradizione dei classici dall'antichità ai tempi moderni, Roma-Padova 20164 (Padova 19691; ed. or. Oxford 1968); S. Timpanaro, La genesi del metodo del Lachmann, Torino-Novara 20103 (Firenze 19631, Padova 19812); M.L. West, Critica del testo e tecnica dell’edizione, Palermo 1991 (ed. or. Stuttgart 1973).

A.2. Appunti delle lezioni. Per Archiloco e Ipponatte (solo i frammenti trattati a lezione): M.L. West, Iambi et elegi Graeci ante Alexandrum cantati, I, Oxford 19892, 1-171; H. Degani, Hipponax, Stuttgart-Leipzig 19912. Un libro a scelta tra L. Heilmann, Grammatica storica della lingua greca, Torino 1963; P. Chantraine, Morphologie historique du grec, Paris 1947; C. Neri (et all.), Μέθοδος. Corso di lingua e cultura greca. Grammatica, Firenze 2018.

A.3. Appunti delle lezioni. Per i lirici (solo Semonide, Solone, Saffo, Pindaro, Bacchilide): C. Neri, Lirici greci. Età arcaica e classica, Roma 2011; E. Degani-G. Burzacchini, Lirici greci, Bologna 20052. Per Aristotele, Poetica (solo i brani trattati a lezione): C. Gallavotti, Aristotele. Dell’arte poetica, Milano 1974 (rist. 1999); D. Lanza, Aristotele. Poetica, Milano 1987. Per Teocrito, Talisie (solo i versi trattati a lezione): A.S.F. Gow, Theocritus, Cambridge 1965, I pp. 56-67, II pp. 127-169; Bruna Marilena Palumbo Stracca, Teocrito. Idilli e epigrammi, Milano 20044, pp. 151-169. Una storia letteraria a scelta (consigliata: Antonietta Porro-W. Lapini, Letteratura greca, Bologna 2017).

B. Appunti delle lezioni. Per il testo di Alceo: Eva-Maria Voigt, Sappho et Alcaeus, Amsterdam 1971, pp. 175-355; G. Liberman, Alcée. Fragments (I-II), Paris 1999; per la traduzione: Antonietta Porro, Alceo. Frammenti, Firenze 1996; per il commento: D.L. Page, Sappho and Alcaeus, Oxford 1955, pp. 149-317; vd. anche C. Neri, Lirici greci. Età arcaica e classica, Roma 2011, 65-73, 222-236, 352-356; G.O. Hutchinson, Greek Lyric Poetry, Oxford 2001, 187-227.

C. Si tratta di concordare un proprio percorso di approfondi­men­to, con lettura in traduzione di alcune opere fondamentali della letteratura greca e di alcuni saggi critici, sulla base degli interessi e delle prospettive di ricerca di ciascuno (per es., un approfondimento sulla figura della donna nella Grecia antica comporterà la lettura in traduzione della Medea di Euripide, delle Tesmoforiazuse di Aristofane, delle Siracusane di Teocrito, di una selezione di epigrammi erotici e del reading curato da Giampiera Arrigoni, Le donne in Grecia, Roma-Bari 1985).

Gli studenti che non frequentano le lezioni sono tenuti a portare all'esame lo stesso programma per la parte istituzionale, e a concordare con il docente un approfondimento ulteriore (anche in ragione dei loro interessi personali) per la parte monografica.

Metodi didattici

Le lezioni sulla parte istituzionale avranno per lo più carattere frontale, e i principali concetti saranno illustrati da esempi tratti dai testi in programma. Le lezioni sul corso monografico saranno invece condotte con metodo seminariale, con approfondimenti e discussioni sui principali problemi testuali ed esegetici. Saranno fornite fotocopie dei testi più importanti e gli studenti dovranno contribuire al lavoro con ricerche nella biblioteca del Dipartimento.

Tutti i materiali distribuiti nel corso delle lezioni saranno progressivamente resi accessibili e scaricabili sul web all'indirizzo http://www2.classics.unibo.it/Didattica/Programs/20212022/FLG2022/

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

Al termine del corso è previsto un esame orale. A partire dall'esposizione del proprio approfondimento, lo studente dovrà poi dare prova di capacità di traduzione sui testi in programma (riconoscendone le peculiarità linguistiche e stilistiche) e di traduzione, commento e approfondimento critico sul testo oggetto del corso monografico. Resta imprescindibile la partecipazione attiva di ogni singolo studente ai seminari.

Il massimo dei voti prevede risposte precise e complete a tutte le domande poste nel corso dell'esame orale, che si riterrà superato (con valutazione variabile a seconda della qualità delle risposte) qualora il candidato abbia risposto in modo preciso e completo alla maggior parte delle domande. La metrica è la seguente: conoscenze teoriche e capacità di traduzione ed esegesi dei testi eccellenti: 30L; ottime: 28-30; buone: 25-27; discrete: 22-24; sufficienti: 18-21.

Per radicata convinzione didattica non si propongono qui links a syllabi di domande, che finirebbero inevitabilmente per impoverire la preparazione generale degli studenti. Poiché gli appelli sono quindicinali, si invitano gli studenti che vogliano rendersi conto delle modalità pratiche di interrogazione a presenziare, da spettatori, alle sedute di esame, che sono pubbliche.

Strumenti a supporto della didattica

PC, videoproiettore, lavagna luminosa, fotocopie.

Link ad altre eventuali informazioni

http://www2.classics.unibo.it/Didattica/Programs/20212022/FLG2022/

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Camillo Neri