53171 - PSICOLOGIA DELLA PERSONALITA' E DELLE DIFFERENZE INDIVIDUALI

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Salute e benessere Parità di genere

Anno Accademico 2021/2022

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine dell'attività formativa lo studente: a) ha acquisito conoscenze sui modelli teorici di personalità e il loro sviluppo storico; b) conosce i principali metodi d'indagine della personalità; c) conosce i diversi aspetti delle differenze individuali; d) conosce gli strumenti di misura delle differenze individuali nell'analisi della personalità.

Contenuti

Durante il corso saranno affrontate schematicamente le seguenti tre tematiche.

 

1. Psicologia della personalità

1.1. Introduzione storica allo studio della personalità

1.2. Metodi di indagine nello studio della personalità

1.3. Principali prospettive teoriche nello studio della personalità

 

2. Differenze individuali in ambito cognitivo

2.1. Stili cognitivi centrati sull’attività cognitiva

2.2. Stili cognitivi centrati sulla personalità

2.3. Stili cognitivi centrati sull’attività

 

3. Differenze individuali nei ritmi circadiani

3.1. Ritmi biologici

3.2. Regolazione del ritmo sonno-veglia

3.3. Tipologia circadiana: differenze individuali e di personalità

Testi/Bibliografia

Non sono previste distinzioni tra studenti frequentanti e non frequentanti.

 

1. Carver CS, Scheier MF, Giampietro M, Iannello P. (2019). Psicologia della personalità. Prospettive teoriche, strumenti e contesti applicativi. Seconda edizione. Milano – Torino: Pearson Italia.

 

2. Cadamuro A. (2004). Stili cognitivi e stili di apprendimento. Da quello che pensi a come lo pensi. Roma: Carocci editore. Capitolo 2.

 

3. Ficca G, Fabbri M. (a cura di) (2019). Psicologia del sonno. Santarcangelo di Romagna (RN): Maggioli Editore. Capitolo 2, paragrafi 2.1, 2.2 e 2.3.

Metodi didattici

Lezioni frontali, presentazioni PowerPoint e seminari tenuti da esperti.

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

- La verifica dell’apprendimento avverrà attraverso una prova orale nel corso della quale saranno poste tre domande finalizzate all’accertamento delle conoscenze e abilità da conseguire.

- Sarà posta una domanda per ciascuna tematica delineata nella sezione Programma/Contenuti della presente guida.

- Ad ogni risposta sarà assegnato un punteggio da 0 a 5 in base ai seguenti criteri:

  • 0 punti: risposta non data o totalmente errata.
  • 1-2 punti: risposta caratterizzata da compresenza di elementi corretti ed errati, insufficiente esaustività, chiarezza espositiva, capacità di rielaborazione critica del materiale appreso e di stabilire collegamenti tra i diversi contenuti del corso.
  • 3-4 punti: risposta corretta, caratterizzata da sufficiente/buona esaustività, chiarezza espositiva, capacità di rielaborazione critica del materiale appreso e di stabilire collegamenti tra i diversi contenuti del corso.
  • 5 punti: risposta corretta, caratterizzata da ottima esaustività, chiarezza espositiva, capacità di rielaborazione critica del materiale appreso e di stabilire collegamenti tra i diversi contenuti del corso.

- Il voto finale sarà il risultato della somma dei punteggi assegnati a ciascuna risposta, moltiplicata per due. La performance minima per il superamento della prova orale consisterà nell’ottenere un voto finale pari ad almeno 18/30. La lode sarà assegnata nel caso in cui da ciascuna risposta sia possibile evincere una completa padronanza dell’argomento trattato.

- Nel corso della prova orale non saranno ammessi strumenti come ausili di calcolo e vocabolari.

- L’iscrizione alla prova orale dovrà avvenire tramite l’applicativo di Ateneo AlmaEsami rispettando le scadenze previste.

- Non sono previste prove in itinere, mentre sarà concessa la possibilità di sostenere un pre-appello al termine delle lezioni.

Strumenti a supporto della didattica

PC, videoproiettore.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Lorenzo Tonetti