81914 - TECNOLOGIE E STRATEGIE PER L'ADATTAMENTO

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Salute e benessere Imprese innovazione e infrastrutture Città e comunità sostenibili Consumo e produzione responsabili

Anno Accademico 2021/2022

Conoscenze e abilità da conseguire

Il modulo mira a sviluppare competenze specifiche nel campo delle tecnologie per l’adattamento ai cambiamenti in atto nella città contemporanea, individuando sistemi, soluzioni, tecnologie flessibili e adattabili, finalizzati alla mitigazione dei cambiamenti climatici e all’integrazione tra tecnologie. Al termine lo studente sa:  individuare le strategie di progettazione integrata degli spazi aperti;  individuare le tecniche di mitigazione dei cambiamenti climatici;  valutare l’integrazione di tecnologie di ultima generazione;  sviluppare sistemi dedicati ai nodi della città, valutando le relazioni tra edifici e infrastrutture.

Contenuti

Il corso affronta il tema della progettazione di sistemi di prodotto-servizio per l’ambiente urbano partendo dal presupposto della sostenibilità, intesa sia dal punto di vista più prettamente ambientale sia da quello sociale.

L’attività progettuale metterà a fuoco il ruolo del designer nella progettazione di scenari urbani sostenibili, dei prodotti-servizio a scala urbana, del metodo del sostegno e comprensione alla partecipazione al fine di innescare innovazione sociale e riuso dello spazio urbano.

Il corso si sviluppa seguendo quattro tappe principali:

(i) comprensione del concetto di sostenibilità, (ii) fase meta-progettuale, (iii) fase di concept e (iiii) fase di sviluppo. Nella prima fase, le lezioni frontali e le esercitazioni approfondiranno la comprensione del concetto filosofico sostenibile di base.

Durante la fase meta-progettuale (ii), gli studenti, organizzati in gruppi, conducono ricerca sul tema di progetto assegnato, raccogliendo informazioni e documentazione con diversi metodi d’indagine.

Materiali –architettura- luogo, comprensione dell’esistente, lettura del contesto. La lettura del contesto assieme alla comprensione della materia e al suo valore di grana, colore, leggerezza, massa, energia sono strumenti per il design umano e di inserimento per lo sviluppo nel paesaggio.

La fase di concept (iii), richiede agli studenti di prefigurare scenari innovativi di prodotto-servizio a partire dal brief di progetto e sulla base della ricerca meta-progettuale condotta. La fase di sviluppo (iiii) traduce lo scenario in un progetto di dettaglio e in uno story-board di utilizzo del prodotto-servizio progettato.

Testi/Bibliografia

A. Poggio, 2013. Città sostenibili. Edizioni B. Mondadori

L. Kroll, 1999. Tutto è paesaggio, Universale architettura, Testo & immagine.

(a cura di) M. Corrado ,2009. Sostenibile ma bello, progetti di Iosa Ghini Associati Edizioni Compositori, Bologna.

A. Grassi, 2010. Orto fabbrica, 1°contest di creatività sostenibile, Romagna creative district, ed. Guaraldi Rimini

B. Gandino, D. Manuetti, 1993. La città possibile, RED edizioni

E. Antonini, A.Boeri, D.Longo (2013). Edilizia sociale ad alta densità. Strumenti di analisi e strategie di rigenerazione: il quartiere Pilastro a Bologna.

V.Gianfrate, D. Longo, Urban micro-design. Tecnologie integrate, adattabilità e qualità degli spazi pubblici, Franco Angeli, Milano, 2017 - ISBN:978-88-917-4294-0

A. Boeri, D. Longo, V. Gianfrate, V. Lorenzo, Resilient communities. Social infrastructures for sustainable growth of urban areas. A case study. DOI:10.2495/SDP-V12-N2-227-237. pp.227-237. In INTERNATIONAL JOURNAL OF SUST AINABLE DEVELOPMENT AND PLANNING - ISSN:1743-7601 vol. 12, 2017.

A. Boeri, J. Gaspari, V. Gianfrate, D. Longo, C. Pussetti, The adaptive reuse of historic city centres. Bologna and Lisbon: solutions for urban regeneration. DOI:10.13128/Techne-19357. pp.230-237. In TECHNE - ISSN:2239-0243 vol. 12, 2016.

(a cura di) M. Balzani, 2011, Il progetto del colore, Maggioli Editore.

S.V. Szokolay, Introduzione alla progettazione sostenibile, Hoepli 2010. ISBN:88-203-3522-0

(a cura di) A. Rocca, A. Rogora. W. Kluver, 2012, Architettura ambientale, ISBN978-88-6750-025-3.

R. Di Giulio, A. Boeri, M. C. Forlani, A. Gaiani, V. Manfron, R. Pagani (2013). Paesaggi Periferici. Strategie di rigenerazione urbana. p. 1-359, Macerata: Quodlibet Studio, ISBN: 9788874625529

Metodi didattici

ll laboratorio prevede abitualmente la presenza degli studenti in aula per l'elaborazione progressiva del progetto, ma garantisce la frequenza in remoto da parte degli studenti che optino per tale modalità.

Il corso è strutturato con un’alternanza di lezioni ex-cathedra e attività laboratoriali di gruppo, tese a valorizzare sia le competenze apprese sia le capacità progettuali degli studenti.

Ogni modulo didattico prevede sia revisioni puntuali da parte della docenza ai singoli gruppi, per verificare lo stato di avanzamento del progetto, sia revisioni di carattere collegiale, finalizzate a condividere i risultati ottenuti.

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

L’esame consisterà nella presentazione e discussione, in presenza o in remoto, dei lavori realizzati da parte dei gruppi di progetto.

Il corso prevede inoltre verifiche intermedie sullo stato di avanzamento del progetto, sia ai singoli gruppi di progetto sia collegiali, con gli eventuali interscambi culturale e di percorso progettuale.

La valutazione finale di ogni singolo studente terrà in considerazione i risultati ottenuti in ogni modulo didattico, la qualità del progetto presentato, la proattività e partecipazione al corso.

Il progetto finale, espresso in trentesimi, sarà valutato sulla base dei seguenti criteri a cui si assegneranno rispettivamente fino a un massimo di 6 punti ciascuno:

1 - Qualità grafica e progettuale degli elaborati

2 - Qualità del concept del servizio

3 – Efficacia e realizzabilità delle soluzioni proposte

4 - Congruenza agli aspetti teorici enunciati nei moduli del corso

5 – Comunicazione dei risultati progettuali

Strumenti a supporto della didattica

Il laboratorio prevede abitualmente la presenza degli studenti in aula per l'elaborazione progressiva del progetto, ma garantisce la frequenza in remoto da parte degli studenti che optino per tale modalità.

Tutte le fasi sono seguite e supportate dalla presenza del docente, dei tutor e dei collaboratori alla didattica.

La biblioteca del Dipartimento costituisce un utile supporto per documentazione specifica e approfondimenti. Sono utilizzate le attrezzature in dotazione al Dipartimento di Architettura ed il supporto tecnologico all'attività didattica fornito dall'Ateneo (schermi e lavagne luminose, videoproiettori, tecnologie per collegamento in remoto, supporti informatici, ecc.).

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Andrea Boeri

Consulta il sito web di Paolo Rava