09945 - INFORMATICA GIURIDICA (M-Q)

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Istruzione di qualità Ridurre le disuguaglianze Città e comunità sostenibili Pace, giustizia e istituzioni forti

Anno Accademico 2021/2022

Conoscenze e abilità da conseguire

Il corso fornisce conoscenze su quella parte delle scienze informatiche che si indirizzano alle discipline giuridiche e sui profili giuridici delle tecnologie dell'informazione; porta lo studente a comprendere i meccanismi che governano gli utilizzi delle tecnologie informatiche nelle aziende e nella società; permette di acquisire alcune capacità applicative.

Contenuti

Per gli studenti frequentanti il programma corrisponde alla totalità dei capitoli dei testi indicati, con la possibilità di sostituire alcuni argomenti con temi di attualità trattati a lezione.

Per gli studenti non frequentanti il programma corrisponde alla totalità dei capitoli dei testi indicati.

Gli studenti Erasmus seguono lo stesso programma degli altri studenti.

Per gli studenti provenienti da altri corsi di laurea, che abbiano già sostenuto un esame di Informatica Giuridica, i temi oggetto di eventuali integrazioni dovranno essere concordati con il docente.

Gli argomenti di base trattati sono i seguenti, suddivisi nelle due parti Informatica del Diritto e Diritto dell’Informatica.

Informatica del diritto:

  • il diritto nella società dell’informazione – introduzione all’informatica giuridica: nozione, evoluzione della disciplina, realizzazioni e prospettive;

  • sistema informativo e informatico: lo sviluppo dell’informatica e i suoi impatti, con applicazione ai sistemi informativi giuridici;

  • computer ed elaborazione delle informazioni: hardware, l’era digitale, dall’algoritmo al software, ciclo di vita del software e formalismi di modellazione (UML);

  • strutturazione e archiviazione dei dati e dei testi: archivi, banche dati e information retrival, database management system e gestione del documento (HTML, XML);

  • società della conoscenza distribuita: telematica, reti informatiche, Internet, Web, Web Semantico, Web 2.0, documentazione giuridica su Internet;

  • società della dematerializzazione: regole giuridiche e regole di internet, il governo di internet, nomi di dominio, crittografia e digital signature;

  • intelligenza artificiale e diritto: intelligenza artificiale, sistemi basati su regole e ragionamento giuridico.

Diritto dell’informatica:

  • tutela dei beni informatici tra brevetto e diritto d’autore: software, contenuti digitali, banche dati, nomi di dominio;

  • contratti a oggetto informatico: contratti hardware, licenze d’uso e sviluppo software, contratti a causa mista;

  • nuovi regimi giuridici dei contenuti digitali: open source e creative commons;

  • tutela dei dati personali: privacy e diritti della personalità; informazione e libertà; sicurezza dei dati;

  • documento informatico e firma elettronica: crittografia, efficacia giuridica, valore probatorio;

  • commercio elettronico: contratti on-line, pubblicità in rete, responsabilità dei fornitori di servizi, tutela del consumatore.

Testi/Bibliografia

  • G. Sartor, Corso di Informatica giuridica. L’informatica giuridica e le tecnologie dell’informazione, Terza edizione, Giappichelli, Torino, 2016.

  • C. Di Cocco, G. Sartor, “Temi di diritto dell’informatica”, Quarta edizione, Giappichelli, Torino, 2020.

Metodi didattici

Le lezioni saranno tenute dal Prof. Sartor, talvolta con l’assistenza dei suoi collaboratori.
Nell’ambito del corso si terranno alcune conferenze, con il contributo di docenti e professionisti.

Gli studenti sono invitati a partecipare attivamente e a sottoporre al docente spunti d’attualità (molto frequenti in questa materia) attinenti ai temi trattati. Ai fini di una maggior proficuità delle lezione, è raccomandata la lettura dei libri di testo prima della trattazione dei relativi argomenti.

Successivamente allo svolgimento delle lezioni, saranno pubblicate le relative slides, e sarà suggerito materiale di approfondimento in merito all’argomento trattato, di cui è fortemente consigliata la consultazione.

Compatibilmente con l'emergenza sanitaria da Covid-19, la didattica si svolgerà seguendo il tradizionale metodo delle lezioni frontali, sempre assicurando la possibilità di seguire il corso in modalità online. Ulteriori informazioni sono disponibili al seguente indirizzo Internet: hhttps://dsg.unibo.it/en/teaching/projects-and-teaching-methodologies

È prevista la propedeuticità di Diritto costituzionale e Diritto privato ai fini del sostenimento della prova d’esame

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

L'esame si compone da un test scritto e da una prova orale, entrambi obbligatori:
1) Test scritto: consiste in 20 quiz a risposta multipla che coprono l'intero contenuto del corso. La prova si svolgerà sulla piattaforma EOL - Esami OnLine con il supporto dell'app Zoom per la sorveglianza. La durata del test è di 20 minuti.

I risultati saranno pubblicati entro 1 giorno. Il voto del test scritto sarà espresso in trentesimi.

2) Prova orale: gli studenti che hanno superato la prova scritta (min 18/30) possono sostenere la prova orale. Il test si svolgerà su Microsoft Teams. La prova orale consiste in due o tre domande che possono riguardare l'intero contenuto del corso.

Nella prova orale, si parte dal voto ottenuto nel test scritto, al quale possono essere aggiunti un massimo di 3 punti, e può portare anche al peggioramento del voto del test scritto.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Giovanni Sartor

Consulta il sito web di Giuseppe Contissa