11661 - TEORIA E TECNICA DEI NUOVI MEDIA (1)

Scheda insegnamento

Anno Accademico 2021/2022

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso, lo studente: - comprende le implicazioni teoriche e le evoluzioni storiche principali dei media digitali; - consegue una conoscenza di base sia dello scenario mediale contemporaneo, attraversato dai fenomeni di digitalizzazione e convergenza, sia degli sviluppi della comunicazione in rete, online e mobile, a livello globale e nazionale; - interpreta le connessioni e interazioni costanti tra tecnologie, potenzialità comunicative, forme culturali, discorsi sociali e pratiche di consumo; - applica le competenze teoriche, metodologiche e tecniche apprese all'analisi di singoli contenuti e servizi digitali; - adotta uno sguardo stratificato e complesso su oggetti quotidiani dal forte impatto culturale, sociale, economico, relazionale.

Contenuti

Il corso intende fornire un’introduzione, in chiave storica e teorica, ai media digitali. In particolare, mettendo in relazione tecnologia, logiche industriali e pratiche socioculturali, il corso si concentra sull’impatto dei processi di digitalizzazione – e delle retoriche intorno a essi – sul sistema dei media audiovisivi.

Nella prima parte del corso saranno introdotte alcune parole-chiave, quadri interpretativi e concetti di base legati a internet, al web, alla comunicazione social e mobile e alla ridefinizione delle forme mediali nell’ambiente digitale. Saranno affrontati temi come la ri-mediazione, la logica del database e delle reti, la convergenza culturale, la teoria della coda lunga, la pirateria, il copyright e l’open source.

La seconda parte del corso sarà dedicata ai cambiamenti che hanno riguardato la produzione, la distribuzione e il consumo dei contenuti audiovisivi nello scenario digitale, con particolare attenzione alle logiche e alle retoriche delle piattaforme non lineari e on demand, e ai sistemi di raccomandazione automatica di contenuti.

Testi/Bibliografia

Gli studenti non frequentanti devono preparare la seguente bibliografia:
- A. Ardvisson, A. Delfanti, Introduzione ai media digitali, Il Mulino, Bologna 2016.
- M. D. Smith, R. Telang, Streaming, Sharing, Stealing. I big data e il futuro dell’intrattenimento, Minimum Fax, Roma 2019.
- R. Lobato, Netflix nations. Geografia della distribuzione digitale, Minimum Fax, Roma 2020.

Gli studenti frequentanti, in aggiunta agli appunti delle lezioni e ai materiali messi a disposizione, devono invece preparare la seguente bibliografia ridotta:
- Antologia di testi scelti, preparata dal docente e disponibile dopo l’inizio del corso.
- M. D. Smith, R. Telang, Streaming, Sharing, Stealing. I big data e il futuro dell’intrattenimento, Minimum Fax, Roma 2019.

Metodi didattici

L’insegnamento prevede lezioni frontali con il supporto di slide, audiovisivi, fonti digitali, materiali condivisi con gli studenti.

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

L’esame è scritto e mira a valutare il raggiungimento degli obiettivi didattici e delle conoscenze relative ai temi trattati a lezione e nella bibliografia.

Non frequentanti
Per gli studenti non frequentanti l'esame prevede un test con 31 domande a risposta chiusa: a ogni risposta positiva è attribuito 1 punto, a ogni risposta errata sono attribuiti 0 punti. Il voto finale risulta dalla somma dei punti totalizzati.

Frequentanti
Gli studenti frequentanti hanno un appello a loro riservato con un test specifico che tiene conto di quanto affrontato a lezione.
L'esame prevede un test con 31 domande a risposta chiusa (1 punto se la risposta è corretta, 0 se è errata). Il voto finale risulta dalla somma dei punti totalizzati.

Strumenti a supporto della didattica

Presentazioni, materiale audiovisivo, link e risorse disponibili online.

Per gli studenti frequentanti, il materiale di studio e approfondimento relativo a ciascuna lezione sarà caricato sull’apposita piattaforma di supporto alla didattica (Virtuale).

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Giorgio Avezzù