85092 - DIRITTO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI (1) (LM)

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Istruzione di qualità Ridurre le disuguaglianze

Anno Accademico 2020/2021

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso gli studenti acquisiscono: nella prima parte, le conoscenze giuridiche fondamentali sull'organizzazione e l’attività della pubblica amministrazione in generale; nella seconda parte, quelle relative alla disciplina per la tutela e la valorizzazione dei beni culturali, e per la promozione e la gestione delle attività artistiche. Queste competenze, essenziali per sostenere qualsiasi concorso pubblico, consentiranno agli studenti di operare con metodo, consapevolezza e responsabilità in qualsiasi organizzazione del comparto culturale, pubblica (sovraintendenze, assessorati, musei, biblioteche, archivi, cineteche) o privata (fondazioni, gallerie, centri di produzione audiovisiva e multimediale).

Contenuti

I Parte – Introduzione al diritto amministrativo

In questo modulo si intendono approfondire gli istituti essenziali del diritto delle amministrazioni pubbliche, i quali costituiscono la base per il successivo approfondimento settoriale.

I principi costituzionali sulla pubblica amministrazione
L'evoluzione della pubblica amministrazione in Italia

L'organizzazione dell'amministrazione pubblica

  • Gli enti pubblici
  • Organi e uffici
  • Politica e amministrazione
  • Ministeri, agenzie e organizzazione periferica dello Stato
  • Le Autorità indipendenti
  • Gli enti strumentali
  • Le regioni e gli enti locali (cenni)

L'attività amministrativa

  • I principi della attività amministrativa
  • Il procedimento amministrativo
  • Atti amministrativi e loro regime
  • L'attività di diritto privato della pubblica amministrazione (cenni)
  • I servizi pubblici

II Parte – Diritto dei Beni e delle Attività culturali

Cultura e ordinamento amministrativo

  • Italia liberale
  • Fascismo
  • Costituzionalizzazione
  • Le misure in età repubblicana
  • Le sfide del Contemporaneo

I valori costituzionali dell'estetica, dell'arte e della cultura

Il Ministero dei Beni e delle attività culturali

La nozione di bene culturale

La tutela dei beni culturali

La valorizzazione dei beni culturali

Testi/Bibliografia

PER TUTTI

I Parte

D. Sorace, Diritto delle amministrazioni pubbliche Il Mulino, 2018 limitatamente ai Capitoli I, II, III, VIII, IX,X, XI e XII

o, in alternativa,

F. Merloni, Istituzioni di diritto amministrativo, terza edizione, Giappichelli, 2018 limitatamente ai capitoli 1, 3, 6, 7, 9, 10, 18, 19, 20, 21, 23

Agli studenti stranieri è consigliata la lettura di:
G.F. Ferrari, Introduction to Italian Public Law, Giuffrè Editore, 2018, relativamente ai capitoli 1,2,5,6,7,11,12,13

 

PER GLI STUDENTI DELLA LAUREA MAGISTRALE IN ARTI VISIVE, ITALIANISTICA, CITEM  

II Parte
C. Barbati, M. Cammelli, L. Casini, G. Piperata, G. Sciullo Diritto del patrimonio culturale, Il Mulino, 2020
limitatamente a:
I. Patrimonio e beni
II. Organizzazione e soggetti, parr. 1-5, 7
III. Tutela, parr.1-3
IV. Valorizzazione e gestione

Daniele Donati, Governare l’inafferrabile. La cultura nella disciplina normativa e nella prassi amministrativa, in Munus 2017 n. 2 del 2017 pp. 256 e ss.

 

PER GLI STUDENTI  DELLA LAUREA MAGISTRALE IN GEOGRAFIA E PROCESSI TERRITORIALI I SEGUENTI TESTI:

II Parte 

G. Rossi, Diritto dell'ambiente, G. Giappichelli, 2017 relativamente a Parte I, capitoli II, III, IV, V, VI.

V. Mazzarelli, voce L'urbanistica e la pianificazione territoriale, in S. Cassese, Trattato di Diritto Amministrativo, Diritto Amministrativo Speciale, Tomo  IV, p. 3335 e ss.

Metodi didattici

Il corso si articola in lezioni frontali.

La frequenza delle lezioni è fortemente consigliata, specialmente per gli studenti che non abbiano nozioni giuridiche di livello universitario.

La presenza in aula verrà verificata a campione per qualificare gli studenti come “frequentanti”, e farli accedere alla prova scritta preliminare in forma semplificata (vedi la sezione Modalità di verifica dell'apprendimento)

È previsto un seminario su metodo e strumenti della ricerca giuridica, la cui frequenza è obbligatoria per gli studenti che intendano sostenere la propria tesi di laurea in questa materia.

Sono inoltre previsti alcuni seminari mirati ad approfondire la conoscenza di aspetti particolarmente rilevanti o di attualità, ai quali saranno invitati studiosi, rappresentanti delle istituzioni, professionisti ed esperti della materia.

Modalità di verifica dell'apprendimento

1. ESAME SCRITTO OBBLIGATORIO (per gli studenti di lingua italiana)

L'esame si svolge nella prima giornata di appello.

L'esame è composto da due parti, la prima con 20 domande a risposta multipla e la seconda con 3 domande a risposta aperta.

Il test a risposta multipla è preliminare e propedeutico all'esame a risposta aperta: si intende superato con 15 risposte esatte su 20.

Per gli studenti frequentanti, la prova si intende superata con 12 risposte esatte su 20.

La valutazione di merito, cioè il voto finale, è determinato dal solo risultato dell'esame a risposte aperte.

Il numero dei posti in aula è limitato.

Quindi:

− se uno studente non risponde ad almeno 15 domande della prima parte (o a 12, se frequentante), non potrà sostenere la seconda, terminando così la sua prova.

− se uno studente risponde esattamente a 15 (o a 12, se frequentante) o più domande della prima parte, continua la sua prova d'esame sostenendo la seconda parte. La commissione procederà alla correzione e alla valutazione delle domande aperte.

2. ESAME ORALE FACOLTATIVO (obbligatorio per gli studenti non di lingua italiana)

Nella seconda giornata d'appello, gli studenti risultati promossi alla prova scritta possono chiedere di sostenere un esame orale per tentare di migliorare la valutazione conseguita per le domande a risposta aperta.

Nella stessa data, e solo in quella data, tutti gli studenti iscritti all'appello possono prendere visione del loro compito scritto.

In ogni caso, il voto conseguito in una prova scritta sarà verbalizzabile solo entro 6 mesi dalla data della prova.


Gli studenti stranieri sostengono l'esame oralmente nel giorno di verbalizzazione in cui è prevista la verbalizzazione e l'eventuale orale per gli studenti che hanno precedentemente sostenuto l'esame scritto. Gli studenti stranieri sono invitati a iscriversi mandando una mail a filcom.didatticadonati@unibo.it

N.B.
Tutti gli studenti (inclusi quelli a debito) sono tenuti a studiare i materiali contenuti nella bibliografia prevista per l'A.A. in corso.

 

Per tutto il perdurare della situazione di emergenza sanitaria e fino a nuova disposizione, gli esami di profitto si svolgeranno esclusivamente in modalità orale e a distanza, attraverso l'attivazione di aule virtuali sulla piattaforma Teams.

Gli studenti che vorranno sostenere l'esame dovranno iscriversi regolarmente ad Almaesami e, una volta chiuse le iscrizioni, riceveranno via mail il link di Teams a cui collegarsi il giorno della prova.

Visto l'elevato numero di studenti da esaminare e le relative complessità legate alla situazione eccezionale, è fondamentale che gli studenti che non intendano presentarsi all'esame cancellino per tempo la propria iscrizione.

Inoltre, poiché le lezioni si terranno da remoto e non sarà dunque possibile accertare la presenza degli studenti in aula, in sede d'esame non verrà operata alcuna distinzione tra studenti frequentanti e non frequentanti. Si invitano gli studenti che hanno frequentato negli scorsi anni a farlo presente al docente prima dell'inizio dell'esame.

Strumenti a supporto della didattica

Per ricevere ulteriore materiale didattico gli studenti possono iscriversi alla lista di distribuzione.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Daniele Donati