28555 - AUTOMATIC MACHINES

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Lavoro dignitoso e crescita economica Imprese innovazione e infrastrutture

Anno Accademico 2020/2021

Conoscenze e abilità da conseguire

Automatic machines for discrete processes (functional concepts, architectures, operating modalities, main employment criteria), with particular reference to the packaging industries.

Contenuti

Il corso è suddiviso in due moduli a cui corrispondono rispettivamente 6 CFU e 3 CFU. I due moduli vengono sviluppati in modo sinergico durante il periodo delle lezioni.

Il primo modulo, da 6 CFU (60 ore), viene organizzato nelle seguenti sezioni:

M1-1 Statica dei corpi rigidi e calcolo delle relazioni vincolari nel caso di carichi e di vincoli mobili

M1-2 Le azioni interne nei corpi snelli (e.g. travi) e loro diagrammi

M1-3 Il concetto di deformazione in corpi snelli, semplici e compositi, anche in presenza di campi termici uniformi e non uniformi

M1-4 Il concetto di tensione in corpi snelli, semplici e compositi, anche in presenza di campi termici uniformi e non uniformi

M1-5 Leggi costitutive per i materiali (metallici, plastici e ceramici); con particolare riguardo al comportamento quasi statico e viscoelastico

M1-6 Studio dei quattro casi di sollecitazione (sforzo normale, torsione, flessione pura e flessione con taglio), anche in presenza di campi termici uniformi o variabili, con particolare riguardo all’analisi dei campi di spostamento dei corpi snelli ed alla loro applicazione in campo meccatronico.

M1-1.7 Analisi del comportamento vibratorio dei corpi snelli (vibrazioni assiali, torsionali e flessionali)

2. Nel secondo modulo vengono trattati i principali elementi della costruzione di macchine:

M1-2.1 Studio degli alberi di trasmissione

M1-2.2 Studio dei cuscinetti ed esempi relativi al loro montaggio in componenti di macchine automatiche

M1-2.3 Studio delle molle e loro applicazioni in componenti di macchine automatiche (compresi i casi di giunzioni cedevoli)

Il primo modulo ed il secondo modulo sono completati da esercizi.

Alcuni degli esercizi vengono svolti dai docenti durante lo svolgimento delle lezioni (non è previsto un giorno specifico per le esercitazioni).

Altri esercizi vengono invece solo impostati dai docenti in aula e gli studenti devono completarli a casa in autonomia e collezionarli in un quaderno degli esercizi che costituirà parte integrante della verifica orale. Infine vengono anche assegnati agli studenti ulteriori esercizi che devono essere svolti in autonomia a casa e che devono essere collezionati nel quaderno degli esercizi che sarà oggetto di discussione durante la prova orale.

Testi/Bibliografia

1. Dispense del Corso

2. James M. Gere, Barry J. Goodno, Mechanics of Materials, Cengage Learning, 2012

3. Ansel C. Ugural, Mechanical Design of

Machine components, CRC Press, 2015

4. Robert C. Juvinall, Kurt M. Marshek, Fundamentals of Machine Component Design, John Wiley & Sons, 2012

5. Richard G. Budynas, J. Keith Nisbett, Shigley’s

Mechanical Engineering Design, McGraw-Hill, 2011

Metodi didattici

Insegnamento frontale in aula con utilizzo di slide ed audiovisivi.

Il corso viene sviluppato sia fornendo concetti teorici sia svolgendo ed assegnando esercizi teorici ed applicativi relativi ad aspetti costruttivi delle Macchine Automatiche.

Agli studenti vengono assegnati esercizi da svolgere in autonomia e singolarmente (solo se precisato dal docente alcuni esercizi potranno essere svolti in gruppo ed in tal caso nel quaderno degli esercizi dovranno essere precisati i nomi ed i cognomi degli studenti che hanno partecipato al gruppo). Tali esercizi devono essere raccolti, in modo ordinato, in un quaderno che gli studenti dovranno portare all’esame e che sarà oggetto di discussione durante l’esame stesso.

Modalità di verifica dell'apprendimento

La verifica dell’apprendimento degli argomenti trattati durante il modulo 1 ed il modulo 2 verrà svolta nella stessa giornata.

La verifica verrà effettuata in modo preferenziale mediante un colloquio orale a distanza. Durante la prova orale il docente accerterà la conoscenza degli argomenti teorici e verificherà le competenze applicative acquisite nello svolgimento degli esercizi che sono stati assegnati durante le lezioni e che gli studenti avranno raccolto nel quaderno dedicato. Nel caso di quaderni degli esercizi redatti in forma collaborativa, ciascun membro del gruppo che ha collaborato alla redazione del quaderno dovrà dimostrare una personale e totale padronanza di ciascun esercizio.

Durante la prova orale il docente potrà sottoporre agli studenti anche domande trasversali e di ragionamento relative agli argomenti ed agli esercizi trattati a lezione.

Varianti sulla modalità dell’esame potranno essere adottate dal docente a causa di esigenze di forza maggiore e verranno comunicate agli studenti. Inoltre, qualora si renda necessario in forza di un elevato numero di studenti iscritti all’appello, il docente potrà sottoporre agli studenti un test a risposta multipla il cui superamento, con punteggio minimo di 18/30, sarà necessario per accedere all’orale. In questo caso le domande della prova orale verteranno principalmente sugli argomenti non coperti dal test di ammissione.

Strumenti a supporto della didattica

Presentazioni in PowerPoint e audiovisivi.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Andrea Zucchelli