76684 - TEORIA E STORIA DELL'EDITORIA PER RAGAZZI

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Sconfiggere la povertà Salute e benessere Istruzione di qualità Ridurre le disuguaglianze

Anno Accademico 2020/2021

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso lo studente: - è in grado di proseguire il percorso di studio e approfondimento della letteratura per l'infanzia con approccio ermeneutico ed interdisciplinare; - conosce i principali percorsi culturali, anche in termini storico-letterari della letteratura per l'infanzia e, in particolare, sa orientarsi nelle produzioni che l'editoria mette a disposizione; - conosce le categorie pedagogiche di approccio problematico alla letteratura per l'infanzia e alla complessità dell'immaginario, e sa orientarsi nel panorama della tradizione, degli autori classici e contemporanei che guardano in particolare alle edizioni sia di albi illustrati sia di romanzi; - conosce e padroneggia strumenti interpretativi che guardano alla pluralità dei linguaggi della letteratura per l'infanzia, della cui complessità è consapevole; - conosce ed è in grado di utilizzare, e di approfondire autonomamente, i principali ambiti di riferimento teorico in ambito pedagogico e psicopedagogico relativamente alle linee evolutive della prima infanzia, ed è consapevole degli incroci con le scelte educative che competono alla narrazione; - conosce i contributi teorici fondamentali sulla narrazione e sa tradurli nella relazione educativa all'interno della scuola dell'infanzia e della scuola primaria; - è in grado di progettare percorsi di narrazione centrati su stili relazionali propri dell'alleanza educativa nel momento narrante: ascolto reciproco delle storie, racconto orale, lettura a voce alta, sguardo sensibile, accoglienza dei linguaggi e delle espressività verbali e non verbali, specifica attenzione alla qualità della comunicazione nel contesto narrante; - è in grado di compiere scelte consapevoli nell'ambito dei prodotti editoriali della letteratura per l'infanzia e di orientarsi criticamente ed autonomamente nella molteplicità delle diramazioni delle narrazioni proposte dai media.

Contenuti

Teoria e storia della letteratura e dell'editoria per l'infanzia e per ragazzi, dal punto di vista delle scuole di pensiero che, in ambito pedagogico, hanno guardato alla letteratura per l'infanzia e all'editoria che l'ha pubblicata.

Lo studio teorico della complessità delle pubblicazioni per l'infanzia a partire dagli aspetti storici e narratologici, con particolare attenzione al punto di vista pedagogico.

La Letteratura per l'infanzia tra storia dell'infanzia, autori, editoria, cultura, società e visioni pedagogiche.

La letteratura, la lettura, l'educazione alla lettura, il racconto orale.

Il conflitto verso il romanzo.

I classici.

Il romanzo illustrato.

L'albo illustrato.

Le grandi raccolte di fiabe.

La fiaba di tradizione orale e la fiaba letteraria.

I generi letterari e narrativi.

Autrici ed autori.

Illustratrici e illustratori.

Poetesse e poeti.

Editoria e qualità della letteratura per l'infanzia.

La fiaba e le storie matrice.

La letteratura per l'infanzia alla scuola per l'infanzia e alla scuola primaria: gli approcci, il tema delle fasce di età, i pregiudizi, le stereotipie VS le opere di ricerca artistica, i classici tra gli albi illustrati e tra le novelle, la qualità alta della produzione letteraria per l'infanzia, la qualità della fruizione alla scuola dell'infanzia e alla scuola primaria...

La marginalità della letteratura per l'infanzia.

Il valore delle storie.

La potenza della metafora e della dimensione simbolica.

L'immaginario.

L'approccio teorico e la complessità; il problematicismo pedagogico; le correlazioni con le teorie della letteratura; con l'antropologia e la storia; il contributo della filosofia e degli studi etnografici. L'ermeneutica. Il "tutto è fiaba". L'autenticità VS l'inautenticità.

Il programma tiene sempre in considerazione la doppia visione da dedicare alla formazione per l'insegnante alla scuola dell'infanzia e alla scuola primaria, con particolare attenzione alla relazione educativa in tali contesti.

Testi/Bibliografia

1 testo per tutti:

Milena Bernardi, Letteratura per l'infanzia e alterità. Incanti, disincanti, ambiguità, tracce. Franco Angeli, Milano, 2016

1 testo a scelta tra i seguenti:

Antonio Faeti, I tesori nelle isole non trovate. Fiabe, immaginario, avventura, nella letteratura per l’infanzia. Junior edizioni, 2018

- M. Bernardi, Infanzia e metafore letterarie, Bononia University Press, Bologna, 2009

- M. Bernardi, Milena Bernardi, [https://cris.unibo.it/handle/11585/738325], Pisa, Edizioni ETS, 2019

- S. Barsotti, L. Cantatore (a cura di), Letteratura per l'infanzia. Temi, forme e simboli della contemporaneità, Carocci, 2019

A.Faeti, Gli amici ritrovati, Rizzoli BUR

M.Bernardi, Il cassetto segreto, letteratura per l'infanzia e romanzo di formazione, Unicopli, Milano, 2011

A. Ascenzi, R. Sani, Storia e antologia della letteratura per l'infanzia nell'Italia dell'ottocento, Franco Angeli, Milano, 2017 I°volume, 2018 II°volume.

W. Grandi, Infanzia e mondi fantastici, Bononia University Press, Bologna, 2007

W. Grandi, La musa bambina. La letteratura mitologica italiana per ragazzi tra storia, narrazione e pedagogia, Edizioni Unicopli, Milano, 2011

W. Grandi, Gli ingranaggi sognati. Scienza, fantasia e tecnologia nelle narrazioni per l’infanzia e l’adolescenza, FrancoAngeli, Milano, 2017

Opere letterarie:

Una raccolta di fiabe in edizione integrale di cui gli studenti dovranno aver letto almeno 10 fiabe. Ad esempio una delle seguenti raccolte: J. e W, Grimm, H. C. Andersen, I. Calvino, G. Pitrè, L. Capuana, G.B. Basile, O. Wilde.

1 romanzo di letteratura per l’infanzia classico o contemporaneo scelto dallo studente,

1 albo illustrato o una raccolta di poesie in edizione dedicata per l’infanzia a scelta dello studente.

Per studenti Erasmus, M. Bernardi, Letteratura per l’infanzia e alterità, FrancoAngeli. + La raccolta di fiabe dei fratelli Grimm.

     

Metodi didattici

Lezione frontale. Brainstorming, discussione e confronto. Analisi di materiali narrativi e letterari, Visivi, filmici, teatrali. Analisi di situazioni di interazione tra bambini, adulti e storie. Utilizzo di eventuali materiali di consultazione caricati sul sito docente e sul sito del CRLi, Centro di ricerca in letteratura per l'infanzia.

Modalità di verifica dell'apprendimento

La verifica consiste in una prova orale. Il colloquio, nel corso del quale lo studente sarà invitato a confrontarsi con i testi in programma, vuole verificare e valutare:

- l'organicità delle conoscenze raggiunte riguardo agli assunti epistemologici e di base della disciplina, ai riferimenti teorici ed interpretativi, al panorama letterario e narrativo, agli incroci con la circolarità dell'immaginario;

- le capacità critiche e metodologiche maturate;

- il possesso di strumenti interpretativi che consentano un approccio problematico e non mnemonico alla complessità della disciplina vista anche con ottica interdisciplinare e multidisciplinare;

- la capacità di contestualizzare la propria preparazione nella cornice specifica della relazione educativa con la prima infanzia;

- la padronanza espressiva del linguaggio specifico.

Anche a tal fine lo studente è tenuto a completare la preparazione all'esame con un percorso monografico a sua scelta, da esporre oralmente all'esame, che intrecci le conoscenze teoriche acquisite al panorama letterario e narrativo preso in esame.

Il voto dell'esame si esprime in trentesimi.

L'iscrizione all'esame è su Almaesami.

Non si effettua il salto d'appello.

Strumenti a supporto della didattica

Lettura a voce alta, narrazione orale; visione di immagini e illustrazioni, di materiale visivo – filmico, teatrale…- Consultazione di materiali di approfondimento e accompagnamento delle lezioni caricati sul sito docente e sul sito CRLI.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Milena Bernardi