27195 - STORIA, SOCIETÀ E FAMIGLIA

Scheda insegnamento

Anno Accademico 2020/2021

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso lo studente è capace di valutare gli orientamenti storiografici in relazione ad un tema studiato, sa leggere e interpretare fonti edite e inedite, sa avvicinare testi e dati anche secondo prospettive originali, sa contestualizzare problemi generali in specifici casi di ricerca. E' consapevole della rilevanza del patrimonio storico-ambientale e della rilevanza di concetti, linguaggi, categorie complessi collocati in una prospettiva diacronica.

Contenuti

Il corso si articolerà in due moduli nel corso del secondo semestre. Il primo modulo sarà svolto dalla prof. Maria Teresa Guerrini (nella seconda parte del secondo semestre), mentre un altro modulo di lezioni sarà svolto dal prof. Vincenzo Lagioia (nella prima parte del secondo semestre).

Il modulo del corso tenuto dalla prof.ssa Guerrini verterà sulla metodologia e sull’uso delle fonti per la storia sociale. In particolare verranno analizzati i metodi storiografici

- della storiografia precedente la scuola della Annales francesi

- la rivoluzione storiografica attuata dalla scuola delle Annales francesi (Bloch, Febvre, Braudel ...)

Dopo questa fase introduttiva si passerà ad analizzare nel dettaglio, con i metodi e i linguaggi propri della storia sociale, almeno un paio di casi studio.

Per il modulo tenuto dal prof. Lagioia, relativo alla storia della famiglia, il tema del corso è "Norma, strutture e regole nelle relazioni familiari dal XVI al XIX secolo" e le lezioni verteranno sulle trasformazioni delle strutture familiari nell’Europa d’Ancien Régime approfondendo in particolare

- i vincoli familiari e di genere,

- lignaggi e parentele,

- principali trasformazioni delle strategie di trasmissione dei patrimoni e di riproduzione,

- contesti regolati,

- eteronorma e marginalità,

- trasgressione e adeguamento rispetto al modello familistico-patriarcale: femminile, maschile e identità nella società d’epoca moderna.

 

Testi/Bibliografia

A)

- C. Pancino, Storia sociale. Metodi esempi strumenti, Venezia, Marsilio, 2003

- G.P. Romagnani, La società di Antico Regime (XVI-XVIII secolo): temi e problemi storiografici, Roma, Carocci, 2010

- G. Da Molin, Storia sociale dell'Italia moderna, Brescia, La Scuola, 2016

 

B)

- M. Bloch, Apologia della storia o mestiere di storico, Torino, Einaudi, 2009

 

C)

1) U. Grassi, Sodoma. Persecuzioni, affetti, pratiche sociali (secoli V-XVIII), Roma, Carocci, 2019;

2) F. Alfieri, V. Lagioia, “Infami macchie”. Sessualità maschile e indisciplina nei secc. XVI-XVIII, Roma, Viella, 2018;

3) U. Grassi, G. Marcocci, Le trasgressioni della carne. Il desiderio omosessuale nel mondo islamico e cristiano, secc. XII-XX,Roma, Viella, 2015;

4) L. Scaraffia, M. Pelaja, Due in una carne: Chiesa e sessualità nella storia, Roma-Bari, Laterza, 2014;

5) S. Bellassai, M. Malatesta, Genere e Mascolinità. Uno sguardo storico, Roma, Bulzoni, 2000.

 

D) 

1) M. Barbagli, Comprare piacere. Sessualità e amore venale dal Medioevo a oggi, Bologna, Il Mulino, 2020;

2) S. Feci - L. Schettini (a cura), La violenza contro le donne nella storia. Contesti, linguaggi, politiche del diritto (secoli XV-XXI), Roma, Viella, 2017;

3) W. Hanks Merry, Le donne nell'Europa moderna 1500-1750, Torino, Einaudi, 2017;

4) C. Casanova, Famiglia e parentela nell'età moderna, Roma, Carocci, 2009;

5) D. Lombardi, Storia del matrimonio dal medioevo a oggi, Bologna, il Mulino, 2008;

6) M. D'Amelia, La mamma, Bologna, il Mulino, 2005.

 

 

Metodi didattici

Lezioni frontali con l'ausilio di presentazioni in Power Point

Modalità di verifica e valutazione dell'apprendimento

PROGRAMMA 12 CFU

Lo studente frequentante per l’esame dovrà scegliere un testo del punto A); il testo del punto B) che potrà essere sostituito con la frequenza ad almeno 3 seminari del ciclo "Fonti e metodologie della ricerca storica" (cfr. AVVISI nella pagina personale Unibo di Maria Teresa Guerrini) il contenuto dei quali sarà verificato nel corso dell'interrogazione orale; un testo dal punto C) e i saggi a scelta dal volume di U. Grassi, V. Lagioia, G.P. Romagnani (a cura), Tribadi, sodomiti, invertite e invertite, pederasti, femminelle, ermafroditi… Per una storia dell’omosessualità e delle trasgressioni di genere in Italia, Pisa, ETS, 2017 (cinque saggi a scelta); un testo dal punto D) e i saggi a scelta dal volume di V. Lagioia, M. P. Paoli, R. Rinaldi (a cura), La fama delle donne. Pratiche femminili e società tra Medioevo ed Età moderna, Roma, Viella, 2020 (cinque saggi a scelta).

Gli studenti non frequentanti aggiungeranno a questo programma un altro testo da scegliere dal punto C) o D) (pari a 5 testi più i saggi a scelta dai due volumi indicati).

La verifica è orale sulla base degli argomenti trattati nel corso delle lezioni e delle opere indicate in bibliografia.

L'esame consiste in una verifica delle conoscenze acquisite durante il corso nella quale si terrà conto della capacità di esporre sinteticamente e criticamente gli argomenti affrontati nel corso sulla base del contenuto della bibliografia d'esame e dei materiali didattici forniti.

La valutazione sarà pertanto fondata su:
- padronanza dei contenuti;
- capacità di sintesi e di analisi dei temi e dei concetti;
- capacità di esprimersi adeguatamente e con il linguaggio appropriato alla materia trattata.

Il raggiungimento da parte dello studente della capacità di esprimere una visione organica dei temi affrontati con una buona padronanza espressiva e di linguaggio specifico saranno valutati con voti di eccellenza. Una conoscenza mnemonica della materia, unitamente a capacità di sintesi e di analisi articolate in un linguaggio corretto, ma non sempre appropriato, porteranno a valutazioni discrete. Lacune formative e/o linguaggio inappropriato – seppur in un contesto di conoscenze minimali del materiale d'esame – condurranno a voti che non supereranno la sufficienza. Lacune formative, linguaggio inappropriato, mancanza di orientamento all'interno dei materiali bibliografici offerti durante il corso saranno valutati negativamente.

PROGRAMMA 6 CFU

Lo studente frequentante per l’esame dovrà scegliere un testo del punto A), il testo del punto B).

Gli studenti non frequentanti aggiungeranno a questo programma un testo da scegliere dal punto D) (pari a 3 testi).

La verifica è orale sulla base degli argomenti trattati nel corso delle lezioni e delle opere indicate in bibliografia.

L'esame consiste in una verifica delle conoscenze acquisite durante il corso nella quale si terrà conto della capacità di esporre sinteticamente e criticamente gli argomenti affrontati nel corso sulla base del contenuto della bibliografia d'esame e dei materiali didattici forniti.

La valutazione sarà pertanto fondata su:
- padronanza dei contenuti;
- capacità di sintesi e di analisi dei temi e dei concetti;
- capacità di esprimersi adeguatamente e con il linguaggio appropriato alla materia trattata.

Il raggiungimento da parte dello studente della capacità di esprimere una visione organica dei temi affrontati con una buona padronanza espressiva e di linguaggio specifico saranno valutati con voti di eccellenza. Una conoscenza mnemonica della materia, unitamente a capacità di sintesi e di analisi articolate in un linguaggio corretto, ma non sempre appropriato, porteranno a valutazioni discrete. Lacune formative e/o linguaggio inappropriato – seppur in un contesto di conoscenze minimali del materiale d'esame – condurranno a voti che non supereranno la sufficienza. Lacune formative, linguaggio inappropriato, mancanza di orientamento all'interno dei materiali bibliografici offerti durante il corso saranno valutati negativamente.

Strumenti a supporto della didattica

Presentazioni in power point

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Maria Teresa Guerrini

Consulta il sito web di Vincenzo Lagioia