91402 - PALEOBIOLOGIA

Scheda insegnamento

  • Docente Daniele Scarponi

  • Moduli Federico Fanti (Modulo 1)
    Daniele Scarponi (Modulo 2)

  • Crediti formativi 6

  • SSD GEO/01

  • Modalità didattica Convenzionale - Lezioni in presenza (Modulo 1)
    Convenzionale - Lezioni in presenza (Modulo 2)

  • Lingua di insegnamento Italiano

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Agire per il clima La vita sott'acqua

Anno Accademico 2019/2020

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso, lo studente possiede approfondite conoscenze e competenze critiche per analizzare in modo autonomo i processi fisico-chimici che hanno portato alla preservazione di viventi nel record geologico e le problematiche relative allo studio dei principali modelli paleobiologici. Il corso inoltre offrirà una panoramica degli strumenti utilizzati nell’analisi paleoecologica applicata alle successioni sedimentarie per ricostruire (attraverso i fossili) gli ambienti e loro variazioni del passato con speciale enfasi sul bacino del Mediterraneo negli ultimi milioni di anni.

Programma/Contenuti

Modulo paleobiologia

Introduzione alla paleobiologia, i fossili nel tempo e nello spazio; tafonomia, origine e classificazione dei giacimenti fossili; stratigrafia e biologia; geochimica e biologia; macroevoluzione; morfologia funzionale e morfospazi; evoluzione e diversificazione in funzione dell’ambiente; crisi biologiche ed eventi di “recovery”; paleobiologia e paleobiogeografia.

Modulo paleoecologia

Introduzione alla paleoecologia; time-averaging e risoluzione del record fossile: limiti e vantaggi per lo studio delle dinamiche biologiche nel passato; icnologia e icnofacies per gli studi paleoambientali; fossili e ricostruzioni paleoclimatiche e paleoambientali (focus sul Quaternario); “conservation paleobiology”: il passato per valutare lo stato di degradazione degli ambienti attuali e loro possibile risposta ai cambiamenti climatici (focus su ambienti marini).

Testi/Bibliografia

Per il modulo di Paleobiologia testi consigliati:

Bonebeds – genesis, analysis, and paleobiological significance. R. Rogers,. D. Eberth, and A. Fiorillo (Eds.) 499 pp. University of Chicago Press.

Biogeografia. La dimensione spaziale dell'evoluzione. M. Zunino, A. Zullini, A., 374 pp. CEA Editore

Introduction to Paleobiology and the Fossil Record. M. Benton, D. Harper, 605 pp., Wiley-Blackwell

Gli studenti riceveranno i documenti e appunti delle lezioni tenute quale aiuto per la preparazione all'esame.

Per il modulo Paleoecologia testi consigliati:

Introduzione alla Paleontologia, S. Raffi & E. Serpagli, 605 pp.,  UTET, Torino.

Patzkowsky ME, Holland SM. Stratigraphic Paleobiology: understanding the distribution of fossil taxa in time and space. The University of Chicago Press, 259 pp.

J. Bottjer. Paleoecology: Past, Present and Future. John Wiley and Sons, 264 pp.

Gli studenti riceveranno i documenti e appunti delle lezioni tenute quale aiuto per la preparazione all'esame. 

Metodi didattici

Lezioni frontali in aula.

Laboratorio sul campo per l'osservazione dei processi tafonomici e identificazione di paleocomunità fossili del Plio-Pleistocene mediterraneo. Indagine paleobiologica per ricostruire le dinamiche paleoambientali/paleoclimatiche nel Plio-Pleistocene  emiliano, tramite associazioni a molluschi fossili. 

Modalità di verifica dell'apprendimento

L'esame consiste una prova scritta a risposta multipla e libera, seguita da una breve prova orale.

Strumenti a supporto della didattica

Videoproiettore, collezioni di fossili, e attrezzature per i laboratori sul terreno.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Daniele Scarponi

Consulta il sito web di Federico Fanti