84995 - FILOSOFIA DELLA CONOSCENZA (1)

Scheda insegnamento

Anno Accademico 2019/2020

Conoscenze e abilità da conseguire

Il corso fornisce agli studenti le nozioni centrali della disciplina (verità, credenza, giustificazione epistemica, evidenza); un’introduzione elementare al problema dello sc etticismo e all’analisi della conoscenza; una panoramica di alcune delle posizioni più frequentemente discusse in relazione a tali questioni. Il corso mira inoltre a coltivare l’abilità di fare analisi filosofica attraverso la formulazione di esempi e cont roesempi, nonché, più in generale, la capacità di riconoscere la struttura delle argomentazioni incontrate.

Contenuti

L'insegnamento fornisce un'introduzione ad alcuni dei principali temi della teoria della conoscenza (epistemologia) contemporanea, focalizzandosi in particolare sulle sfide scettiche alla nostra pretesa di avere conoscenza ordinaria (15 ore) e sull'analisi della conoscenza proposizionale (15 ore).

Testi/Bibliografia

Letture obbligatorie:

Platone, Teeteto (qualunque edizione): I-VIII (142a - 153d7); XXXVIII (200c7 - 201b5).

R. Descartes, Meditazioni metafisiche, Prima meditazione (qualunque edizione).

I capp. 1 (Gettier), 2 (Nozick), 3 (Sosa), 4 (Pritchard), 8 (Goldman), 9 (Bonjour), 10 (Greco) e 11 (Dretske) di A. Coliva, C. Calabi, A. Sereni, G. Volpe (a cura di), Teorie della conoscenza, Cortina, Milano 2015.

R. Nozick, Spiegazioni filosofiche, tr. it., il Saggiatore, Milano 1987, pp. 197-201, 230-245.

 

Letture consigliate:

T. Piazza, Che cos'è la conoscenza, Carocci, Roma 2017, pp. 1-102.

N.B. La lettura del volume di Piazza è obbligatoria per gli studenti non frequentanti.

Metodi didattici

L'insegnamento verrà impartito attraverso 15 lezioni frontali tenute nel primo periodo del secondo semestre, dedicate (più o meno) per metà al problema dello scetticismo e per metà all'analisi della conoscenza. Sarà continuamente incoraggiata una partecipazione attiva da parte degli studenti. Data di inizio: lunedì 3 febbraio.

Modalità di verifica dell'apprendimento

L'esame consisterà in una prova orale finalizzata a verificare che lo studente abbia acquisito le conoscenze e le abilità che costituiscono gli obiettivi formativi dell'insegnamento. Il candidato dovrà dimostrare di conoscere le principali posizioni elaborate nell'ambito della teoria della conoscenza soprattutto in epoca contemporanea, nonché di avere acquisito le competenze terminologiche e concettuali necessarie per orientarsi nel dibattito sullo scetticismo e nella discussione sulla natura della conoscenza, in particolare le nozioni di verità, credenza e giustificazione epistemica.

 

Criteri di verifica e soglie di valutazione:

30 e lode: prova eccellente, sia nelle conoscenze che nell'articolazione critica ed espressiva.

30: prova ottima, conoscenze complete, ben articolate ed espresse correttamente, con alcuni spunti critici.

27-29: prova buona, conoscenze esaurienti e soddisfacenti, espressione sostanzialmente corretta.

24-26: prova discreta, conoscenze presenti nei punti sostanziali, ma non esaurienti e non sempre articolate con correttezza.

21-23: prova sufficiente, conoscenze presenti in modo talvolta superficiale, ma il filo conduttore generale risulta compreso. Espressione e articolazione lacunose e spesso non appropriate.

18-21: prova appena sufficiente, conoscenze presenti ma superficiali, il filo conduttore non è compreso con continuità. L'espressione e l'articolazione del discorso presentano lacune anche rilevanti.

<18: prova insufficiente, conoscenze assenti o molto lacunose, mancanza di orientamento nella disciplina, espressione carente e inappropriata. Esame non superato.

Durante lo svolgimento della prova non è ammesso l'utilizzo di alcun supporto, cartaceo (libri, appunti, ecc.) o elettronico.

Strumenti a supporto della didattica

Il docente distribuirà occasionalmente alcune note scritte e/o proietterà delle diapositive.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Giorgio Volpe