59231 - PEDAGOGIA DELL'INFANZIA E DELLE FAMIGLIE

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Sconfiggere la povertà Salute e benessere Istruzione di qualità Parità di genere

Anno Accademico 2019/2020

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso lo studente: - legge i fenomeni familiari nell'ottica del superamento del paradigma della normalità/devianza e alla luce del rispetto della complessità e del polimorfismo che contraddistingue le famiglie di oggi; - individua i nuovi bisogni e le nuove domande che nascono nei contesti familiari contemporanei, per ripensare le coordinate educative, teoriche e metodologiche, che meglio si prestano a sostenere il compito genitoriale; - conosce le peculiarità delle famiglie contemporanee considerando le variabili storiche, sociologiche, economiche, demografiche; - conosce le problematiche connesse all'evoluzione di scuola, insegnanti, studenti, genitori, famiglie, stili educativi; - conosce gli aspetti organizzativi dei servizi rivolti alla prima infanzia e alle famiglie; - definisce le 'buone pratiche' per sostenere le competenze dei genitori in tema di educazione dei figli e per rinforzare l'alleanza scuola famiglia; - ipotizza percorsi educativi che possano portare alla creazione di autentiche alleanze educative tra scuola/servizi e famiglie; - sa declinare le principali categorie del Problematicismo pedagogico, del Costruttivismo, dei saperi della Complessità in direzione operativa e sociale nell'analisi delle situazioni che riguardano infanzia, famiglie e servizi; - conosce i principali modelli di relazione scuola-famiglie nonché le reciproche rappresentazioni, influenze, le azioni e le conflittualità, ecc.; - analizza gli aspetti caratterizzanti delle famiglie contemporanee (i cambiamenti giuridici, culturali, sociali, economici; autori di riferimento, modelli, teorie, ecc.); - considera le famiglie come soggetti attivi, ossia capaci di sviluppare al proprio interno percorsi di benessere,; - individua strumenti e percorsi formativi adeguati per valorizzare le risorse del nucleo familiare e sostenere una genitorialità riflessiva in una dimensione di socialità costruttiva.

Contenuti

Il corso di articola in due moduli integrati che affrontano temi e si pongono obiettivi connessi tra loro

Modulo 1 "Pedagogia dell'Infanzia" (36 ore)

Docente: Silvia Demozzi

Obiettivi:

Al termine del modulo lo studente:

  • analizza gli aspetti caratterizzanti le infanzie contemporanee
  • individua i nuovi bisogni e le nuove domande delle infanzie contemporanee
  • ipotizza strumenti e percorsi educativi per garantire il rispetto dei diritti dell’infanzia sanciti dalla Convenzione ONU del 1989

Contenuti:

  • Infanzie al plurale
  • Infanzia da età biologica a categoria socio-culturale
  • Infanzia e Diritti
  • Adultizzazione e rischi di scomparsa dell’infanzia
  • Sharenting e infanzia "in vetrina"
  • Infanzia e genere
  • Infanzia e gioco
  • Infanzia e sport
  • Infanzia e malattia
  • Infanzia e violenza (guerra, povertà, abuso...)
  • Quale educazione per l’infanzia di oggi? Quali percorsi educativi per una sua reale partecipazione?

Modulo 2 "Pedagogia delle famiglie" (12 ore)

Docente: Alessandra Gigli

Obiettivi:

Al termine del modulo lo studente:

  • legge i fenomeni familiari nell'ottica del superamento del paradigma della normalità/devianza e alla luce del rispetto della complessità e del polimorfismo che contraddistingue le famiglie di oggi;
  • analizza gli aspetti caratterizzanti delle famiglie contemporanee (i cambiamenti giuridici, culturali, sociali, economici; autori di riferimento, modelli, teorie, ecc.);
  • individua i nuovi bisogni e le nuove domande che nascono nei contesti familiari contemporanei, per ripensare le coordinate educative, teoriche e metodologiche, che meglio si prestano a sostenere il compito genitoriale;
  • ipotizza percorsi educativi che possano portare alla creazione di autentiche alleanze educative tra scuola/servizi e famiglie;
  • individua strumenti e percorsi formativi adeguati per valorizzare le risorse del nucleo familiare e sostenere una genitorialità riflessiva in una dimensione di socialità costruttiva.

Contenuti:

  • Il concetto di pluralità nella dimensione familiare
  • La mappa delle famiglie in Italia oggi
  • I sistemi familiari nei macro processi sociali e culturali
  • Le caratteristiche delle famiglie funzionali: analisi dei fattori di protezione e di rischio.
  • “Emergenze” educative nelle famiglie contemporanee: i nuovi scenari di maternità e paternità; la crisi normativa; l’educazione nell’instabilità coniugale (separazioni, ricomposizioni familiari e nuclei monogenitoriali)
  • Orizzonti pedagogici per il sostegno alle funzioni educative delle famiglie
  • L’educazione familiare e il sostegno alla genitorialità
  • Scenari di alleanze educative: le coordinate pedagogiche per una relazione cooperativa con le famiglie

Nota per gli studenti:

Il programma del corso e i docenti sono è cambiati rispetto agli anni accademici precedenti. Si fa notare che nella sessione "conoscenze e abilità da conseguire" ci sono ancora le indicazioni relative agli anni precedenti (perché non è stato possibile aggiornare il testo per questioni tecniche e burocratiche). Gli studenti, pertanto, sono invitati a porre attenzione specialmente a quanto esplicitato nelle sessioni: programma e contenuti, testi, e modalità di verifica e apprendimento.

 

PER GLI STUDENT* ISCRITTI AL CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN EDUCATORE NEI SERVIZI EDUCATIVI PER L'INFANZIA
Gli student*, già in possesso del titolo di Laurea in Scienze della Formazione Primaria, dovranno sostenere il seguente programma di studio corrispondente a 4 CFU:

Obiettivi formativi specifici: 

Al termine del modulo lo studente:

  • analizza gli aspetti caratterizzanti le infanzie contemporanee
  • individua i nuovi bisogni e le nuove domande delle infanzie contemporanee
  • ipotizza strumenti e percorsi educativi per garantire il rispetto dei diritti dell’infanzia sanciti dalla Convenzione ONU del 1989

Bibliografia obbligatoria:

Demozzi S., L’infanzia “inattuale”. Perché le bambine e i bambini hanno diritto al rispetto, Ed. Junior, 2016.

A.Bondioli, D.Savio (a cura di), Crescere bambini. Immagini di infanzia in educazione e formazione degli adulti, Ed. Junior 2017 Tranne i capitoli: 5 (pp. 97-11), 7 (pp.129-138) e 10 (pp.183-196)

Modalità d'esame:

La prova d'esame consiste in una prova scritta: 5 domande a risposta aperta con un numero predefinito di righe per rispondere. Ad ogni domanda è assegnato un punteggio, il totale dei punti di tutte le domande è 30. 

Per i criteri di valutazione e le modalità di iscrizione si vedano le descrizioni nelle relative voci del programma.

Testi/Bibliografia

Testi obbligatori validi per studenti/esse frequentanti e non:

Demozzi S., L’infanzia “inattuale”. Perché le bambine e i bambini hanno diritto al rispetto, Ed. Junior, 2016.

A.Bondioli, D.Savio (a cura di), Crescere bambini. Immagini di infanzia in educazione e formazione degli adulti, Ed. Junior 2017 Tranne i capitoli: 5 (pp. 97-11), 7 (pp.129-138) e 10 (pp.183-196)

Gigli A., Famiglie evolute. Capire e sostenere le funzioni educative delle famiglie plurali, Ed. Junior, 2016

Letture consigliate:

Davide Cino, Silvia Demozzi, Figli “in vetrina”. Il fenomeno dello sharenting in un’indagine esplorativa, in RIEF rivista di educazione familiare, n° 2 luglio-dicembre 2017, pp.153-184
download full text: http://www.fupress.net/index.php/rief/article/view/22398/20342

S. Demozzi, "I bambini 'giocano grande'?" in A. Bobbio, A. Bondioli (a cura di), Gioco e infanzia. Teorie e scenari educativi, Carocci, 2019. 

Metodi didattici

Alla presentazione dei contenuti attraverso lezioni frontali verranno affiancati lavori di gruppo, presentazioni, visioni di film e video, letture di approfondimento.

Metodi utilizzati: lezioni frontali / sessioni interattive / lavori di gruppo

La frequenza delle lezioni è caldamente consigliata per agevolare lo studio dei testi d'esame e approfittare dell'opportunità di confronto e scambio tra pari.

Modalità di verifica dell'apprendimento

MODIFICHE IN CONSEGUENZA ALL’EMERGENZA SANITARIA CORONAVID-19

CORSO PEDAGOGIA DELL’INFANZIA E DELLE FAMIGLIE

La prova d'esame consiste in una prova orale composta da due sessioni (modulo 1 e modulo 2). Le due sessioni possono essere sostenute nella stessa data (in successione) o in date diverse.

Tipologia di prova:

- modulo 1: 3 domande sui testi d’esame.

- modulo 2: 2 domande sul testo d’esame

La valutazione terrà conto:

- della conoscenza dei testi di studio;

- delle capacità riflessive, critiche e di sintesi sui contenuti trattati nei rispettivi moduli;

- dell'uso corretto della lingua italiana nell’espressione orale e della puntualità lessicale.

Criteri per l’attribuzione dei voti:

Il voto sarà dato dalla media dei voti ottenuti nei due moduli.

Per il superamento della prova è necessario che il voto (esito della media) sia almeno 18.

È possibile conseguire un 30 se le risposte alle domande sono state puntuali e pertinenti (per contenuto e forma); è possibile conseguire un 30 e lode se le risposte (oltre a non contenere errori di contenuto e di forma) dimostrano capacità riflessiva e conoscenza particolarmente approfondita della materia.

Frequentanti e non: Il programma del corso e le modalità di esame sono le stesse per frequentanti e non.

Durata: Il colloquio di ciascun modulo durerà tra i 15 e i 25 minuti.

Iscrizione: Per sostenere la prova d'esame è necessaria l'iscrizione tramite il portale alma esami entro le scadenze previste. Non sono ammesse iscrizioni fuori lista: si invitano, pertanto, gli studenti e le studentesse ad organizzare al meglio i tempi di studio in relazione alle date d'esame.

N.B. Nel caso di appelli molto affollati, le docenti potranno protrarre l’appello in ulteriori giornate, dividendo gli iscritti in base all’ordine di iscrizione.

Strumenti a supporto della didattica

Testi, video, immagini, slides

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Silvia Demozzi

Consulta il sito web di Alessandra Gigli