26018 - ITALIAN WOMEN'S LITERATURE - LETTERATURA ITALIANA DELLE DONNE

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Istruzione di qualità Uguaglianza di genere Partnership per gli obiettivi

Anno Accademico 2019/2020

Conoscenze e abilità da conseguire

Lo studente possiede conoscenze approfondite sulla scrittura femminile nella letteratura italiana. Conosce e sa utilizzare le metodologie pratiche per l'analisi e l'interpretazione del testo letterario

Programma/Contenuti

Donne coraggiose. Scritture di e su donne

Il corso affronta, da un punto di vista concettuale e tematico, le scritture di e su donne. Il primo modulo si occupa di campioni della letteratura italiana fra Cinque e Ottocento, con particolare riferimento a Ariosto, Basile e Capuana. Il secondo modulo è invece dedicato alle scritture di Elena Ferrante, al romanzo Io sono con te di Melania Mazzucco e ad Amiche per la pelle di Laila Wadia.

Testi/Bibliografia

Letture

Ariosto, Orlando furioso, canti I, XIX, XXIII, XIV; G. Basile, Lo cunto de li cunti, a cura di M. Rak, Milano, Garzanti, 1998 (fiaba I, 5 I, 9; I, 10) L. Capuana, Profumo, Milano, Mondadori, 1996; E. Ferrante, L'amore molesto, Roma, Ed. e/o, 1992 e il primo volume dell'Amica geniale, Roma, Ed. e/o, 2011.; M. Mazzucco, Io sono con te. Storia di Brigitte, Torino, Einaudi, 2016; L. Wadia, Amiche per la pelle, Roma, e/o, 2007 .

Programma Gemma e studenti/studentesse Letterature moderne, comparate e postcoloniali: E. Ferrante, L’amore molesto, Roma, Ed. e/o, 1992.; Amica geniale, Roma, Ed. e/o, 2011; M. Mazzucco, Io sono con te. Storia di Brigitte, Torino, Einaudi, 2016; L. Wadia, Amiche per la pelle, Roma, e/o, 2007.

Bibliografia critica

L. Michelacci, Il microscopio e l’allucinazione. Luigi Capuana fra letteratura, scienza e anomalia, Bologna, Pendragon, 2015, pp. 79-115. E. Comoy Fusaro, La nevrosi tra medicina e letteratura : approccio epistemologico alle malattie nervose nella narrativa italiana, 1865-1922, Firenze, Polistampa, cap. 1 (disponibile on line tramite il proxy).

R. Mazzanti, Madri e figlie in Elena Ferrante, in Crispino A. M., Vitale M. (a cura di), Dell’ambivalenza. Dinamiche di narrazione in Elena Ferrante, Julie Otsuka e Goliarda Sapienza, Roma, Iacobelli editore, 2016, pp. 88-104 e A. Pirri, Elena Ferrante: nomi e corpi ambivalenti, in in Crispino A. M., Vitale M. (a cura di), Dell’ambivalenza. Dinamiche di narrazione cit., pp. 56-73.

N. Marchais, Dalla difficoltà all'impossibilità di diventare madre nella letteratura femminile contemporanea, in Madri: figure e figurazioni nella letteratura italiana contemporanea, Avellino, Sinestesie, 2014, pp. 285-329; T. De Rogatis, L’amore molesto di Elena Ferrante. Mito classico, riti di iniziazione e identità femminile, «Allegoria», 69-70, XXVI, 2014, pp. 273-308. T. de Rogatis, Elena Ferrante. Parole chiave, Roma, E/O, ©2018, pp. 27-54; U. Fracassa, Nuove frontiere della letteratura italiana della migrazione, in "Scritture migranti", 11 (2017), pp. 231-236; Leggere il testo e il mondo: vent'anni di scritture della migrazione in Italia, a cura di F. Pezzarossa Fulvio, I. Rossini, Cueb, 2011, Bologna (pagine scelte).

Gli studenti e le studentesse del programma Gemma e di Letterature moderne, comparate e postcoloniali leggeranno i saggi relativi a M. Mazzucco, Elena Ferrante, Laila Wadia.

Metodi didattici

Lezioni frontali accompagnate da attività seminariali. Parte integrante del corso è la partecipazione al convegno Scritture femminili in Italia (Bologna, San Giorgio in Poggiale, 19/20 novembre 2019)

Modalità di verifica dell'apprendimento

Il raggiungimento da parte dello studente di una visione organica dei temi affrontati a lezione congiunta alla loro utilizzazione critica, la dimostrazione di una padronanza espressiva e di linguaggio specifico saranno valutati con voti di eccellenza.
La conoscenza per lo più mnemonica della materia, capacità di sintesi e di analisi non approfondite e un linguaggio corretto ma non sempre appropriato porteranno a valutazioni discrete.
Conoscenza approssimativa, comprensione superficiale, scarsa capacità di analisi ed espressione non sempre appropriata condurranno a valutazioni fra la sufficienza e poco più.
Lacune formative, linguaggio inappropriato, mancanza di orientamento all'interno dei materiali bibliografici offerti nel programma non potranno che essere valutati negativamente.

Strumenti a supporto della didattica

Strumenti audio/video potranno essere utilizzati come supporto alla lezione frontale.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Lara Michelacci