27871 - ORGANIZZAZIONE DI EVENTI CINEMATOGRAFICI E AUDIOVISIVI (1) (LM)

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Istruzione di qualità Lavoro dignitoso e crescita economica Città e comunità sostenibili

Anno Accademico 2019/2020

Conoscenze e abilità da conseguire

Lo studente al termine del corso acquisisce i fondamenti storico-critici delle manifestazioni cinematografiche in Italia e all'estero. È inoltre in grado di sviluppare l'analisi generale del progetto di un festival o iniziativa cinematografica (differenze tra le diverse finalità, etica dell'organizzazione culturale, fondamenti di prassi giuridico-amministrativa, analisi dei sistemi di finanziamento, comparazione delle forme possibili), nonché il progetto realizzativo.

Contenuti

Il fondamendo del corso consiste nel doppio registro di apprendimento: quello teorico collegato all'organizzazione della cultura in generale, alla storia dei festival, alla loro struttura e prassi di esecuzione, fondamenti giuridici e amministrativi, da allargare nell'ottica del cultural management, a tutte le attività dell'organizzazione culturale con speciale attenzione ai modelli inerenti l'audiovisivo.

Ma il vero nucleo d'insegnamento, collegato all'esperienza del docente, riguarda invece la pratica e la simulazione di qusto tipo di attività professionale. Ha dunque speciale importanza, nella seconda parte del corso, l'esercitazione in gruppo e singola alla ricerca di modelli applicabili (reali o teorici) per costrurie insieme agli studenti un vero e proprio percorso di formazione che, al termine del corso, li porti ad aver simulato un vero e proprio evento da realizzare in tutte le sue parti, dal'ideazione alla progettazione, fino alla prassi di applicabilità.

Testi/Bibliografia

testi fondamentali:

- ORGANIZZARE EVENTI CULTURALI di Lucio Argano, Alessandro Bollo e Paolo Della Sega - Franco Angeli, 2018

- ORGANIZZARE EVENTI di Saverio Monno - Edizioni dal Sud, 2013

- CANNES CONFIDENTIAL di Thierry Fremaux, Donzelli Editore, 2018

- I FESTIVAL DEL CINEMA a cura di Mario Abis e Gianni Canova, Johan&Levi Ed, 2012

 

Testi consigliati:

- LE AZIENDE CULTURALI di Giacomo Magnani - Giappichelli Ed. 2017

- LO SCHERMO DIFFUSO di Daniele Ongaro - Tinarelli Ed 2005 (anche in formato kindle)

- CINEMA IN MOSTRA  a cura di Alberto Barbera - La Biennale ED, 2018

- SAPER VEDERE IL CINEMA di Antonio Costa - Bompiani, 2011

Metodi didattici

Nel settore dell'organizzazione della cultura l'Italia è ancora ai margini di una strutturazione teorica del mestiere del progettatore di eventi. L'enorme crescita di quest'attività induce però a dotare gli studenti degli strumenti di conoscenza del settore sia dal punto di vista del fruitore (filmmaker, spettatore, creativo) sia da quello di un futuro professionista specializzato. Grazie a una lunga esperienza come creatore di eventi e direttore di festival il docente mette a disposizione la sua professionalità e ricorre alla modalità di laboratorio affiancata dalla preparazione storico/teorica per sviluppare professionalità e competenze specifiche. Il corso sarà arricchito quest'anno dalla partecipazione di professionisti del settore, personalità di spicco nei vari campi dell'attività festivaliera, dalla programmazione alla promozione, dal marketing alla gestione amministrativa. Si utilizzerà quindi la tecnica delle lezioni frontali e quella del laboratorio collettivo per sviluppare un percorso completo, avvalendosi dell'utilizzo di filmati, case sudies, dimestichezza con i siti internet più adatti al settore audiovisivo, sia in Italia che all'estero.

Modalità di verifica dell'apprendimento

La verifica è elemento costante durante tutto il corso. Superata infatti la dinamica tradizionale quanto indispenabile della formazione storico-teorica (durata quattro lezioni), si passa a un'interazione costante con gli stduenti misurandosi su modelli simulati ed esperienze reali. In sede d'esame - prova scritta e orale - gli studenti saranno invitati ad esporre gli elaborati singoli o collettivi stimolati nel corso del laboratorio e a confrontarsi con i fondamenti del corso, avvalendoci della lettura dei testi proposti in bibliografia. Dovranno inoltre presentare un paper di autopresentazione in cui indicare brevemente la propria formazione, i propri interessi, la propria attitudine rispetto al corso.

Per i frequentanti (consigliato) sarà necessario realizzare:

- paper di autopresentazione

- progetto singolo o collettivo di evento culturale

- discussione di almeno un testo fondamentale e conoscenza di almeno un testo tra quelli consigliati

 

Per i non frenquentanti:

le modalità d'esame saranno le stesse dei frequentanti ma viene richiesta la discussione di n.3 testi tra fondamentali e consigliati

 

 

Strumenti a supporto della didattica

verranno usati gli strumenti tradizionali (libri e dispense) ma soprattutto si ricorrerà alla navigazione in rete con l'accesso ai maggiori siti internazionali relativi all'audiovisivo e saranno impiegati filmati dimostrativi (brani di film, attualità televisive, materiali d'archivio).

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Giorgio Gosetti Di Sturmeck