01353 - PSICOLOGIA DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI

Scheda insegnamento

Anno Accademico 2018/2019

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine dell'attività formativa, lo studente: - conosce e comprende i principali concetti e approcci teorici elaborati nell’ambito della Psicologia del Lavoro per analizzare le relazioni di interdipendenza tra individuo, compito lavorativo e organizzazione; - sviluppa specifiche capacità relazionali per l'interazione di gruppo e la gestione dei conflitti di lavoro; - è in grado analizzare i contesti e le relazioni di lavoro e di scegliere orientamenti metodologici e strumentali di analisi e intervento in base alle caratteristiche degli specifici contesti.

Programma/Contenuti

Il corso è suddiviso in due parti, che rispecchieranno la co-docenza delle prof.sse Guglielmi e Mazzetti.

PRIMA PARTE (Prof.ssa Greta Mazzetti)

La prima parte approfondisce i temi della Psicologia del Lavoro e si propone di fornire una solida conoscenza degli aspetti teorici, di ricerca e pratico-professionali che caratterizzano la Psicologia del Lavoro. Gli "obiettivi chiave" sono:

  1. Comprendere e usare i principali costrutti utili per analizzare e valutare le condizioni di lavoro e i potenziali work stressor;
  2. Comprendere e discutere criticamente gli argomenti proposti.

Contenuti:

  • Principali teorie e aree di ricerca in Psicologia del Lavoro;
  • Fattori di rischio psicosociale e salute;
  • Stress lavorativo e coping: modelli teorici, strumenti di valutazione e risultati di ricerca;
  • Valori e significati del lavoro nella vita delle persone;
  • Motivazioni, emozioni e lavoro.

SECONDA PARTE (Prof.ssa Dina Guglielmi)

La seconda parte si propone essenzialmente di analizzare e approfondire i presupposti teorici relativi alle relazioni nei contesti di lavoro, il funzionamento dei work team, la gestione e risoluzione dei conflitti.

I principali obiettivi didattici sono quelli di far acquisire le conoscenze essenziali per:

  1. Analizzare e valutare il lavoro nei gruppi di lavoro e le potenziali criticità che possono emergere;
  2. Identificare strumenti idonei alla prevenzione/o alla gestione dei conflitti, oltre ad approcci che consentano di favorire dinamiche interpersonali corrette nei contesti di lavoro.

Contenuti:
I contenuti si articolano in due categorie:

A) Gruppi di lavoro: caratteristiche fondamentali

  • Caratteristiche principali dei gruppi di lavoro: cultura, socializzazione e ruoli principali;
  • Il funzionamento dei gruppi di lavoro: comunicazione, struttura affettiva e buone pratiche per la condivisione delle attività.

B) Gruppi di lavoro: come promuoverne l'efficacia

  • Il conflitto nei gruppi: identificazione delle cause principali e delle conseguenze per il singolo e l'organizzazione;
  • Risoluzione delle dinamiche conflittuali nei gruppi: prevenzione e gestione del conflitto, modelli di leadership e efficacia del feedback.

Testi/Bibliografia

Ai fini dell'esame si devono preparare le slide e i materiali utilizzati a lezione e la seguente bibliografia dei quali la docente specificherà capitoli e pagine da studiare:

  1. FRACCAROLI F. & SARCHIELLI G. (2010) "Introduzione alla psicologia del lavoro". Il Mulino
  2. MALAGUTI D. (2007) "Fare squadra. Psicologia dei gruppi di lavoro". Il Mulino
  3. GUGLIELMI D. & FRACCAROLI F: (2016) “Stress a scuola: 12 interventi per insegnanti e dirigenti”.

Testi di approfondimento su cui basarsi per la stesura del Portfolio e dello studio di caso:

  1. BALDUCCI C. (2015) "Gestire lo stress nelle organizzazioni". Il Mulino
  2. GUGLIELMI D. (2015) "Mobbing. Quando il lavoro ci fa soffrire". Il Mulino

Per la prova orale lo studente FREQUENTANTE dovrà preparare, oltre ai materiali presentati a lezione, uno dei due testi di approfondimento riportati, quindi scegliendo tra Balducci (2015), oppure Guglielmi (2015).

Gli studenti non frequentanti dovranno invece preparare i testi di Fraccaroli e Sarchielli (2010), Malaguti (2007) e uno dei due testi di approfondimento riportati, quindi scegliendo tra Balducci (2015), oppure Guglielmi (2015).

Metodi didattici

I metodi didattici usati per il corso si baseranno principalmente sulla metodologia flipped classroom, al fine di promuovere un percorso formativo interattivo e partecipato che si avvarrà prevalentemente di strumenti didattici come lavori di gruppo, simulazioni, project work, discussione di casi, gruppi esperienziali e una forte e continuativa collaborazione con il territorio. Tali metodi si inseriscono nel più generale approccio innovativo alla didattica che caratterizzerà un percorso di LM altamente professionalizzante e qualificante. Inoltre, proprio grazie alla collaborazione tra Università ed enti del territorio, l’esperienza di tirocinio si caratterizzerà per la stretta connessione con la tesi di laurea, in modo da favorire la professionalizzazione degli studenti con un profilo di utenti di specifico interesse.

Modalità di verifica dell'apprendimento

A) Per gli studenti frequentanti saranno richiesti e valutati i seguenti prodotti: 1) Portfolio; 2) Studio di caso; 3) Prova orale per verificare la preparazione sui contenuti affrontati durante il corso.

Di seguito le indicazioni dei punti/voto dei diversi prodotti:

  • Portfolio (max 8 punti)
  • Case study (max 7 punti)
  • Esame orale (max 15 punti)

Voto finale: 30/30

Istruzioni relative a tali prodotti verranno fornite all'inizio del corso.

B) Per gli studenti che non frequentano regolarmente l'esame finale consiste in un esame orale riguardante i contenuti della I e della II parte del corso e i testi di Fraccaroli e Sarchielli (2010), Malaguti (2007). A ciò si aggiunge uno dei due testi di approfondimento riportati, quindi scegliendo tra Balducci (2015), oppure Guglielmi (2015).

Strumenti a supporto della didattica

I principali strumenti di lavoro utilizzati durante il corso saranno:

  • Esercitazioni di gruppo
  • Simulazioni
  • Gruppi esperienziali
  • Studi di caso
  • Presentazioni PowerPoint
  • Materiale cartaceo fornito dalle docenti
  • Materiali di studio consultabili e scaricabili dalla pagina web delle docenti (nei liiti del possibile).

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Dina Guglielmi

Consulta il sito web di Greta Mazzetti