81878 - MEDIA DIGITALI E GENERE

Scheda insegnamento

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Uguaglianza di genere Ridurre le disuguaglianze

Anno Accademico 2018/2019

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso lo studente/la studentessa conosce l’apporto storicamente offerto dalle donne alle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione (Information and Communication Technology) e in particolare al campo degli Internet Studies; conosce i contenuti dei principali dibattiti su “donne e web” (gender digital divide, Internet Governance, utilizzo di un linguaggio sessuato, costruzione di siti/motori di ricerca in ottica di genere, femminismo nella rete/della rete); è in grado di svolgere ricerche qualitative ed etnografiche sulle communities femminili; acquisisce competenze circa i modelli di imprenditorialità femminile sul web che ridefiniscono il marketing tradizionalmente inteso.

Programma/Contenuti

Il corso è costituito da due moduli. Nella prima parte del corso si ripercorrerà l'apporto storicamente offerto dalle donne nel campo delle ICT e in particolare degli Internet Studies. Inoltre saranno approfondite le tematiche legate alle disuguaglianze di genere inerenti alla Rete (dal gender digital divide, al tema del corpo e degli ideali di bellezza, al sessismo e alla violenza di genere) e, d'altro canto, verranno forniti esempi di siti, blog, social network e communities entro i quali vengono sovvertiti e sfidati i tradizionali stereotipi di genere.

Nella seconda parte del corso saranno considerati gli approcci teorici femministi alla Rete e forniti esempi di modelli di imprenditorialità femminile sul web che mettono in discussione e sovvertono l'ideologia patriarcale.

Testi/Bibliografia

- Saveria Capecchi (2018) "La comunicazione di genere. Prospettive teoriche e buone pratiche", Carocci, Roma.

- Saveria Capecchi, Elisabetta Ruspini (a cura di) (2009) "Media, corpi, sessualità. Dai corpi esibiti al cybersex", Franco Angeli, Milano.

- Marzia Vaccari (2009) Tecnologia-neutra-ma-non-neutrale in Patrizia Violi, Cristina Demaria, “Tecnologie di genere. Teoria, usi e pratiche di donne nella rete” Bononia University Press.

- Marzia Vaccari (2019) Saggio :: Appunti di "femminismo digitale" #1 è possibile il download del file pdf.

- Marzia Vaccari (2018) Paper :: Artificial Intelligence una critica femminista è possibile il download del file pdf.

Altri testi consigliati:

 Raewyn Connell (2009) "Questioni di genere", trad. it. il Mulino, Bologna 2011 (2° ed.)

Le filosofie femministe, Adriana Cavarero e Franco Restaino (Mondadori, 2002)

  • Gender and the media, Rosalind Gill (Polity, 2007)
  • New Femininities, a cura di Rosalind Gill e Christina Scharff (Palgrave Macmillan, 2011)
  • Lo schermo del potere. Femminismo e regime della visibilità, Alessandra Gribaldo e Giovanna Zapperi (Ombre corte, 2012)
  • Tutt’altro genere d’informazione coordinamento scientifico a cura di Monia Azzalini (2015, reperibile online)
  • Relazioni brutali. Genere e violenza nella cultura mediale, Elisa Giomi e Sveva Magaraggia (il Mulino, 2017)
  • Visioni del femminile a cura di Cristina Demaria e Roberta Sassatelli (“Studi culturali” 3/2013)
  • Questioni di genere nel giornalismo italiano a cura di Milly Buonanno (“Problemi dell’informazione” 3/2015)
  • Il prisma dei generi. Immagini di donne in tv, a cura di Milly Buonanno (Franco Angeli, 2014)

 

Metodi didattici

Lezioni frontali, analisi di caso e discussione critica dei testi mediali proposti, discussioni con esperti, lavori di gruppo.

Modalità di verifica dell'apprendimento

Studenti frequentanti e non frequentanti: esame scritto consistente in tre domande aperte sui testi obbligatori, durata 90 minuti, al fine di verificare la comprensione dei testi e soprattutto la capacità di riflessione critica sui principali temi/concetti.

In alternativa all'esame scritto SOLO PER I FREQUENTANTI (almeno 2/3 delle lezioni) possibilità di redigere un elaborato scritto (o "tesina" di max. 10/15 pagine) su un tema a scelta tra quelli trattati.

Studenti internazionali: possibilità di redigere l'esame scritto (o in alternativa la tesina) in inglese, francese o spagnolo.

Strumenti a supporto della didattica

Si farà utilizzo di slide, power point, video.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Saveria Capecchi

Consulta il sito web di Marzia Vaccari