12322 - STORIA DELLA LINGUA GRECA (1)

Scheda insegnamento

  • Docente Camillo Neri

  • Crediti formativi 6

  • SSD L-FIL-LET/02

  • Lingua di insegnamento Italiano

  • Campus di Bologna

  • Corso Laurea in Lettere (cod. 8850)

Anno Accademico 2018/2019

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso, lo studente avrà acquisito nozioni di base sulle tappe essenziali della lingua greca nella sua diacronia, dall'età arcaica alla formazione di quella 'lingua comune' che porterà al greco moderno. Attraverso l'analisi diretta di specimina testuali, egli acquisisce a) i concetti fondamentali per collocare storicamente un testo o un documento greco e b) le competenze metodologiche per analizzarlo dal punto di vista storico-linguistico.

Contenuti

Parte istituzionale

a) Elementi generali di storia della lingua greca.

Lettura-seminario (facoltativa, per laureandi in greco, in orario aggiuntivo da concordare)

b) La lingua della lirica tardo-arcaica: Bacchilide, Ep. 3.

 

Orario delle lezioni: Lunedì, Martedì, Mercoledì 16-18, Aula II (11.2.2019-10.4.2019).

Data di inizio: 11 febbraio 2019 (II semestre)

Orario di ricevimento: mer. gio. ven. 9-13 (presso il Dipartimento).

Links: http://www.unibo.it/docenti/camillo.neri

http://www2.classics.unibo.it/Didattica/Programs/20182019/Corso_Camillo/

 

Testi/Bibliografia

a) Appunti delle lezioni. O. Hoffmann-A. Debrunner-A. Scherer, Storia della lingua greca, trad. it. Napoli, Macchiaroli, 1969, oppure A. Meillet, Lineamenti di storia della lingua greca, trad. it. Torino, Einaudi, 2003 (3a ed.), oppure L.R. Palmer, The Greek Language, London, Faber, 1980. Si vedano anche le pagine introduttive di C. Neri (et all.), Μέθοδος. Corso di lingua e cultura greca. Grammatica, Firenze, D’Anna, 2018. Per lo studio dei dialetti greci, Y. Duhoux, Introduzione alla dialettologia greca antica, trad. it. Bari, Levante, 1986; L. Bottin, Testi greci dialettali, Padova, Imprimitur, 2000.

Si consigliano, a titolo facoltativo, inoltre le seguenti letture: per la fonetica, L. Heilmann, L’alfabeto e la pronuncia del greco, in AA. VV., Introduzione allo studio della cultura classica, II, Milano, Marzorati, 1973, 335-362, e M. Lejeune, Phonétique historique du mycénien et du grec ancien, Paris, Klincksieck, 1972; per la morfologia, P. Chantraine, Morphologie historique du grec, Paris, Klincksieck, 1961, e L. Heilmann, Grammatica storica della lingua greca, Torino, Sei, 1963; per l’indoeuropeo, O. Szemerényi, Introduzione alla linguistica indoeuropea, a c. di G. Boccali-V. Brugnatelli-M. Negri, Milano, Unicopli, 1985, F. Villar, Gli indoeuropei e le origini dell’Europa, trad. it. Bologna, il Mulino, 1997, W.P. Lehmann, La linguistica indoeuropea. Storia, problemi e metodi, trad. it. Bologna, il Mulino, 1999, M. Alinei, Origini delle lingue d’Europa, I-II, Bologna, il Mulino, 20002; per la lingua epica, P. Chantraine, Grammaire homérique, I-II, Paris, Klincksieck, 1948-1953.

b) Appunti delle lezioni. I testi critici di riferimento sono H. Maehler, Bacchylides. Carmina cum fragmentis, Monachii, Teubner, 2003 (3a ed.); H. Maehler, Die Lieder des Bakchylides, I-II, Leiden, Brill, 1982 (I), 1997 (II); J. Irigoin, Bacchylide. Dithyrambes. Epinicies. Fragments, Paris, Les Belles Lettres, 1993; per la traduzione italiana, vd. G.L. Martinelli, Bac­chi­li­de. Epinici – Ditirambi – Frammenti, Calvatone (CR)-Parma, Ambarvalia, 1998; Roberta Sevieri, Bacchilide. Epinici, Milano, La vita felice, 2007; M. Giuseppetti, Bacchilide, Odi e frammenti, Milano, Rizzoli (Bur), 2015; oppure un’altra edizione con testo greco (e, possibilmente, con apparato critico). Si vedano inoltre D. Fearn, Bacchylides. Politics, Performance, Poetic Tradition, Oxford-New York, Oxford University Press, 2007; A. McDevitt, Bacchylides. The Victory Poems, Bristol, Bristol Classical Press, 2009. Ulteriore bibliografia sarà fornita a lezione.

Gli studenti non frequentanti sono tenuti a portare lo stesso programma per quanto riguarda la parte istituzionale e a concordare un programma personalizzato, anche in ragione dei propri interessi, per la parte monografica.

Metodi didattici

Le lezioni saranno di due tipi: a) le lezioni frontali delineeranno una sintetica storia della lingua greca dalle origini all'età bizantina, attraverso la lettura di testi originali, tradotti e commentati dal docente; b) la lettura dell'epinicio di Bacchilide, dopo alcune lezioni introduttive e l'analisi esemplificativa di alcuni versi a cura del docente, sarà svolta in forma di relazione dagli stessi studenti, che potranno in tal modo verificare le competenze maturate nella prima parte del corso.

A fianco del corso, dall'1 al 10 aprile 2019, saranno tenute alcune lezioni di greco moderno, a partecipazione libera, a cura della Dott.ssa Elena Iakovou (Göttingen).

Tutti i materiali distribuiti nel corso delle lezioni saranno progressivamente resi accessibili e scaricabili sul web all'indirizzo http://www2.classics.unibo.it/Didattica/Programs/20182019/Corso_Camillo

Modalità di verifica dell'apprendimento

La prova di esame è invece orale e consiste in un colloquio in cui il docente, attraverso una serie di domande, accerterà le conoscenze teoriche e le metodologie teorico-pratiche presentate a lezione. In particolare, gli studenti saranno invitati a trattare un particolare capitolo della storia della lingua greca (per es. il gruppo dialettale ionico-attico, la koiné, etc.) attraverso l'analisi degli esempi testuali illustrati a lezione.

Il massimo dei voti prevede risposte precise e complete a tutte le domande poste nel corso dell'esame orale, che si riterrà superato (con valutazione variabile a seconda della qualità delle risposte) qualora il candidato abbia risposto in modo preciso e completo alla maggior parte delle domande.

Per radicata convinzione didattica non si propongono qui links a syllabi di domande, che finirebbero inevitabilmente per impoverire la preparazione generale degli studenti. Poiché gli appelli sono quindicinali, si invitano gli studenti che vogliano rendersi conto delle modalità pratiche di interrogazione a presenziare, da spettatori, alle sedute di esame, che sono pubbliche.

Strumenti a supporto della didattica

PC, videoproiettore, lavagna luminosa, fotocopie.

Link ad altre eventuali informazioni

http://www2.classics.unibo.it/Didattica/Programs/20182019/Corso_Camillo/

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Camillo Neri