73233 - LINGUAGGI E TECNICHE DEL MADE IN ITALY (2)

Scheda insegnamento

Anno Accademico 2018/2019

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso lo studente acquisisce conoscenza critica dello sviluppo e del sistema del fashion italiano nel quadro complessivo dei sistemi di produzione culturale; è in grado di analizzare secondo il metodo semiotico e sociosemiotico i valori centrali del Made in Italy declinati nei diversi casi di comunicazione, nelle diverse aggregazioni di processi produttivi e nei diversi linguaggi e stili; sa predisporre progetti di comunicazione all’interno di strategie imperniate su sistemi di valori definiti per risorse, opportunità e obiettivi.

Programma/Contenuti

Il corso propone strumenti critici e modelli interpretativi per analizzare semioticamente i linguaggi audiovisivi adoperati come strumento comunicativo e identitario nel campo della moda. In particolare verrà approfondito lo studio del fashion film nelle sue logiche evolutive, in comparazione con altri formati testuali (spot, video online).

Testi/Bibliografia

Testi obbligatori:

Spaziante, L. (2018) Dispense online.

Peverini, P. (2012), I media: strumenti di analisi semiotica, Roma, Carocci (capp. 1-2).

Spaziante, L. (2017) "Textual Innovation of The Audiovisual Language in Fashion Film" in Comunicazioni sociali, n. 1, pp. 27-36 (la versione in italiano "Fashion Film: logiche testuali e innovazione del linguaggio audiovisivo" sarà disponibile all'interno delle dispense online).

Spaziante, L. (2005), “Modularità e frontiere di formato: intersezioni tra corto, spot e videoclip” in I. Pezzini, R. Rutelli, (a cura di), Mutazioni audiovisive, sociosemiotica, attualita' e tendenze nei linguaggi dei media, Pisa, ETS, pp. 171– 186.

Marrone, G. (2007), Il discorso di marca, Roma-Bari, Laterza (selezione di capitoli).

 

Testi di approfondimento:

D'Aloia, A., Baronian, M. A., Pedroni, M. (2017) (eds.) "Fashionating Images. Audiovisual Media Studies Meet Fashion", Comunicazioni Sociali, 1.

Ciappei C., Surchi M. (2011) (a cura di), La mitopoiesi della marca moda: strategie di brand building nelle imprese moda, Milano, Franco Angeli.

Galoforo, G., Montebelli, M., Pomodoro, S. (2005), Moda e pubblicità: stili e tendenze del fashion system, Roma, Carocci.

Jin B., Cedrola, E. (2017) (eds.), Fashion Branding and Communication: Core Strategies of European Luxury Brands, New York, Palgrave Macmillan.

 

 

 


 

Testi di approfondimento:

D'Aloia, A., Baronian, M. A., Pedroni, M. (2017) (eds.) "Fashionating Images. Audiovisual Media Studies Meet Fashion", Comunicazioni Sociali, 1.

Ciappei C., Surchi M. (2011) (a cura di), La mitopoiesi della marca moda: strategie di brand building nelle imprese moda, Milano, Franco Angeli.

Galoforo, G., Montebelli, M., Pomodoro, S. (2005), Moda e pubblicità: stili e tendenze del fashion system, Roma, Carocci.

Marrone, G. (2007), Il discorso della marca, Roma-Bari, Laterza.

Jin B., Cedrola, E. (2017) (eds.), Fashion Branding and Communication: Core Strategies of European Luxury Brands, New York, Palgrave Macmillan.

 

Testi di approfondimento:

D'Aloia, A., Baronian, M. A., Pedroni, M. (2017) (eds.) "Fashionating Images. Audiovisual Media Studies Meet Fashion", Comunicazioni Sociali, 1.

Ciappei C., Surchi M. (2011) (a cura di), La mitopoiesi della marca moda: strategie di brand building nelle imprese moda, Milano, Franco Angeli.

Galoforo, G., Montebelli, M., Pomodoro, S. (2005), Moda e pubblicità: stili e tendenze del fashion system, Roma, Carocci.

Marrone, G. (2007), Il discorso della marca, Roma-Bari, Laterza.

Jin B., Cedrola, E. (2017) (eds.), Fashion Branding and Communication: Core Strategies of European Luxury Brands, New York, Palgrave Macmillan.

Metodi didattici

Le lezioni frontali avranno lo scopo di introdurre le problematiche e suggerire percorsi d'analisi pratica. Per questo è caldamente consigliata la presenza in aula per una partecipazione attiva al corso.

Su Iol Insegnamenti Online è possibile iscriversi al corso tramite inserimento nel piano di studi, per accedere a informazioni e contenuti riservati.

L'inizio delle lezioni è previsto per il 28 gennaio 2019.

Modalità di verifica dell'apprendimento

L'esame prevede una prova scritta in aula informatica con domande che vertono sui contenuti dei testi programma.

Facoltativamente sarà possibile integrare il voto dello scritto con un colloquio orale successivo, basato su una tesina da concordare preventivamente con il docente.

L'esame non prevede differenze tra frequentanti e non frequentanti.

Strumenti a supporto della didattica

Le lezioni frontali si avvarranno della strumentazione multimediale disponibile nelle aule (computer, proiettore, media player) per l'ascolto e la visione collettiva dei materiali utili alla comprensione del corso.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Lucio Spaziante