07269 - PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI

Scheda insegnamento

Anno Accademico 2018/2019

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine dell'attività formativa, lo studente: a) conosce i principali modelli teorici di riferimento; b) è in grado di applicare le conoscenze teoriche a diverse aree di intervento professionale; c) conosce le caratteristiche differenziali delle principali metodologie di intervento.

Contenuti

Il corso si tiene nel secondo ciclo (da fine febbraio a maggio 2018)

Il corso è organizzato in tre parti.

In apertura vengono presentate le principali aree di intervento della psicologia del lavoro nelle situazioni di lavoro organizzato, con particolare attenzione alle metodologie di analisi del posto di lavoro e delle caratteristiche personali dell'operatore.

La seconda parte di questo corso è dedicata allo studio dell'Occupational Safety & Health e e dei fattori – personali e organizzativi – che lo influenzano, con particolare riguardo allo stress lavoro-correlato e ai comportamenti anomali e contro-produttivi.

La terza e ultima parte introduce allo studio della valutazione degli interventi professionali e organizzativi. Vengono presentati i principali modelli e le principali tecniche per la valutazione degli interventi, utilizzando come esempio di partenza il caso degli interventi formativi.

Testi/Bibliografia

A fianco dei testi di riferimento sotto indicati, saranno utilizzati per lettura e per discussione anche materiali relativi a tecniche diagnostiche e di intervento, che saranno messi a disposizione degli studenti sulla piattaforma dedicata e commentati dal docente.

Gli studenti sono invitati a prendere visione di questi eventuali materiali supplementari prelevandoli secondo le indicazioni del docente. Anche questi eventuali materiali supplementari potranno essere oggetto di accertamento in sede di esame.

E' previsto lo studio di un articolo in lingua inglese. Per facilitare il compito agli studenti, questo verrà analizzato e commentato in una lezione apposita.

I testi indispensabili da preparare per l'esame sono:

1) Sarchielli G., Fraccaroli F. (2017). Introduzione alla psicologia del lavoro. Bologna: Il Mulino.

2) Fraccaroli F., Vergani A. (2004). Valutare gli interventi formativi. Roma: Carocci.

3) Burke, L.A., Hutchins, H.M. (2007). Training transfer: An integrative literature review. Human Resource Development Review, 6 (3), 263-296.

Metodi didattici

I contenuti del corso saranno trattati per mezzo di lezioni e di discussioni guidate: non ostante la numerosità del gruppo, saranno incoraggiati commenti e discussioni, soprattutto per facilitare i collegamenti con gli apprendimenti fatti (o da fare) in altre parti del percorso della laurea triennale. Saranno presentati esempi dei principali strumenti e delle più importanti tecniche di intervento. Filmati proporranno situazioni da commentare in aula.

Come da regolamento didattico, la frequenza a lezione non sarà rilevata ma è fortemente raccomandata: si ricorda infatti che, secondo la normativa nazionale in vigore, i crediti universitari sono attribuiti in parte a fronte di lavoro individuale, in parte a fronte di lavoro in aula.

La frequenza a lezione sarà specialmente utile a chi intendesse seguire un successivo percorso magistrale nello stesso settore della psicologia del lavoro e delle organizzazioni.

Modalità di verifica dell'apprendimento

La prova di accertamento si svolge esclusivamente in forma scritta. Comprende sei domande a risposta chiusa e sei domande a risposta aperta e ha una durata di 50 minuti.

L'insieme delle domande ha lo scopo di verificare la presenza delle informazioni di base nelle tre diverse aree del corso sopra descritte.

Le domande aperte:

  • sono formulate in maniera tale da richiedere non una semplice capacità mnemonica, quanto piuttosto l'applicazione a situazioni concrete di modelli e teorie studiate;
  • per la loro maggiore difficoltà valgono in media quattro volte più delle domande a risposta pre-determinata;
  • sono valutate con riferimento a un mix di: a) precisione della risposta (queste domande chiedono risposte specifiche, non di “parlare di” un tema); b) correttezza argomentativa e terminologica (la sintesi non può oscurare la chiarezza e la precisione della risposta); c) qualità della spiegazione della risposta e, quando richiesto, presenza di esemplificazioni appropriate.

Le domande a risposta pre-determinata:

  • sono presentate con tre alternative di risposta;
  • l’errore viene penalizzato sottraendo 1/3 di quanto si acquisirebbe rispondendo esattamente;
  • la mancata risposta non viene penalizzata.

La difficoltà delle prove è tarata sempre sulla possibilità di ottenere sino al massimo dei voti nel tempo indicato. Lo/a studente/ssa può in ogni momento ritirarsi dalla prova a sua discrezione, presentandosi – se lo desidera – già alla prova successiva.

IMPORTANTE: Si prega di notare che l'iscrizione è condizione necessaria per accedere all'esame. La lista di iscrizione si chiude senza eccezioni 3 giorni lavorativi prima della data di esame, per permettere una adeguata preparazione delle prove scritte. Queste, soprattutto in caso di particolare numerosità dei candidati, sono infatti organizzate per versioni parallele equivalenti.

Gli studenti di scambio che lo desiderino possono, previo accordo con il docente, rispondere alle domande aperte anche in inglese, francese o spagnolo.

Per quanto riguarda le modalità di iscrizione e di registrazione e tutte le attività collegate, si trova risposta alla maggior parte delle domande nel file F.A.Q. (Frequently Asked Questions) pubblicato nel sito docente, anche senza dover presentarsi negli orari di ricevimento.

Strumenti a supporto della didattica

Materiale audiovisivo, documenti indicati a lezione e/o messi a disposizione per il download nella piattaforma dedicata.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Marco Depolo