70892 - LO SCREENING E LA GESTIONE DELLE INFEZIONI IN GRAVIDANZA

Scheda insegnamento

  • Docente Giuliana Simonazzi

  • Crediti formativi 1

  • SSD MED/40

  • Modalità didattica Convenzionale - Lezioni in presenza

  • Lingua di insegnamento Italiano

Anno Accademico 2018/2019

Conoscenze e abilità da conseguire

Conoscenza e capacità di comprensione: al termine del corso lo studente avrà acquisito gli elementi utili per la comprensione delle modificazioni dell`organismo materno in relazione allo sviluppo embrio-fetale e del rischio fetale da cause materne, genetiche e infettive. Conoscenza e capacità di comprensione applicate: al termine del corso lo studente sarà in grado di applicare le conoscenze apprese nell`ambito della professione, sapendo controllare dal punto di vista clinico, laboratoristico e strumentale l`evoluzione della gravidanza, in sintonia con le direttive desunte dalle recenti Linee Guida Nazionali coordinate dall`Istituto Superiore di Sanità. Autonomia di giudizio: al termine del corso lo studente sarà in grado di identificare le gravide a rischio e indirizzarle verso le strutture specialistiche di riferimento. Abilità comunicative: al termine del corso lo studente sarà in grado di comunicare in modo chiaro e articolato l`interpretazione dei risultati degli screening previsti nella gestione della gravidanza fisiologica. Capacità di apprendere: al termine del corso lo studente sarà in grado di utilizzare criticamente la letteratura scientifica del settore specifico acquisendo capacità di aggiornamento autonomo.

Programma/Contenuti

Il corso prevede  3 incontri  consistenti in lezioni frontali e presentazione /discussione di casi clinici.   Durante le lezioni verranno illustrate e discusse le problematiche generali connesse con la trasmissione verticale delle infezioni e la gestione prenatale finalizzata alla prevenzione delle infezioni congenite. In particolare un primo inquadramento generale prevede cenni di epidemiologia delle principali malattie infettive a tramissione verticale, le modificazioni immunologiche indotte dallo stato gravidico, i meccanismi e le vie della trasmissione madre–feto, la quantificazione del rischio fetale, le complicanze ostetriche e le possibili conseguenze postnatali. Un secondo momento riguarderà  la problematicità degli screening, le direttive a tutela della maternità attualmente in vigore nel nostro e in altri paesi e le evidenze scientifiche al riguardo.  Un punto focale  è quello delle indagni diagnostiche, in particolare quali indagini di laboratorio richiedere per lo screening o per l'approfondimento diagnostico dei casi dubbi e  relativa tempistica, quali indagini  clinico-strumentali  effettuare per lo studio del feto e relativa tempistica, quali indagini raccomandare per l'accertamento sul neonato e le informazioni sull'opportunità del follow-up postnatale. Verranno infine inquadrate nello specifico alcune malattie infettive a trasmissione verticale tra quelle più rilevanti per frequenza e rischio.

Testi/Bibliografia

Presentazioni in PowerPoint utilizzate nel corso delle lezioni

Metodi didattici

Lezioni frontali e interattive, presentazione di casi e discussione. Potranno inoltre essere concertate col docente visite in reparto e nell'ambulatorio dedicato per assistere alla gestione di alcune delle problematiche oggetto del corso.

Modalità di verifica dell'apprendimento

Prova scritta consistente in una serie di domande a risposta multipla sugli argomenti presentati a lezione. La soglia di idoneità sarà rappresentata da un numero di risposte corrette pari all'80% dei quesiti posti.

Strumenti a supporto della didattica

Presentazioni in PowerPoint utilizzate nel corso delle lezioni

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Giuliana Simonazzi