04177 - SOCIOLOGIA DELLA LETTERATURA

Scheda insegnamento

  • Docente Fulvio Pezzarossa

  • Crediti formativi 9

  • SSD L-FIL-LET/14

  • Modalità didattica Convenzionale - Lezioni in presenza

  • Lingua di insegnamento Italiano

  • Orario delle lezioni dal 02/10/2018 al 21/12/2018

SDGs

L'insegnamento contribuisce al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

Povertà Zero Città e comunità sostenibili Pace, giustizia e istituzioni forti

Anno Accademico 2018/2019

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso lo studente possiede conoscenze di base sul funzionamento delle istituzioni letterarie, sui rapporti tra testo e contesto, sulle dinamiche della comunicazione letteraria e dei relativi condizionamenti politici, ideologici, socioeconomici, editoriali. Conosce e sa utilizzare le principali forme di indagine della sociologia della letteratura, con particolare attenzione alle componenti tematiche e sociologiche dei testi letterari.

Programma/Contenuti

GLI ITALIANI TRA VECCHIE E NUOVE MIGRAZIONI.

L’attualità alimenta una interpretazione minacciosa e aggressiva dei flussi migratori internazionali che incrociano la nostra penisola.

In realtà la storia stessa dell’unità italiana è segnata nella sua intera esistenza da enormi flussi di migrazione in uscita, che hanno interessato la totalità delle regioni e una larga varietà di ceti e strati sociali, da braccianti e operai, sino a figure intellettuali, che oggi, sotto l’etichetta della “fuga dei cervelli”, costituiscono largo numero di espatriati all’interno e oltre l’orizzonte del nostro continente.

Il corso intende riflettere sulle profonde trasformazioni generate dai flussi internazionali, utilizzando alcune delle numerose testimonianze letterarie che ne sono derivate, in lingua materna, o in quella dei paesi d’arrivo. Esse rivelano i complessi motivi che originano la migrazione, i passaggi drammatici che segnano viaggi e traversate, i difficili approcci con usanze e culture all’apparenza estranee, i processi segmentati e contraddittori, ma sovrapponibili nella dinamica generale, che generano progressivo integrazione nel succedersi delle generazioni.

Figure ed epopee come quella di Marisa Fenoglio e Carmine Abate in Germania; Saro Marretta in Svizzera; Luigi Di Ruscio in Norvegia; Girolamo Santocono e Salvatore Adamo in Belgio; Rosa Cappiello in Australia; Marinette Pendola e Erminia Dell’Oro in Africa; John Fante, Helen Barolini, Louise De Salvo, Jerre Mangione negli USA …, rappresentano un corpus testuale ricco e vario, pur nel convergere di situazioni e motivi, sulla quale la critica ha portato scarsi sondaggi, pur costituendo a pieno titolo, per ampiezza e qualità, un capitolo che completa gli esiti della letteratura nazionale.

Ma non rimangono in silenzio nemmeno le migliaia di giovani, interpreti della nuova mobilità internazionale, affidando il racconto delle loro (dis)avventure, oltre che alle testimonianze narrative, agli interventi diretti con interviste e un largo uso degli strumenti della rete (blog).

Testi/Bibliografia

TUTTI gli studenti leggeranno UN VOLUME a scelta per ogni sezione.

I NON FREQUENTANTI leggeranno 2 VOLUMI dalla sezione III) o dalla V).

I) Storia delle migrazioni

Gli italiani sono bianchi? Come l’America ha costruito la razza, a cura di J. Guglielmo e S. Salerno, Milano, Il Saggiatore, 2006.

P. AUDENINO-M. TIRABASSI, Migrazioni italiane. Storia e storie dall’Ancien régime a oggi, Milano, B. Mondadori, 2008.

S. RINAURO, Il cammino della speranza. L’emigrazione clandestina degli italiani nel secondo dopoguerra, Torino, Einaudi, 2009.

M. PRETELLI, L’emigrazione italiana negli Stati Uniti, Bologna, Il Mulino, 2011.

M. SANFILIPPO, Faccia da italiano, Roma, Salerno Ed., 2011.

P. CORTI-M. SANFILIPPO, L’Italia e le migrazioni, Roma-Bari, Laterza, 2012.

A. DE CLEMENTI, L’assalto al cielo. Donne e uomini nell’emigrazione italiana, Roma, Donzelli, 2014.

Minatori di memorie. Memoria culturale e culture della memoria delle miniere e della migrazione italiana in Limburgo e Vallonia, a cura di M. PRANDONI e S. SALSI, Bologna, Pàtron, 2017.

M. ANSELMO-P. MARCELLO, Storie di magliari. Mestieranti napoletani sulle strade d’Europa, Roma, Donzelli, 2017.

P. BARCELLA, Per cercare lavoro. Donne e uomini dell’emigrazione italiana in Svizzera, Roma, Donzelli, 2018.

II) Migrazione e letteratura

C. ROMEO, Narrative tra due sponde. Memoir di italiane d’America, Roma, Carocci-Università “La Sapienza”, 2005.

P. CARCANO, Italiani all’estero. Autobiografia ed emigrazione, Isernia, C. Iannone, 2007.

L. LUATTI, Adulti si nasceva. Immagini e metafore letterarie sull’emigrazione giovanile girovaga e di lavoro dall’Ottocento ai giorni nostri, Isernia, C. Iannone, 2016.

F. DURANTE, La letteratura italoamericana. Storia, autori, opere dal ’700 a oggi, Brescia, la Scuola, 2017.

A. MARTELLINI, “Abasso di un firmamento sconosciuto”. Un secolo di emigrazione italiana nelle fonti autonarrative, Bologna, il Mulino, 2018.

III) Romanzi

L. MENEGHELLO, Il dispatrio, Milano, Rizzoli, 2000.

L. DESALVO, Vertigo, Roma, Nutrimenti, 2006.

T. DE ROSA, Pesci di carta, Roma, Nutrimenti, 2007.

K. RAGUSA, La pelle che ci separa, Roma, Nutrimenti, 2008.

J. FANTE, Dago Red. Racconti, Torino, Einaudi, 2006.

Uè paisà. Racconti dall’identità italoamericana, a cura di C. Francellini, Lecce, Manni, 2012.

L. DI RUSCIO, Neve nera, in Romanzi, Milano, Feltrinelli, 2014.

S. MARRETTA, Piccoli italiani in Svizzera, Isernia, C. Iannone, 2007.

G. SANTOCONO, Rues des Italiens, Siena, Gorée, 2006.

S. ADAMO, La notte…l’attesa, Roma, Fazi, 2015.

M. FENOGLIO, Vivere altrove, Palermo, Sellerio, 2003.

F. BIONDI, Vita emigrata, Isernia, C. Iannone, 2007.

J. PORTANTE, Mrs Haroy. La memoria della balena, Roma, Empirìa, 2006.

A.R. TERRUSI, Ritorno al Paese delle Aquile, Nardò (LE), BESA, 2011.

M. PENDOLA, La riva lontana, Palermo, Sellerio, 2000.

L. FONTANELLA, Il dio di New York, Firenze, Passigli, 2017.

IV) Nuove migrazioni

Giovani oltre confine. I discendenti e gli epigoni dell’emigrazione italiana nel mondo, a cura di C. CALTABIANO e G. GIANTURCO, Roma, Carocci, 2005.

F. PRANDSTRALLER, Per amore, per lavoro. Storie di donne espatriate, Milano, Guerini & Ass., 2006.

C. CUCCHIARATO, Vivo altrove. Giovani senza radici: gli emigranti italiani d’oggi, Milano, B. Mondadori, 2010.

M. TIRABASSI e A. DEL PRA’, La meglio Italia. Le mobilità italiane nel XXI secolo, Torino, Accademia University Press, 2014.

La nuova emigrazione italiana. Cause, mete e figure sociali, a cura di I. GIERGJI, Venezia, Ed. Ca’ Foscari, 2015. (on line)

P. MELONE, Emigrazione italiana e identità a New York. Una ricerca sui giovani italoamericani, Firenze, F. Cesati, 2016.

E. PUGLIESE, Quelli che se ne vanno. La nuova emigrazione italiana, Bologna, il Mulino, 2018.

V) Narrazioni

G. VARALLO, Biglietto aperto. Una dottoressa italiana nella Silicon Valley, Cava de’ Tirreni, Avagliano, 2003.

A. ROMEO, La deutsche vita, Torino, SEB 27, 2007.

M. TOFFOLETTO, Il pescivendolo italiano in Norvegia, Asolo, Aurelia Ed., 2014.

D. GALELLI-M. ZIZZO, Mamme nel deserto (ma come ci siamo finite in Kuwait?), Pescara, CARSA, 2014.

F. CABALETTI, La Storia di un’Immigrata allo sbaraglio. Viaggio di sola andata per l’Australia (on line)

M.A. MARIANI, Dalla Corea del Sud. Tra neon e bandiere sciamaniche, Roma, Exòrma, 2017.

G. PANDOLFELLI, Terra, mare e altrove, Isernia, C. Iannone, 2017.

L. GINZBURG, Buongiorno mezzanotte, torno a casa, Roma, Italo Svevo, 2017.

A. PRUNETTI, 108 metri. The new working class hero, Roma-Bari, Laterza, 2018.

 

Metodi didattici

LEZIONI FRONTALI  in lingua italiana.

Il corso di 60 ore si svolge nel I Semestre a partire dal 2 Ottobre 2018, nelle Aule di Via Zamboni 38:

Martedì 17-19 aula Tibiletti

Mercoledì 17-19 aula II

Venerdì 15-17 aula II

Modalità di verifica dell'apprendimento

Gli studenti dovranno sostenere un esame orale.

L'accertamento delle conoscenze e abilità acquisite consiste in un colloquio che ha lo scopo di valutare le capacità critiche e metodologiche maturate dallo studente, il quale sarà invitato a confrontarsi con i testi in programma. Lo studente dovrà dimostrare una appropriata conoscenza della bibliografia indicata nel programma.

Il raggiungimento da parte dello studente di una visione organica dei temi affrontati a lezione congiunta alla loro utilizzazione critica, la dimostrazione di una padronanza espressiva e di linguaggio specifico saranno valutati con voti di eccellenza.

La conoscenza per lo più mnemonica della materia, capacità di sintesi e di analisi non approfondite e un linguaggio corretto ma non sempre appropriato porteranno a valutazioni discrete.

Conoscenza approssimativa, comprensione superficiale, scarsa capacità di analisi ed espressione non sempre appropriata condurranno a valutazioni fra la sufficienza e poco più.

Lacune formative, linguaggio inappropriato, mancanza di orientamento all'interno dei materiali bibliografici offerti nel programma non potranno che essere valutati negativamente.

Strumenti a supporto della didattica

Videoproiettore, lavagna luminosa, filmati, risorse web.

Incontri con scrittori e intellettuali di cultura islamica.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Fulvio Pezzarossa